mercoledì 30 novembre 2016

1° Dicembre - Lezione: "Forme di governo nel mondo: Cina"

Di Angelo Rinella (Università di Roma LUMSA). Nell'ambito del ciclo di seminari del Corso di Diritto costituzionale comparato ed europeo 2016-2017
Programma completo degli incontri: http://www.dsg.unifi.it/upload/sub/eventi/eventi-2016/locandina-seminari-fdg-nel-mondo-2016-17.pdf
01 Dicembre 2016  -  ore 16-18
Sede:
   
Polo delle Scienze Sociali, edificio D4 aula 0.05, via delle Pandette, 35 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, Dipartimento di Scienze Giuridiche (DSG), Scuola di Scienze Politiche "Cesare Alfieri"

Modi di dire: “Bighellona” e “babeo”

Si usa per indicare una persona fannullona, che gira e gira (vagabonda) ma poi, alla fine non compie niente e non porta niente a conclusione, un perditempo. La sua etimologia non è molto chiara. Chi la fa derivare dall’antica voce “bigollone” (accrescitivo di bigollo o pigollo) che significa “trottola”, proprio ad indicare questo vagare senza fine, senza concretizzare un qualcosa. Altri, invece, ne indicano l’origine da “bico” o “bigo” cioè “baco” o “babbeo”, cioè “sciocco”. Anche “babbeo” è un altro modo di dire molto comune in Toscana. Deriva dal volgare latino “babbejus” cioè “babbius”, appunto, sciocco, da cui anche “babbaleo”: sempliciotto, colui che parla senza saper quel che dice.
Roberto Di Ferdinando

1° Dicembre - Incontro: "La lunga agonia della nazione cattolica. Chiesa e dittatura in Argentina"

Conferenza di Loris Zanatta (Università di Bologna) nell'ambito del corso di Storia del cristianesimo (professoressa Maria Antonia Paiano) per il corso di studio magistrale di Scienze storiche dedicato a: Religione, nazione, guerra
01 Dicembre 2016  -  ore 15
Sede:
   
Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS, Aula magna, via S. Gallo, 10)

Dal 1° Dicembre al 15 marzo - Mostra fotografica "Etruscologia a Firenze. Ricerche in Etruria dell'Ateneo fiorentino"

Dedicata ai progetti di ricerca dell'insegnamento di Etruscologia. Organizzata da Luca Cappuccini
Locandina: http://www.sagas.unifi.it/upload/sub/dicembre-cappuccini-mostra-locandina-a4-3.pdf
Invito: http://www.sagas.unifi.it/upload/sub/documentazione/dciembre-cappuccini-minilocandina-5.pdf
01 Dicembre 2016  -  15 Marzo 2017  -  ore 8.30-18.30
Sede:
   
Atrio Palazzo Fenzi, via San Gallo, 10 Firenze
Organizzazione:
   
Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo

30 Novembre - Conferenza: "L'importanza del qualitativo nell'era del digitale"

Relatore:  Giuseppe Longo (Centre Cavaillès, CNRS et Ecole Normale Supérieure, Paris; Department of Integrative Physiology and Pathobiology, Tufts University School of Medicine, Boston).
Informazioni: http://www.letterefilosofia.unifi.it/art-316-conferenza-di-giuseppe-longo.html
30 Novembre 2016  -  ore 15:30
Sede:
   
Dipartimento di Lettere e Filosofia - Sezione di Filosofia, Sala Conferenze, via Bolognese, 52 Firenze
Organizzazione:
   
Dipartimento di Lettere e Filosofia, Unità di ricerca Qualitative Ontology and Technology

30 Novembre - Inaugurazione della mostra: "Firenze 1966-2016. La bellezza salvata"

Dettagli: http://toscana.firenze2016.it/firenze-1966-2016-la-bellezza-salvata-linaugurazione-della-mostra/
30 Novembre 2016  -  Ore 17
Sede:
   
