mercoledì 13 dicembre 2017

15 dicembre - PALAZZO STROZZI - FIRENZE Convegno di studi su Francesco I de' Medici

In occasione della mostra "Il Cinquecento a Firenze, 'maniera moderna' e controriforma tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna", la Fondazione Palazzo Strozzi e The Medici Archive Project organizzano Il Principe dei Granduchi, convegno di studi su Francesco I de’ Medici. Da un’idea di Marco Ferri, l’evento speciale si terrà venerdì 15 dicembre, dalle 15 alle 19 nell’Altana di Palazzo Strozzi, a Firenze. L'ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

16 dicembre - Cenacolo del Museo di Santa Croce - Concerto di Canto Gregoriano

Nella splendida cornice del Cenacolo del Museo di Santa Croce, sabato 16 dicembre 2017, alle ore 21,

 il Coro Viri Galilaei terrà un concerto di canto gregoriano eseguendo

un programma incentrato sul repertorio dell’Avvento e Natale.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.

L’accesso al Chiostro dove si trova il Cenacolo sarà possibile a partire dalle 20,30.

In allegato la locandina e il programma del concerto.



Per ulteriori informazioni:

Per informazioni:

3280427031

info@gregoriano-virigalilaei.it

viri.galilaei@tin.it

Il Nettuno, Piazza della Signoria

Foto di Roberto Di Ferdinando

Proverbio Toscano del Giorno

"Maggior porta, maggior battitoio"

martedì 12 dicembre 2017

"Io entrai a Firenze...."

"Io entrai a Firenze. Era
di notte. Tremai sentendo
quasi addormentato ciò che il dolce fiume
mi raccontava. Io non so
ciò che dicono i quadri e i libri
(non tutti i quadri né tutti i libri
solo alcuni),
ma so ciò che dicono
tutti i fiumi.
Hanno la stessa lingua che io ho.
"
(Pablo Neruda)

13-14 dicembre - Giornate di studio: "Alienati, internati, tardivi e nervosi."

Giornate di studio sulle fonti archivistiche toscane per la storia del disagio mentale dall’Unità d’Italia ad oggi. 13-14 dicembre 2017, ore 10-17, Auditorium dell’Archivio di Stato di Firenze, viale Giovine Italia, 6 Firenze. Organizzazione: Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo, Direzione Generale Archivi - Archivio di Stato di Firenze, Sovrintendenza Archivistica e Bibliografia per la Toscana.
https://www.sagas.unifi.it/upload/sub/documentazione/documenti/Dicembre%20guarnieri%20alienatiflyer_stampa.pdf

13 dicembre - Fondazione il Fiore: incontro sulla “Scuola oltre i confini” per la Giornata dei Diritti Umani 


Il 13 dicembre, alla Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze, incontro sul diritto universale all’istruzione, in particolare per i minori stranieri e in rapporto alla questione dell’integrazione. Intervengono Antonella Cirillo, Elena Gremigni, Giovanna Lucci, Carmelo Mezzasalma e Mario Aldo Toscano. Coordina Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Ingresso libero.

 

L’articolo 26 della “Dichiarazione universale dei diritti umani”, proclamata dall’Onu il 10 dicembre del 1948, afferma il diritto di tutti all’istruzione, precisando tra l’altro che essa «deve essere indirizzata al pieno sviluppo della personalità umana e al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Essa deve promuovere la comprensione, la tolleranza, l'amicizia fra tutte le nazioni, i gruppi razziali e religiosi, e deve favorire l’opera delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace».

Per questo la Fondazione il Fiore e la Biblioteca umanistica dell’Università di Firenze celebrano la Giornata mondiale dei Diritti Umani, in memoria di tale proclamazione, con un incontro sul tema della scuola come strumento di attuazione del diritto all’istruzione, esaminato in particolare in rapporto alla questione dell’integrazione dei minori stranieri. L’appuntamento, intitolato “La scuola oltre i confini – i valori universali della conoscenza”, è mercoledì 13 dicembre alle 16,30 nella sala Comparetti della Biblioteca umanistica (piazza Brunelleschi 3-4) e prevede gli interventi di storici della sociologia e/o sociologi, provenienti per la maggior parte dall’Università di Pisa, quali Mario Aldo Toscano, Antonella Cirillo, Elena Gremigni e Giovanna Lucci, che, insieme a Carmelo Mezzasalma, tratteranno il tema dell’incontro a partire dai seguenti libri: ‘Xenia – nuove sfide per l’integrazione sociale’ (Franco Angeli 2015), a cura di Mario Aldo Toscano e Antonella Cirillo; ‘Insegnanti ieri e oggi – i docenti italiani tra precariato, alienazione e perdita di prestigio’ di Elena Gremigni (Franco Angeli 2012); ‘La solitudine della scuola – lettura del conflitto tra regole e pratiche’ di Giovanna Lucci (Le Lettere 2012); ‘L’Italia della conoscenza – ritardi, retoriche e opportunità’ di Gerardo Pastore (Pisa University Press 2015).

Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore, modererà l’incontro, che sarà introdotto dal saluto di Floriana Tagliabue, direttore della Biblioteca umanistica.

Ingresso libero.

Per ulteriori informazioni, Fondazione il Fiore. Tel.: 055-225074

 

Il 10 dicembre 1948, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Dopo questa solenne deliberazione, l'Assemblea delle Nazioni Unite diede istruzioni al Segretario Generale di provvedere a diffondere ampiamente questa Dichiarazione e, a tal fine, di pubblicarne e distribuirne il testo non soltanto nelle cinque lingue ufficiali dell'Organizzazione internazionale, ma anche in quante altre lingue fosse possibile, usando ogni mezzo a sua disposizione. Il testo ufficiale della Dichiarazione è disponibile nelle lingue ufficiali delle Nazioni Unite, cioè cinese, francese, inglese, russo e spagnolo. Il documento, pur essendo promulgato dall’ONU, non è strettamente vincolante per gli Stati membri dell’organizzazione anche se, ormai, i diritti e le libertà in esso riconosciuti sono adottati dalla gran parte della nazioni civili. La Dichiarazione dei Diritti Umani è un codice etico di importanza storica fondamentale: è stato infatti il primo documento a sancire universalmente i diritti che spettano a ogni essere umano.

 

Veduta dalle Rampe di San Niccolò

Foto di Roberto Di Ferdinando


14 e 15 dicembre - Convegno: "Giacomo Becattini: attualità della lezione di un economista 'completo'"

Si svolgerà il 14 e 15 dicembre 2017, organizzato da: Dipartimento di scienze per l'economia e l'impresa (DISEI), Dipartimento di Scienze politiche e sociali (DSPS), Scuola di Economia e Management.
Info:
https://www.dsps.unifi.it/upload/sub/avvisi/2017/Convegno-Becattini_L.pdf

Proverbio Toscano del Giorno

"Ognuno c'è per la parte sua"

16 dicembre - Incontro con Mauro Scardovelli dal titolo “Costituzione, Non Violenza, Ripudio Della Guerra”

Vi invitiamo all'incontro con Mauro Scardovelli dal titolo

“Costituzione, Non Violenza, Ripudio Della Guerra”

che si terrà sabato 16 dicembre, dalle ore 15:00 alle ore 18:00,

presso il Circolo ARCI R. Andreoni in via d’Orso 8 a Firenze (zona Campo Marte)

 In allegato volantino dell’evento.

​-- ​

Ingresso libero

​ --​
Breve introduzione a​

ll'argomento

​:

COSTITUZIONE, NON VIOLENZA, RIPUDIO DELLA GUERRA.

L’incredibile ricchezza umana della Costituzione Italiana ci permette di comprendere come e perché il pensiero neoliberista distrugga la nostra felicità.

 

L’attuale crisi planetaria, prima che economica, finanziaria e politica, è culturale, antropologica, spirituale. Il neoliberismo incarna un tipo pensiero, relazione, cultura e antropologia, che distrugge democrazia, diritti umani e ambiente.

Per liberarci dal neoliberismo, abbiamo bisogno di un nuovo tipo di pensiero.

E questo tipo di pensiero - paradossalmente - è quello che più fa star bene le persone che lo praticano, in quanto fondato sulle qualità dell’Essere, fondato cioè su quelle qualità o virtù che generano senso, orientamento e felicità durevole in una vita pienamente vissuta. Esempio di qualità dell’essere, o qualità democratiche, sono la benevolenza, l’empatia, l’ascolto profondo, la genuinità, la compassione, l’accettazione incondizionata, il rispetto, l’equanimità, l’umiltà, la generosità.

Opposto delle qualità dell’Essere sono gli inquinanti della mente, che rendono la mente ottusa e insocievole. Esempio di inquinanti sono: la malevolenza, l’orgoglio, la presunzione, l’arroganza, la permalosità, l’indifferenza, la dispatia, il risentimento, l’avidità.

In questa conferenza, scopriremo come stia finalmente nascendo in Italia un esercito pacifico e determinato di “Insurrezionalisti dell’Anima”, un movimento dal basso che - sulla scia degli insegnamenti gandhiani - vuole impegnarsi in una rivoluzione del pensiero, della psiche e della cultura, mettendo al centro il processo di autoconoscimento e comprensione delle dinamiche macroeconomiche e giuridiche che hanno permesso un tale scempio del nostro e di molti altri Paesi, per poter davvero “diventare il cambiamento che vogliamo dal mondo” con competenza ed entusiasmo.

 

 

Mauro Scardovelli

Giurista, psicoterapeuta, musicoterapeuta, fondatore di Aleph – Biodinamica Umanistica (ex “Aleph – PNL Umanistica Integrata”) scuola di pensiero, di trasformazione e crescita personale.

Terminata la carriera di docente di Diritto Costituzionale presso l’Università degli Studi di Genova, dal 2006 si occupa a tempo pieno di formazione e crescita personale, supervisione, ricerca e divulgazione di temi psicologici, relazionali, sociali, economici.

Associazione Culturale

Vivere l'Etica

http://vivereetica.wordpress.com/
https://www.facebook.com/vivereletica

domenica 10 dicembre 2017

12 dicembre - Conferenza - MISTERI DELLA RINASCITA NELL’ESOTERISMO DEI VANGELI

MARTEDÌ 12 DICEMBRE ALLE ORE 21, primo di due
incontri con Augusta Corradetti e Alessandro Mazzucchelli che ci parleranno
de “I MISTERI DELLA RINASCITA NELL’ESOTERISMO DEI VANGELI”, presso la nostra
sede, Lungarno Guicciardini 11/r.INGRESSO LIBERO.