Palazzo Medici Riccardi - via Cavour,1 Firenze
Organizzazione:
   
Comitato Firenze 2016, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Toscana, Comune di Firenze, Città metropolitana di Firenze, con

il patrocinio di Università di Firenze

30 Novembre - Lezione: "Le Primavere Arabe"

Di Luca Mezzetti (Università di Bologna). Nell'ambito del ciclo di seminari del Corso di Diritto costituzionale comparato ed europeo 2016-2017
Programma completo degli incontri: http://www.dsg.unifi.it/upload/sub/eventi/eventi-2016/locandina-seminari-fdg-nel-mondo-2016-17.pdf
30 Novembre 2016  -  ore 14-16
Sede:
   
Polo delle Scienze Sociali, edificio D4, aula 1.12, Via delle Pandette, 35 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, Dipartimento di Scienze Giuridiche (DSG), Scuola di Scienze Politiche "Cesare Alfieri"

San Lorenzo

Foto di Francesco Baciocchi

Proverbio Toscano del Giorno

"Le ricchezze in mano d'un giovane, sono come rasoio in mano di un bambino"

martedì 29 novembre 2016

29 Novembre - Le Murate - Presentazione libro & Performance: NODI E VERTIGINI

MARTEDI' 29 NOVEMBRE

    h 18:30  -  Presentazione libro & Performance

NODI E VERTIGINI
Nardini Editore

Prefazione di Sergio Talenti e Debora Pioli
Di e con Sylvia Zanotto
Modera: Stefano Busolin, poeta
Presenta: Maria Rosaria Perilli, scrittrice
Interventi e letture di Sergio Talenti e Debora Pioli
Sonorizzazioni di Alex Biagi

La poesia di ieri. I nodi
La poesia di oggi. Le vertigini

Nodi è una raccolta che appartiene agli anni giovanili, agli anni della ricerca, delle scoperte e degli idealismi. Ecco che in età matura, un amico poeta suggerisce a Sylvia di riprendere questi nodi (le poesie) e di scioglierli! Bella sfida! E come? Sylvia traduce la sfida a modo suo: riscrive ogni poesia  con le parole di oggi, la maturità acquisita, la disillusione e l’amarezza degli ultimi anni. “Un esperimento che mi ha dato i brividi, le vertigini, come  i tacchi alti, che porto ancora a 55 anni, accanto alle rughe e i segni del tempo.”
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Modi di dire: “Tirare la corda”

E’ un’espressione ancora abbastanza comune. La si usa principalmente in casa, od all’interno di un ufficio o di uno spazio chiuso o recintato per indicare l’aprire la porta d’ingresso di un palazzo o il cancello. Tale modo di dire nasce proprio da questo gesto. Infatti, in passato, almeno fino al primo Novecento, l’apertura del portone di uno stabile avveniva dagli appartamenti tirando una corda che, correndo lungo una serie di canaline, arrivava al portone facendone scattare la serratura e così aprendolo. Lo stesso avveniva per i campanelli posti all’ingresso sulla via: la persona tirava un pomello alla cui estremità interna era legata una corda che, correndo per lo stabile, faceva risuonare un campanello all’interno dell’appartamento.
Il termine “corda”, deriva dal latino “chorda” a sua volta dal greco “chorde”, cioè intestino, budello (in origine le corde erano fatte anche di budello di animali).
Roberto Di Ferdinando

4 Dicembre - Associazione Archeosofica - STAGE DI ASTROLOGIA

STAGE DI ASTROLOGIA, Domenica 4 Dicembre 2016 dalle ore 10.00, presso la
nostra sede in Lungarno Guicciardini 11/R.
L’orario è il seguente: dalle 10.00 alle 18.00 con una pausa dalle 13.00
alle 14.30.
Gli argomenti trattati saranno il Temperamento e le Dominanti
nell’Oroscopo o tema natale. Faremo degli esempi pratici d'interpretazione per
stabilire le attitudini fondamentali, gli interessi principali e le potenzialità
realizzabili.
Per vedere il programma dettagliato dello STAGE argomento potete
consultare la pagina
https://archeosofiafirenze.org/2016/11/27/4-dicembre-2016-stage-di-astrologia/