Per leggere un breve articolo di presentazione dell’argomento vedi il nostro
sito alla pagina
https://archeosofiafirenze.org/2017/12/06/12-dicembre-2017-i-misteri-della-r
inascita-nellesoterismo-dei-vangeli/

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/rosso
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net
http://archeosofiafirenze.org
SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK https://www.facebook.com/archeosofiafirenze

12 dicembre - Conferenza - La Villa Medicea La Magia a Quarrata e lo spirito del luogo, un itinerario d'arte contemporanea ambientale nel giardino

l’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi martedì 12 dicembre 2017 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), per la conferenza La Villa Medicea La Magia a Quarrata e lo spirito del luogo, un itinerario d'arte contemporanea ambientale nel giardino, a cura della Dott.ssa Claudia Cappellini.

L'incontro permetterà di approfondire la storia della villa, del suo restauro e dell'inserimento della collezione "Lo spirito del luogo", dedicata ad opere di arte contemporanea progettate in situ da artisti quali Fabrizio Corneli, Anne e Patrick Poirier, Marco Bagnoli e Maurizio Nannucci.

Questa interessante analisi sul rapporto tra giardini storici e arte contemporanea sarà introdotta dal Dott. Stefano Casciu, Direttore del Polo Museale della Toscana.

L’incontro è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.

Associazione "Per Boboli"

Segreteria Relazioni Esterne e Comunicazione

www.associazioneperboboli.com

associazioneperboboli@gmail.com
www.facebook.com/AssociazionePerBoboli

sabato 9 dicembre 2017

"Lieta Firenze......"

"Presto ritornerò a questa lieta Firenze, dove solamente posso vivere."
(Pietro Giordani)

venerdì 8 dicembre 2017

9 dicembre - Le Murate - resentazione libro con Autore MONI+Cena tipica africana

     SABATO 09 DICEMBRE

    h 18:00 Presentazione libro con Autore

MONI
MdS  Editore

Di e con Anna Granata
Intervengono: Gea Brown, sound artist; e Silvia Belli, editor di MdS editore.
Anna Granata suonerà alcune parti del radiodramma tratto dall’omonimo romanzo.

A due anni dall’uscita del suo ultimo lavoro discografico, “Re-Edith”, Anna Granata, cantante e compositrice, si propone in una veste nuova: quella di scrittrice. Il suo romanzo “Moni” racconta una parte del percorso di vita di un musicista. Una storia che si compone, tassello dopo tassello, attraverso gli eventi che gli accadono intorno: perché Moni si costruisce grazie alle esperienze e agli incontri con le persone e gli animali, senza differenza di specie: la sua sensibilità verso la natura è infatti una parte essenziale del suo esistere che si concretizza nella ricerca di una moralità laica rispettosa di ogni forma di vita. I suoi compagni sono indifferentemente umani o animali, deviano il suo percorso, segnato da una sensibilità emotiva molto forte, il dolore di un amico e quello di un cinghiale morente al bordo di una strada, la gioia di un incontro o il primo volo di un piccione salvato al prezzo di lunghe e amorevoli cure.
Il romanzo è anche la storia della ricerca di una pace interiore che sfugge, inesorabilmente, turbata da una voce potente che proviene da dentro di lui, a causa di un’attitudine schizoide. Moni l’ha chiamata “Presenza” ed è la sua voce, talvolta materna e talvolta crudele, che ci accompagna nella caduta progressiva del personaggio. Malgrado il diverso canale espressivo Anna Granata non ha rinunciato alla consueta forte sensibilità, dando vita a un personaggio complesso e sfaccettato che diventa, nel corso della lettura, vicino e familiare.
  

h 20:00 Cena tipica africana (20,00€ - su prenotazione)
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

F-LIGHT 2017 Da venerdì 8 dicembre a domenica 7 gennaio

Durante il periodo natalizio, Firenze si riaccende rivestendosi di una nuova luce in 15 location della città, con video-mapping, proiezioni, giochi di luce, installazioni artistiche, attività educative e incontri.
http://www.flightfirenze.it/

giovedì 7 dicembre 2017

Al via il Mercatino di Natale A.T.T. Nuova location Hotel Albani Firenze 8-10 dicembre 2017

Giovedì 7 dicembre alle ore 12.00 l’Associazione Tumori Toscana A.T.T. ha presentato l’edizione 2018 del Mercatino di Natale presso l’Hotel Albani Firenze, nuova sede dell’evento.

L’iniziativa ha visto l’intervento di Sara Funaro, Assessore welfare e sanità del Comune di Firenze, Cecilia Del Re, Assessore allo sviluppo economico del Comune di Firenze e Giuseppe Spinelli, Presidente A.T.T.

Patrocinato da Regione Toscana e Comune di Firenze, il Mercatino si terrà dall’8 al 10 Dicembre (9.30 -19.30) nella nuova location dell’Hotel Albani Firenze (Via Fiume, 12 Firenze); una sede di grande fascino per questa nuova edizione - la diciassettesima- che si presenta completamente rinnovata ed ampliata.

Tanti, come sempre, i nomi delle grandi griffe presenti, fra cui Ferragamo, Prada, Armani, Ermanno Scervino, Stefano Ricci, Emilio Pucci, Caffè Noir e tanti altri ancora che donano i loro fantastici prodotti.

Grande spazio sarà dato anche alle creazioni handmade di gioielli e oggettistica e non mancherà, ovviamente, un vasto reparto food & wine per i più golosi.

Il mercatino si avvarrà anche della partecipazione del Conte Galè, speaker di RTL 102.5, e di Serena Magnanensi, giornalista Rai, che sabato 9 dicembre alle 17.00 condurranno un incontro sulle regole del galateo e i segreti del ricevere.