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/r
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net
http://archeosofiafirenze.org

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK https://www.facebook.com/archeosofiafirenze

La Domenica Metropolitana 4 dicembre 2016 - Ingresso gratuito ai Musei Comunali - Visite guidate

La Domenica Metropolitana di dicembre presenta - grazie al supporto di Giotto-FILA - numerose proposte di visita e attività nei Musei Civici: fra queste si segnalano I segreti di Inferno, sulle orme dei protagonisti del celebre romanzo/film Inferno, le visite in Santa Maria Novella e quelle al Museo Novecento, correlate alla mostra temporanea realizzata in occasione dell’anniversario dell’alluvione Beyond Borders/After the Flood: the artists’ engagement. Sempre correlate all’anniversario dell’alluvione sono i laboratori artistici per famiglie proposti alle Murate, cui rispondono altre attività per famiglie in Santa Maria Novella e in Palazzo Vecchio: qui i bambini potranno, per esempio, diventare protagonisti nella realizzazione dell’albero di Natale del palazzo.
Sono inoltre in programma le visite accompagnate presso il Museo del Bigallo alle h9.30, 10.30, 11.30 e 12.30 (Piazza San Giovanni 1, prenotazione obbligatoria, tel. 055-288496) e presso il Museo
della Misericordia alle h15.30 e alle h16.30 (Piazza Duomo, prenotazione obbligatoria, tel. 055-239393).
Anche la Fondazione Palazzo Strozzi aderisce alla giornata proponendo alle h11.30 l’appuntamento Parliamo di...Ai Weiwei (massimo 15 partecipanti) sull’esposizione Ai Weiwei. Libero, visita gratuita con ingresso a pagamento.
Si ricorda che tutte le visite guidate e le attività sono gratuite per i cittadini residenti nella città
metropolitana di Firenze e la prenotazione è obbligatoria. All’atto della prenotazione è possibile riservare un solo appuntamento nel corso della giornata per un massimo di 5 persone.
Senza prenotazione sono gli *accessi ai Musei Civici Fiorentini.
Museo di Palazzo Vecchio (orario 9.00/19.00), **Torre di Arnolfo (orario 10.00/17.00, 30 persone ogni mezz’ora), Scavi archeologici di Palazzo Vecchio (orario 9.00/19.00, 25 persone ogni mezz’ora), Santa Maria Novella (orario 13.00/17.30), Museo Stefano Bardini (orario 11.00/17.00), Fondazione Salvatore Romano (orario 13.00/17.00), Museo Novecento (orario 9.00/18.00), Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine (ingressi 13.00/17.00, ultimo accesso ore 16.15, 30 persone ogni mezz’ora), Museo del Ciclismo Gino Bartali
(Ingressi 10.00/16.00).
Attenzione: le biglietterie chiudono un’ora prima dell’orario di chiusura.
*Gli accessi sono disponibili fino ad esaurimento posti per motivi di sicurezza.
**In caso di pioggia la Torre di Arnolfo resterà chiusa al pubblico per motivi di sicurezza. Sarà accessibile il
camminamento di ronda.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Da lunedì 28 novembre a sabato 3 dicembre h 9.30-13.00 e h14.00-17.00 (attenzione: servizio non attivo la domenica mattina).
Tel. 055-2768224, 055-2768558
Mail info@muse.comune.fi.it
Web www.musefirenze.it
MUSEO DI PALAZZO VECCHIO
Percorsi segreti
target: per giovani e adulti
orari: 10.00, 11.30, 14.30, 16.00
durata: 1h15’
La proposta consente di visitare alcuni ambienti particolarmente preziosi: fra questi la scala
realizzata per volere di Gualtieri di Brienne e ricavata nello spessore della muraglia; lo Studiolo di
Francesco I de’ Medici, raffinatissimo scrigno “di cose rare et pretiose”, e lo Scrittoio del padre
Cosimo I (più conosciuto come Tesoretto); infine l’imponente struttura a capriate che sorregge il
soffitto a cassettoni del Salone dei Cinquecento.
I segreti di Inferno
target: per giovani e adulti
orario: 10.30, 14.00, 16.30
durata: 1h15’
“Palazzo Vecchio assomiglia a una gigantesca torre degli scacchi. Con la sua solida facciata
squadrata e gli spalti merlati, l’edificio è situato a guardia dell’angolo sudorientale di piazza della