“Si rinnova e cresce quest’anno un evento che è una vera e propria gara di solidarietà fra le aziende che danno il loro generoso contributo, i volontari che si mettono a disposizione e le persone che decidono di trasformare lo shopping natalizio in un gesto concreto di solidarietà” – ha dichiarato il Dottor Spinelli-.  “L’obiettivo di quest’anno è raccogliere fondi per la realizzazione del progetto Mai Soli. L’iniziativa consiste nell’attivare un programma specifico per prendersi cura delle famiglie di pazienti affetti da tumore dove è presente anche un'altra fonte di sofferenza, dovuta alla malattia o disabilità di altri familiari o ad un disagio economico –ha concluso Spinelli-. Mi auguro che in tantissimi vengano a trovarci per fare i loro regali e aiutare chi sta affrontando un momento difficile”.

Info: A.T.T. 055 24 66 666

8-10 dicembre - Conferenza "Love for Israel"

L'Associazione Italia-Israele di Firenze ha collaborato con una Associazione Onlus evangelica nella preparazione del programma di un'iniziativa su Israele (Love for Israel) che si svolgerà a Firenze dall'8 al 10 dicembre.
Uno sguardo a 360 gradi su vita, economia, musica, cucina, tecnologia, sport, scienza, sicurezza e religione in Israele, per scoprire un Paese ai più sconosciuto. È lo scopo della conferenza "Love for Israel", che l'Associazione Onlus Fede Speranza Amore organizza da venerdì 8 a domenica 10 dicembre nella sua sede di via Empoli 15/2 a Firenze. Ingresso libero.

L'evento, in collaborazione con l'Associazione Italia-Israele di Firenze, è a carattere culturale ed è totalmente apolitico: "Non vogliamo prendere alcuna posizione sulle questioni politiche mediorientali, che coinvolgono anche Israele – precisa Lorenzo Lippi, presidente onorario dell'Associazione Onlus Fede Speranza Amore – Questo appuntamento mira semplicemente a raccontare uno spaccato di questo Paese, ricco di storia e di tradizioni, ma anche all’avanguardia in diversi settori".

La conferenza avrà inizio venerdì 8 dicembre alle 15.30 con i saluti del presidente onorario dell'Associazione Onlus Fede Speranza Amore, Lorenzo Lippi, e del presidente dell'associazione Italia-Israele di Firenze, il professore Valentino Baldacci. Alle 16.00 prenderà la parola il professore universitario Dario Peirone, che racconterà di come Israele sia una delle nazioni al mondo con il maggior numero di start up. Alle 17.30 sarà la volta del professore universitario Benedetto Allotta, che presenterà le relazioni scientifiche che legano Italia e Israele. Alle 21 ci sarà l’intervento dell'ex ministro dell'agricoltura di Israele, l’avvocata Orit Noked, che, partendo dalla propria esperienza personale, presenterà la realtà dei kibbutz.
Sabato 9 dicembre alle 10.30 Giuseppe Platania, giornalista e pastore cristiano, affronterà il tema dell’Aliyà, cioè del ritorno degli ebrei in Israele. Alle 12 spazio a un intervento del senatore Lucio Malan. Alle 15.30 video-intervista alla giornalista Fiamma Nirenstein su antisemitismo e rapporto tra Europa e Israele. Alle 16.30 prenderà la parola Ran Margaliot, team dell’Israel Cycling
Academy, nonché uno degli artefici della partenza del Giro d’Italia 2018 da Israele: presenterà l’esperienza della prima squadra ciclistica israeliana, che raduna persone e religioni da tutto il mondo, e racconterà di quanto fatto durante la Seconda Guerra Mondiale dal ciclista Gino Bartali, "Giusto tra le nazioni". Alle 17.30 l'editore Daniel Vogelmann parlerà di Shoah e valore della
Memoria. Alle 21 concerto dal titolo "Un viaggio musicale dall’Est Europa a Israele, passando per le tradizioni dell'Italia ebraica", a cura dell’artista Enrico Fink, che sarà accompagnato dai musicisti Vincenzo Lo Monaco e Tiziano Carfora.
Domenica 10 dicembre alle 10.30 il rabbino Raphael Shore e sua moglie Rebecca, provenienti da Gerusalemme, spiegheranno del ritorno alla religione ebraica dei giovani israeliani e offriranno uno spaccato dell’esercito israeliano, di cui hanno raccontato diversi momenti attraverso i loro film, visto che i due sono anche produttori e sceneggiatori cinematografici (una loro pellicola è stata recensita dal prestigioso New York Times). L'ultimo intervento, alle 12, è riservato a Ran Margaliot, che svelerà come sia stato possibile portare il Giro d’Italia 2018 in Israele.

La conferenza si concluderà alle 13 con un pranzo di specialità ebraiche in un locale antistante alla sede dell’Associazione. Il pranzo è su prenotazione e ha un costo di 18 euro.