Signoria”. Così scrive Dan Brown nel suo ultimo best-seller, Inferno, ambientato a Firenze e in larga
parte in Palazzo Vecchio. Seguendo i passi del professor Robert Langdon, il pubblico potrà
conoscerne la storia rivivendo le ambientazioni e le scene del romanzo, dalle sale pubbliche agli
ambienti più segreti.
La Reggia Medicea
target: per giovani e adulti
orari: 15.30
durata: 1h15’
Le sale di Palazzo Vecchio raccontano ancora oggi in modo evidente le trasformazioni occorse nel
Cinquecento, quando Cosimo I de’ Medici vi trasferì la sua residenza incaricando dei lavori prima
Giovanni Battista del Tasso e poi Giorgio Vasari. Accanto alle funzioni governative il palazzo
assunse così anche il ruolo di Reggia, ospitando non solo la famiglia ducale ma tutta la corte. Il
percorso consente di visitare i principali ambienti del Palazzo con un'attenzione particolare non solo
ai fasti e alle bellezze dell’età medicea ma anche agli aspetti di vita quotidiana, rievocando le
consuetudini, gli avvenimenti e le curiosità che animarono tanto le sale pubbliche quanto le stanze
private.
Guidati da Giorgio Vasari
target: per tutti, a partire dai 10 anni
orari: 15.00, 16.30
durata: 1h15’
Nel 1555 Giorgio Vasari, pittore, architetto e scrittore aretino – autore de Le vite dei più eccellenti
pittori, scultori e architetti – diventa il responsabile del cantiere di Palazzo Vecchio e compie un
immenso lavoro per trasformare l’edificio in una sontuosa reggia rinascimentale. Nel dialogo con il
pubblico Giorgio Vasari illustra le linee di politica culturale del Duca Cosimo I de’ Medici,
committente assoluto degli interventi, e la perizia della fabbrica medicea nel realizzare, in tempi
record, la nuova residenza ducale.
Vita di corte
target: per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni
orario: 11.30
durata: 1h15’
Oggi Palazzo Vecchio è un museo, ma nel Cinquecento era la residenza del duca Cosimo I de
Medici, di sua moglie Eleonora de Toledo e dei loro undici figli. Attraversando le sale del museo i
visitatori potranno non solo ammirare lo splendore della reggia ma anche immaginare i sontuosi
banchetti nella Sala Grande e i terrazzi fioriti come giardini. Infine sarà possibile indossare mantelli
e zimarrine, scarpe e cappelli cinquecenteschi oppure dilettarsi con alcuni giochi da principini.
Intorno all’albero di Natale
target: per famiglie con bambini dai 6 ai 10 anni
orario: 10.00, 11.30
durata: 1h15’
L’albero di Natale illumina tutte le case durante le feste e i suoi decori sono il risultato di
espressione e creatività. Anche Palazzo Vecchio - da oltre settecento anni “dimora” del governo
cittadino - ha tutti gli anni il proprio albero, che ogni volta propone un addobbo diverso e dedicato
alla storia dell’edificio e della città. Durante il laboratorio i bambini e le loro famiglie potranno dare il
proprio contributo alla realizzazione degli addobbi e portare a casa un ricordo dell’esperienza…da
appendere all’albero.
Piccole storie di colori. Bianco
target: per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni
orari: 10.00
durata: 1h
Il Bianco è in verità un non-colore, può includere o escludere tutti i colori a seconda del modo in cui
lo si guarda. Richiama alla mente le nuvole, la lana e il cotone, la panna montata, lo zucchero e la
neve. Pensando al Bianco si evocano sensazioni di morbidezza, di pace, di purezza e di pulizia. I
bambini saranno coinvolti in una progressiva scoperta multisensoriale del Bianco, indagandone i
significati e le sensazioni, per poi avviare un percorso nelle sale del Palazzo alla ricerca dei colori
che alcuni personaggi – divenuti inspiegabilmente bianchi – hanno misteriosamente perduto.
Piccole storie di colori. Rosso
target: per famiglie con bambini dai 4 ai 7 anni
orari: 15.00
durata: 1h
In occasione dell’l Rosso è il colore per eccellenza: è il colore della vitalità, della ricchezza, del
potere e del piacere. Grazie a una scenografica installazione interattiva i bambini potranno
familiarizzare con toni e significati del Rosso e potranno conoscere alcune delle materie prime da
cui può̀ nascere, come la cocciniglia e la robbia. Nella seconda parte dell’attività sarà avviato un
percorso tematico in alcune sale del Palazzo dove i Rossi - nelle loro varianti - si affollano numerosi.
COMPLESSO DELLE MURATE
Riva. Pensare il fiume
target: per famiglie con bambini dai 6 ai 10 anni
orari: 15.00, 16.30
durata: 1h
In occasione del progetto artistico RIVA 2016, cantiere di ricerca sul fiume Arno che ha coinvolto
artisti visivi, fotografi e sound artists, Le Murate Progetti Arte Contemporanea si offrono come luogo
nel quale osservare e riflettere sulla storia del fiume e sulla sua identità culturale, ambientale e
sociale. A partire dalle ricerche e dalle produzioni interdisciplinari correlate al progetto - le fotografie
della Fondazione Studio Marangoni, il Terzo Giardino dello Studio ++, la sound art di Tempo Reale
e il paesaggio sonoro di Radio Papesse - i bambini saranno coinvolti in un percorso di scoperta del
fiume e del suo volto nella città contemporanea per poi diventare protagonisti di un ripensamento
artistico dell’Arno.
MUSEO NOVECENTO
Conversazioni in mostra. La risposta degli artisti all’alluvione.
target: per tutti, a partire dai 10 anni
orario: 10.30, 12.00
durata: 1h15’
La visita alla mostra Beyond Borders /After the Flood: the artists’ engagement sarà l’occasione per
approfondire uno dei temi portanti del Museo Novecento, ovvero la risposta degli artisti all’appello
del critico d’arte Carlo Ludovico Ragghianti che in seguito all’alluvione li invitò a donare la propria
opera per costituire un nuovo Museo Internazionale di Arte Contemporanea. Appello che ebbe larga
eco in tutto il mondo, tanto che già nel febbraio del 1967 si aprirà in Palazzo Vecchio la mostra Gli
Artisti per Firenze. La mostra si pone come “controcanto” alle opere già esposte in forma
permanente all’interno del percorso museale, nella sezione dedicata appunto a questo tema,
presentando al pubblico un pregevole nucleo di opere dei depositi: artisti cubani, cinesi, serbi, i cui
lavori restituiscono la portata e il respiro della solidarietà artistica che germinò dal dramma.
COMPLESSO DI SANTA MARIA NOVELLA
Visita a Santa Maria Novella
target: per tutti, a partire dai 10 anni
orari: 14.30
durata: 1h15’
Le visite accompagnano il pubblico alla comprensione di uno straordinario documento della storia
dell’ordine domenicano ma anche di un fondamentale capitolo della città di Firenze. In questo senso
un’attenzione particolare sarà dedicata alla storia dell’ordine, i cui caratteri teologici soggiacciono a
tutte le vicende architettoniche e artistiche del convento, ma anche alla partecipazione attiva della
cittadinanza, che da sempre ha supportato la vita del complesso grazie a lasciti, committenze e
patronati, coinvolgendo i maggiori artisti del Medio Evo e del Rinascimento: fra questi Giotto,
Masaccio, Filippo Brunelleschi, Paolo Uccello, Domenico Ghirlandaio, Filippino Lippi.
Vita quotidiana in Santa Maria Novella
target: per famiglie con bambini dai 6 ai 10 anni
orari: 16.00
durata: 1h15’
Il complesso di Santa Maria Novella offre l’occasione per immaginare e ricostruire la vita, le regole,
l ́orario e le mansioni dei frati domenicani del tredicesimo secolo apprezzando nel contempo la
ricchezza dei capolavori che il convento racchiude. Sarà quindi possibile rivivere sulla propria pelle
lo scorrere del tempo nel convento - la preghiera nella grande chiesa, tradotta in forma visiva nelle
grandi opere di Giotto, Masaccio, Brunelleschi o Ghirlandaio; il pasto comune in refettorio; la
riunione nella sala del Capitolo; lo studio in biblioteca, il silenzio nel chiostro; la cura e l’assistenza
nell’infermeria; il riposo nei dormitori - giungendo ad apprezzare la portata storica e artistica del
complesso.