Per informazioni e prenotazioni: segreteria@fedesperanzaamore.org
--

Ponte di Santa Trinita

Foto di Roberto Di Ferdinando


7 dicembre - Le Murate. Progetti Arte Contemporanea: INCONTRO CON LIVIA TURCO

GIOVEDI' 07 DICEMBRE

    h 17:30 Incontro/dibattito

Le Murate. Progetti Arte Contemporanea
Nell'ambito di mur°arte ROOTS, rassegna di incontri a cura di associazione culturale La Nottola di Minerva e Le Murate. Progetti Arte Contemporanea, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e in collaborazione con il gruppo Per Un Nuovo Mondo Comune

INCONTRO CON LIVIA TURCO
La convivenza nelle famiglie che cambiano

Livia Turco dialoga con Alessandra Pescarolo, Società Italiana di Storia del Lavoro

Un appuntamento dedicato ad una riflessione sulla prima radice della società civile e prima vittima delle sue molteplici e inarrestabili trasformazioni, sulle proprie responsabilità di esseri civili e sociali a partire dalla prima cellula aggregativa che le rende possibili: la famiglia.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Da giovedì 7 a domenica 10 dicembre 2017 - Suono Studio Savioli, un intervento sonoro nello Studio di Leonardo Savioli al Galluzzo

Tempo Reale - Centro di Ricerca, Produzione e Didattica Musicale, in collaborazione con Fondazione Giovanni Michelucci e Regione Toscana, presenta SSS - Suono Studio Savioli, un intervento sonoro nello Studio di Leonardo Savioli al Galluzzo che conclude le celebrazioni del centenario dalla nascita del noto architetto toscano.

Da giovedì 7 a domenica 10 dicembre 2017 aprirà al pubblico presso lo studio del Galluzzo il progetto sonoro SSS - Suono Studio Savioli prodotto da Tempo Reale nell’ambito del programma di iniziative Leonardo SAVIOLI 100 - 1917/2017 L'eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita.

Il progetto, nato da un’idea di Andrea Aleardi e Fancesco Giomi, e realizzato dalla sound designer Agnese Banti, rilegge e reinterpreta gli spazi di uno dei luoghi chiave della vita professionale e personale dell’architetto toscano. La sonorizzazione, infatti, trae ispirazione dalla poetica savioliana attraverso scritti, lezioni e opere, nello specifico lo spazio del suo studio come architettura vivente.

La presenza di Savioli riecheggia nello studio e si accompagna ai suoni di diapason e campane tibetane che ne ingrandiscono la percezione spaziale, ma la traccia delicata delle voci che lo hanno abitato, invita a riflettere sul profondo legame che vi era tra Leonardo e la moglie Flora Wiechmann, restituendo al visitatore l’idea di un luogo intimo, in cui gli animi creativi si fondevano in uno solo.

Per Savioli il segno architettonico è un gesto che genera forme e nuovi spazi, allo stesso modo in SSS il suono è un gesto che riempie la percezione visiva dei vuoti all’interno dello studio e permette di toccarli e viverli diversamente. Il suono infatti va a caratterizzare, connotare e riempire quei vuoti che lo stesso Savioli invitava i suoi studenti a interpretare come architettura in potenza, da comporre con segni su ordinate e ascisse, e su più livelli.

Come dice la compositrice Agnese Banti: “Entrare nello studio di Savioli al Galluzzo è stato come vivere un’esperienza sinestetica in cui i dettagli architettonici e le finiture materiche mi suggerivano suoni metallici, freddi. Ma toccare gli sportelli degli armadi a muro, con il loro grigio argenteo opaco, e realizzare che in realtà fossero pannelli di legno verniciato, mi ha trasmesso tutto il calore di uno spazio intimo, personale, raccolto e affacciato sul paesaggio toscano”.

“Solo un nuovo sguardo, quello sonoro di Tempo Reale, ci poteva offrire nuovi percorsi percettivi per esplorare lo studio ed il mondo di Leonardo Savioli, dove luce, spazio, materiali, suoni, presenze e assenze filtrano la poetica dell'architetto, che con le sue opere ci ha aperto nuovi sguardi.”

Andrea Aleardi, Responsabile attività culturali Fondazione Giovanni Michelucci

 

SSS - SUONO STUDIO SAVIOLI

La sonorizzazione dello studio per un'esperienza percettiva dello spazio architettonico

Dal 7 al 10 dicembre 2017,?dalle ore 14:00 alle 17:00 - Ingresso libero, a piccoli gruppi

Studio Savioli al Galluzzo - via delle Romite 12/A, Firenze



Iniziativa a cura di Tempo Reale, Fondazione Michelucci e Regiona Toscana



Ideazione: Andrea Aleardi e Francesco Giomi

Progetto sonoro: Agnese Banti

Allestimento tecnico: Francesco Perissi

Si ringrazia Massimo Becattini per i preziosi materiali audio della lezione di Leonardo Savioli del 9 febbraio 1971 messi a disposizione dal suo archivio.



Leonardo SAVIOLI 100 1917/2017 - L'eredità di un architetto toscano a un secolo dalla nascita

Il programma di iniziative per l’autunno 2017, dedicato al centenario dalla nascita di Leonardo Savioli, uno dei più illustri architetti toscani del Novecento, è articolato in vari luoghi dell’area fiorentina e della Toscana coinvolgendo alcune tra le più importanti istituzioni ed è rivolto ad un vasto pubblico di cittadini, studenti, professionisti, università straniere, studiosi ed operatori alla scoperta delle sue opere, dei suoi progetti e del suo pensiero, come chiave di sensibilizzazione verso il patrimonio culturale toscano. Da un lato un patrimonio architettonico e del territorio innovativo e di grande valore storico-artistico dall’altro lato un patrimonio archivistico fatto di esperienze, saperi e sensibilità che ha formato diverse generazioni di architetti, a cominciare da quella delle utopie radicali degli anni Sessanta, sino alle nuove che scoprono oggi un universo di visioni artistiche e progettuali ancora attuale.



Un progetto di

Fondazione Giovanni Michelucci (coordinamento)

Regione Toscana

Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci Prato

Archivio di Stato di Firenze

Fondazione Architetti Firenze

Tempo Reale Centro di ricerca, produzione e didattica musicale



con il contributo di

Città Metropolitana di Firenze



con il patrocinio di:

Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato, Comune di Firenze – Museo Novecento, Fondazione Palazzo Strozzi, Università degli Studi di Firenze – Dipartimento di Architettura, AAA-Italia – Ass. nazionale Archivi di Architettura contemporanea, Do.Co.Mo.Mo. – Ass. italiana per la documentazione e la conservazione degli edifici e dei complessi urbani moderni.

Il programma aggiornato delle iniziative è consultabile su: www.architetturatoscana.it | #savioli100



Leonardo Savioli nasce a Firenze il 30 marzo 1917. Allievo di Giovanni Michelucci fu tra i maggiori esponenti della cosiddetta “scuola toscana” fin dalla sua collaborazione con Giuseppe Giorgio Gori e Leonardo Ricci. Dalla loro collaborazione nacque una delle opere più impor- tanti dell’architettura italiana del secondo dopoguerra: il Mercato dei fiori di Pescia del 1948. In seguito si dedicò sempre con maggior attenzione a realizzare sorprendenti edifici che si caratterizzano per la grande attenzione con cui si inseriscono nell’ambiente, esplorando al contempo una dimensione artistica sempre presente nel suo lavoro di architetto, di grafico e pittore. Amatissimo docente universitario, i suoi allievi formano sotto la sua influenza i primi gruppi di Architettura Radicale che rinnoveranno il panorama della ricerca architettonica d’avanguardi degli anni 60 e 70. Muore a Firenze l’11 maggio 1982, lasciando la moglie Flora Wiechmann, come egli scrive «la cosa più bella» della sua vita, artista e designer che scomparirà nel 2011.

Fondazione Giovanni Michelucci
via Beato Angelico, 15 - 50014 Fiesole (Firenze)

Proverbio Toscano del Giorno

"Ogni legno ha il suo tarlo"

mercoledì 6 dicembre 2017

11 dicembre - ODIO GLI INDIFFERENTI - Percorso artistico-culturale e didattico tra scuole e territorio sulle orme di Antonio Gramsci

ODIO GLI INDIFFERENTI
Percorso artistico-culturale e didattico tra scuole e territorio sulle orme di Antonio Gramsci
11 dicembre 2017 ore 15:30
Sala Pistelli
Palazzo Medici Riccardi
Via Camillo Cavour 3
Tavola rotonda
PASSIONE PEDAGOGICA
L’INSEGNAMENTO DI GRAMSCI E DON MILANI
«Anche i metodi più affascinanti diventano inerti se manca il personale capace di vivificarli in ogni momento della vita scolastica ed extra-scolastica» A. Gramsci
Introduce
Annalisa Tonarelli Presidente Istituto Gramsci Toscano
Intervengono
Luigi Dei Magnifico Rettore dell’Università di Firenze
Lelio La Porta Curatore dell’antologia “Gramsci per le nostre scuole”, Editori Riuniti, 2016
Mario Lancisi Autore del libro “Processo all'obbedienza. La vera storia di don Milani”, Laterza 2016
Marco Bontempi Università di Firenze
Francesco Sinopoli Segretario generale FLC-CGIL
Coordina
Gaspare Polizzi Docente comandato all'Ufficio formazione MIUR
Porteranno il loro saluto rappresentanti della Città Metropolitana di Firenze che ha sostenuto il progetto
Istituto Gramsci Toscano
Via Giampaolo Orsini 44 - 50126 FIRENZE
Tel. e Fax 055 6580636
E-mail: info@gramscitoscano.it
Web: www.gramscitoscano.it
http://www.facebook/gramscitoscano

8 dicembre - degustazioni salva-natale a cura di Gabriele Palloni

Il vostro Natale cruelty-free si avvicina!
L'anno scorso in famiglia ci sono stati conflitti sul menù? Dissapori con la suocera?

Prevenire le discussioni a tavola è possibile, proponendo un menù tradizionale, innovativo, squisito e ben presentato. Naturalmente 100% cruelty-free.

@ Firenze, Venerdì 8 dicembre 2017
al negozio Eco PopUp di via del Giglio numero 27/R, negozio 100% vegan
Restiamo Animali vi invita a partecipare a
"3xVegan, degustazioni salvavita"
curate dal vegan-chef Gabriele Palloni, un'idea di Restiamo Animali

Le degustazioni saranno 3 e saranno tematiche, ecco gli orari
ore 15 idee-antipasto,
ore 17 idee-dolce,
ore 19 idee-salato

L'entrata è libera e gli assaggi sono gratuiti;
Chi lo vorrà potrà acquistare un kit-salvavita contenente le ricette e gli ingredienti base per prepararle, a 25 Euro

ATTENZIONE: lo spazio è limitato e anche il numero dei kit!
Chi vuole essere cert@ di accaparrarsi il kit contenente ricette e ingredienti-base (al costo di 25€) può prenotare a EcoPopup 055-215891 (tutti i giorni ore 11-19) oppure via email a restiamoanimali@gmail.com oppure ecopopup@gmail.com

Evento Facebook da condividere
https://www.facebook.com/events/302700733559131/?active_tab=abou
www.restiamoanimali.it