Piazza dei Ciompi

Foto di Francesco Baciocchi

Proverbio Toscano del Giorno

"La vecchiezza è un male desiderato da tutti: la gioventù un bene non conosciuto da nessuno"

lunedì 28 novembre 2016

29 Novembre - Associazione Archeosofica - L'UOMO SULLA TERRA: IL CONTINENTE IPERBOREO E LA LEMURIA

Prossimo appuntamento del ciclo di incontri dal titolo “Cronache di civiltà scomparse”, che
intende illustrare e commentare l’omonima opera di Alessandro Benassai.
MARTEDI’ 29 NOVEMBRE, alle ore 21, la conferenza “L’UOMO SULLA TERRA: IL CONTINENTE IPERBOREO E LA LEMURIA”. Relatore Alessandro Mazzucchelli.

L’ingresso è libero e non occorre prenotazione.

Per una breve introduzione all’argomento potete consultare la pagina
all’indirizzo:
https://archeosofiafirenze.org/2016/11/24/29-novembre-2016-iperboreo-lemuria/

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/r
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net
http://archeosofiafirenze.org

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK https://www.facebook.com/archeosofiafirenze

28 Novembre - Stagioni e spazialismo transgeometrico: esposizione di Agathos a Firenze -Biblioteca Pietro Thouar inaugurazione della mostra “Universo adimensionale – stagioni e spazialismo transgeometrico” di Carlo Franzoso, in arte Agathos

Il 28 novembre alle 16 alla Biblioteca Pietro Thouar inaugurazione della mostra “Universo adimensionale – stagioni e spazialismo transgeometrico” di Carlo Franzoso, in arte Agathos, organizzata dalla Fondazione il Fiore. A fianco dell’artista salentino interverrà il matematico Enrico Giusti. Intermezzo musicale di Chiara D’Andrea con Francesco Lucchini. Coordina Maria Giuseppina Caramella. La mostra prosegue fino al 30 novembre. Ingresso libero.



Le ultime produzioni artistiche del fondatore della «transgeometria» o «geometria rifratta»: opere della serie “Stagioni” (2016), mai esposta a Firenze, della serie “Sintesi” (2016) e poi altre tele di quest’anno e di anni precedenti, tutte comprese nel ciclo continuo “Universo adimensionale”, avviato nel 2012.

E’ quanto propone la mostra di Agathos, all’anagrafe Carlo Franzoso, artista e matematico salentino, ma residente in Toscana da diversi anni, che verrà inaugurata lunedì 28 novembre alle 16 alla biblioteca Pietro Thouar di Firenze (piazza Tasso n. 3). Un’occasione per accostarsi attraverso le opere esposte e per farsi spiegare da lui stesso gli aspetti salienti del “Manifesto dello Spazialismo Transgeometrico”, contraddistinto da una numerazione dei principi alla base del movimento artistico che rimanda alla logica fuzzy (vedi sotto) e alla sequenza di Fibonacci.  Ma un momento in cui si potrà anche affrontare più in generale il tema dei rapporti fra arte e matematica, visto che accanto a questo esponente di spicco della «new mathematical art» interverrà il Prof. Enrico Giusti, insigne matematico che presiede il museo per la matematica “Il Giardino di Archimede”. L’inaugurazione, coordinata dalla presidente della Fondazione il Fiore Maria Giuseppina Caramella, che organizza l’evento in collaborazione con la biblioteca Thouar del Comune di Firenze, prevede pure intermezzi musicali della cantautrice Chiara D’Andrea con Francesco Lucchini alla chitarra ed è a ingresso libero.

L’esposizione di Agathos, che è intitolata “Universo adimensionale – stagioni e spazialismo transgeometrico” e continua fino al 30 novembre dalle 9 alle 19, accoglie in particolare una interessante selezione delle recentissime opere della serie “Stagioni”: sedici tele 40x50 cm in tecnica mista che affrontano con le lenti del nuovo linguaggio transgeometrico un tema classico della storia dell’arte quale l’avvicendarsi delle stagioni. In esposizione anche una parte delle opere in bianco e nero di “Sintesi”, più altre opere di quest’anno e degli anni precedenti, a partire dal 2012, anno in cui fu avviato il progetto “Universo adimensionale”: la ricerca, sulla scia degli spazialisti, di «un altrove capace di rappresentare lo spazio nei suoi elementi essenziali», come scrive il curatore Vincenzo Sardiello.

Per Sardiello «lo spazialismo transgeometrico si basa su una semiologia complessa che […] designa un universo in cui le leggi fisiche e matematiche vengono applicate in una descrizione puntuale e irriverente del mondo di cui lo spettatore scopre all’improvviso di non conoscere nulla e che disvela la realtà nella sua complessità rendendo lo spettatore componente creativo dell’universo che lo circonda e trasformandolo in scienziato o, forse, in artista». «La transgeometria – spiega Sardiello - si sviluppa in uno spazio pentadimensionale che, oltre alle quattro dimensioni (lunghezza, larghezza, profondità e spazio-tempo), ha una quinta coordinata, di tipo qualitativo, ma a cui corrispondono valori ordinabili, legata alle proprietà cromatiche. Tale coordinata si muove nel range fra 0 e 1 e assume valore 0 se il punto ha il colore bianco assoluto, valore 1 se ha il colore nero assoluto. Il valore della quinta coordinata non definisce la posizione del punto ma la sua colorazione, quindi la sua “individuazione”. Secondo tale impostazione “fuzzy” la geometria dell’universo adimensionale è strutturata secondo scale di sfumature di enti geometrici elementari».

«Agathos – scrive Daniele Radini Tedeschi - si rifà a quel principio che vede risolta la dualità tra colore e forma non più nella sintesi di sensazione-colore e struttura-forma, ma nell’accentuazione del colore in funzione strutturale. Da qui prendono origine le geometrie e le diverse costruzioni dell’artista atte ad esprimere i suoi pensieri e i suoi moti dell’animo. Egli riprende la concezione di scomposizione dell’immagine in blocchi, quadrati, triangoli, dipinti con pennellate nette e ben definite in modo sequenziale, come se fosse rispettata una matrice base che in virtù di multipli o sottomultipli si ripete seguendo regole fisse, matematiche e algebriche. La realtà per Agathos viene letta attraverso un logos razionale in grado di disciplinarla entro canoni, schemi; come se un ordine intellettuale prevalesse sempre sulla coscienza, su quel flusso di passioni stemperando l’impetuosità del sentimento».