Il Presepe di Villa La Quiete

In occasione del Natale, a Villa La Quiete viene allestito il presepe storico. Aperture straordinarie, nel mese di dicembre, permettono di visitare la chiesa e il coro basso con il presepe, importante testimonianza artistica dell’attività scultorea di artigiani toscani della prima metà XVIII secolo. Dall’8 dicembre 2017. Orario delle visite guidate: 14.30, 15.30 e 16.30. Le visite (45 minuti) sono gratuite con prenotazione obbligatoria, Villa La Quiete, via di Boldrone, 2 Firenze. Info e prenotazioni: 055 2756444

Proverbio Toscano del Giorno

"Ogni erba divien paglia"

Basilica di Santa Croce

Foto di Roberto Di Ferdinando

martedì 5 dicembre 2017

7 dicembre - Inaugurazione della mostra: "Disegni d'acqua. Acque e trasformazioni del territorio"

La mostra sarà inaugurata il 7 dicembre alle 15 e resterà aperta fino al 19 gennaio 2018. Palazzo Marucelli-Fenzi, via San Gallo, 10 Firenze. Organizzazione: SAGAS Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte, Spettacolo, LABGEO Unifi, Consorzio di Bonifica Medio Valdarno, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Pistoia Toscana Capitale Italiana della Cultura 2017. Per informazioni: info@disegnidacqua.it

Proposte e attività nei Musei Civici per F-Light 2017

In occasione di F-Light 2017, dedicato al tema delle Frontiere, i Musei Civici Fiorentini e l’Associazione MUS.E presentano una serie di iniziative tese a “illuminare” il patrimonio civico, offrendo nuova luce su ambienti, opere e particolari che non mancheranno di affascinare il pubblico di ogni età.



Albero di Natale
Come ogni anno, dall’8 dicembre al 6 gennaio, sarà acceso il tradizionale Albero di Natale in Palazzo Vecchio: l’addobbo dell’edizione 2017 rende omaggio al tema di F-Light, ovvero le frontiere, presentando un allestimento che supera i confini dello spazio e del tempo per proporre una visione sincretica e sinottica, nella quale la storia diviene contemporanea e il mondo un’unica città.
In collaborazione con Liceo Artistico Leon Battista Alberti. Grazie a Gruppo Zelari
Per chi: per tutti
Dove: Museo di Palazzo Vecchio, Cortile della Dogana,
Quando: 8 dicembre – 6 gennaio
Costi: gratuito



Giorgio Vasari racconta: il salone dei Cinquecento sotto una nuova luce
A Giorgio Vasari e alla sua nutrita schiera di collaboratori – artisti, artigiani, manovali – si deve l’assetto attuale della Sala Grande, più nota come salone dei Cinquecento, ancora oggi teatro degli eventi istituzionali più importanti della città. Una sala di enormi dimensioni, rinnovata per volere di Cosimo I de’ Medici con l’intento di dispiegare gli episodi più importanti della storia di Firenze e celebrare il potere mediceo sul Ducato di Toscana. E sarà proprio Giorgio Vasari a raccontare, intrecciando le proprie parole con una sapiente regia illuminotecnica capace di illuminare singoli dipinti e sculture e di offrire così una nuova luce all’incredibile repertorio artistico che decora l’ambiente. Grazie a SILFI, Targetti e Confindustria
Per chi: per giovani e adulti
Durata: 1h
Quando: 16 dicembre e 12 gennaio h19
Dove: Museo di Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento
Costi: ingresso gratuito  <18 anni, soci ICOM, ICOMOS e ICCROM, disabili e accompagnatori, guide turistiche e interpreti – 8€ 18/25 anni e studenti universitari – 10€ >25 anni + visita 2€ residenti città metropolitana – 4€ non residenti città metropolitana (è previsto il solo accesso al Salone dei Cinquecento) – biglietto 2×1 soci Unicoop



Percorsi a lume di torcia
Con la luce di una candela – o, in tempi moderni, di una torcia – tutto assume nuove sembianze, il noto diventa inedito, oggetto di un’attenzione e di un interesse assenti fino a un momento prima. Ecco perché, dopo il grande successo degli scorsi anni, tornano i percorsi a lume di torcia: itinerari per piccoli e grandi alla scoperta degli ambienti e dei capolavori dei Musei Civici Fiorentini. Sarà così possibile seguire le tappe di un percorso per indizi nel Museo di Palazzo Vecchio, rivivere il fascino del convento medievale di Santa Maria Novella con i suoi capolavori, apprezzare i tesori racchiusi nel raffinato scrigno del Museo Bardini: per guardare e gustare con occhi nuovi il patrimonio cittadino.
Per chi: per famiglie con bambini 8-12 anni, per giovani e adulti
Durata: 1h15’
Quando: Museo di Palazzo Vecchio: 17 dicembre h19 (famiglie con bambini) e h21 (giovani e adulti), Santa Maria Novella: 30 dicembre h17.30 (famiglie con bambini) e h19 (giovani e adulti), Museo Stefano Bardini: 6 gennaio h17.30 (famiglie con bambini) e h19 (giovani e adulti)
Dove: Museo di Palazzo Vecchio, Complesso di Santa Maria Novella (esclusa la basilica), Museo Stefano Bardini
Costi: Museo di Palazzo Vecchio: ingresso gratuito  <18 anni, soci ICOM, ICOMOS e ICCROM, disabili e accompagnatori, guide turistiche e interpreti – 8€ 18/25 anni e studenti universitari – 10€ >25 anni + visita 2€ residenti città metropolitana – 4€ non residenti città metropolitana – biglietto 2×1 soci Unicoop
Museo Stefano Bardini: ingresso gratuito  <18 anni, soci ICOM, ICOMOS e ICCROM, disabili e accompagnatori, guide turistiche e interpreti – 4,50€ 18/25 anni – 6€ >25 anni + visita 2€ residenti città metropolitana – 4€ non residenti città metropolitana – biglietto 2×1 soci Unicoop
Complesso di Santa Maria Novella (esclusa la basilica): ingresso gratuito  <11 anni, residenti Comune di Firenze, soci ICOM, ICOMOS e ICCROM, membri di ordini religiosi, disabili e accompagnatori, guide turistiche e giornalisti – 5€ 11/18 anni – 7,50€ >25 anni + visita 2€ residenti città metropolitana – 4€ non residenti città metropolitana



Adrian Paci. I volti della luce
A partire dal lavoro compiuto dall’artista a Firenze – culminante nella performance e nell’opera video esposta al museo, che dà il titolo alla mostra Di queste luci si servirà la notte – i bambini e le loro famiglie saranno invitati a indagare i silenzi, le voci, le sfumature, i misteri della luce. La luce è infatti presente in molte opere di Adrian Paci in quanto elemento capace di leggere, rileggere e trasformare la realtà; queste saranno il via per avviare una piccola azione performativa che coinvolgerà piccoli e grandi per dare nuova luce alla nostra quotidianità e al nostro sguardo, in linea con il pensiero dell’artista: “il mio progetto di intervento sull’Arno consiste nel passaggio serale di una barca sul fiume, dalla quale escono una decina di fili luminosi che vanno a ‘pescare’ l’immagine nascosta del fondo dell’Arno. Portare la luce nel buio del profondo del fiume per cercare di rendere visibile quello che normalmente rimane nascosto, in questo consiste il mio tentativo. Per me l’arte, più che una produzione di qualcosa di nuovo, è rendere visibile in modo diverso quello che pensiamo di conoscere già”.
Per chi: per famiglie con bambini 8/12 anni
Durata: 1h15’
Quando: 8 dicembre, 23 dicembre, 29 dicembre, 5 gennaio, 27 gennaio h16.30
Dove: Museo Novecento
Costi: ingresso gratuito  <18 anni – 2€ 18/25 anni – 4€ >25 anni + visita 2€ residenti città metropolitana – 4€ non residenti città metropolitana (è escluso l’accesso al museo) – biglietto 2×1 soci Unicoop

5 Dicembre - Le Murate - Presentazione libro con Autore MANCU LI CANI Porto Sicuro Editore

MARTEDI' 05 DICEMBRE

    h 18:00 Presentazione libro con Autore

MANCU LI CANI
Porto Sicuro Editore

Di Tommaso Randazzo
Intervengono: Andrea Mannucci, prof. di Pedagogia di Comunità – Unifi.
Modera: Matias Mesquita, mediatore culturale
Letture di Massimo Tarducci
Durante la serata il pianista Fabrizio Mocata farà alcuni intermezzi jazz al pianoforte.
In collaborazione con l’Ass. Associaçao Angolana Njinga Mbande.

Il romanzo è una sorta di "bestiario di città", mostra una miriade di personaggi del sottobosco cittadino, che vivono in un ambiente alienante. Edifici tutti uguali, slot machine, discoteche. Una giungla di cemento e schermi digitali in opposizione alla natura, alla campagna, a un altrove continuamente sognato da Nico, ma mai raggiunto. Il protagonista di questa odissea metropolitana ci racconta la sua storia con ironia amara e con un linguaggio crudo, esplicito, influenzato dai dialetti, dallo slang della strada, dal gergo della marginalità, ridondante di parole volgari e imprecazioni. Nico è a tutti gli effetti vittima di una dipendenza, il gioco d'azzardo, in tutte le sue sfumature, dalle scommesse sui combattimenti clandestini al poker, ma con un amore viscerale per le luccicanti e seducenti slot machine.
Il romanzo racconta le condizioni esistenziali di chi vive ai margini delle metropoli contemporanee, descrive lucidamente le molteplici droghe, dagli psicofarmaci al gioco d’azzardo, che il sistema utilizza per contenere, distrarre, indirizzare altrove le energie e le coscienze degli esclusi. Mostra senza mezzi termini l’ipocrisia, la violenza e la schiavitù che si nasconde dietro la prostituzione delle donne straniere, trafficate e vendute, vittime degli istinti sadici e repressi degli uomini della società in cui viviamo. È anche la storia di un ragazzo costretto a una giovinezza inclemente e violenta, che lo porterà a scoprire il senso della schiavitù, della morte e soprattutto della vita.
Caffé Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Veduta dal Forte di Belvedere

Foto di Roberto Di Ferdinando



Proverbio Toscano del Giorno

"Tutti i mesi non son di trentuno"

lunedì 4 dicembre 2017

"Si paragona spesso Firenze alla Grecia....."



Si paragona spesso Firenze alla Grecia, ma questa è una Grecia in cui, forse per l’origine etrusca, al rigore si mescola qualche cosa d’altro, una solennità funebre. Non credo retorico qui richiamare il Foscolo e dire che Firenze è la nostra città più adatta a custodire le grandi tombe. Esse prendono una dignità, direi una ambientazione, ignota altrove. Vi è una bellezza vera nella sfilata delle grandi tombe di Santa Croce.
(Guido Piovene)