Carlo Franzoso ha ricevuto il patrocinio permanente della Fondazione il Fiore.



Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel.: 055-225074





Profilo di Carlo Franzoso

Carlo Franzoso, in arte Agathos, figura di spicco del panorama artistico contemporaneo, da artista e matematico ‘eretico’, concepisce un lessico che mira ad oggettivare la relatività del pensiero ed è il fondatore della “Transgeometria” o “Geometria rifratta”. Il lavoro di Agathos, strettamente legato al percorso tracciato dagli spazialisti, si concretizza nella ricerca di un altrove, definito nel suo ciclo continuo come “Universo Adimensionale”, capace di rappresentare lo spazio nei suoi elementi essenziali. Agathos si spinge sino alla costruzione di nuove coordinate tese a codificare un paradigma interpretativo, quello transgeometrico, che schiaccia tutte le certezze e tutte le verità. Le sue intuizioni scientifiche riportate su tela sono raccolte in collezioni pubbliche e private. Il ciclo continuo “Universo Adimensionale” dopo le affermazioni internazionali a Parigi (Palazzo del Louvre), New York, Cannes (proclamato terzo artista al mondo), Praga, Barcellona, Quito (Ecuador), Montecarlo, ha percorso importanti tappe anche in Italia come il Museo della Scienza a Milano, il Palazzo pubblico di Siena, il Castello Imperiali di Francavilla Fontana. Sue opere sono esposte in permanenza al Museo del Calcolo “Mateureka” di Pennabilli (RN), al Museo della Matematica “Il Giardino di Archimede” di Firenze, al “Castello Imperiali” in Francavilla Fontana (BR), nei musei delle Contrade di Siena, nella sede della contrada del Poggiolo di Montepulciano, nel Duomo di Chiusdino. Sue monografie sono presenti e oggetto di studio presso l'Università di Harvard, la Columbia University, l'Università di Dresda, il Moma e il Metropolitan Museum di New York, il Getty Museum di Los Angeles, il Museo Reina Sofia di Madrid, lo Staatliche Museen di Berlino, il Museo Pecci di Prato. Il pensiero Transgeometrico e gli studi di Agathos sono divulgati in convegni e incontri con istituzioni culturali grazie al Centro Studi 'Agathos' diretto da Vincenzo Sardiello.





Manifesto dello spazialismo transgeometrico

Lo spazio e il tempo non esistono

La conoscenza oggettiva è un concetto astratto

Le coordinate fondamentali sono scelte soggettive

Vero e falso sono concetti sfumati

L'azione è condizionata dalla percezione

La scienza è mediata dai sensi



0. Nella nostra realtà fluida viviamo con travaglio l’impossibilità di determinare con certezza la realtà che ci circonda. Le grandi rivoluzioni scientifiche, dalla relatività alla gravità quantistica, mettono in secondo piano l’essere umano pensante.

0,01. La matematica e la logica, coalizzate nel tentativo di districare il groviglio della complessità, ci restituiscono una immagine della realtà come una serie di equazioni che, su un foglio di carta, vogliono privare l’uomo dalle suggestioni dei sensi relegandolo in un universo buio in cui il caso è il signore incontrastato.

0,02. Il nostro intento non è contraddire l’analisi scientifica, ma arricchirla.

0,03. Per quanto astratti possano essere i concetti e per quanto incomprensibile possa essere il mondo, l’uomo compie quotidianamente uno sforzo di comprensione che è basato sui limiti umani.

0,05. Dovunque c’è un uomo, c’è una porzione finita di significato.

0,08. Per decodificare e rappresentare questo frammento di significato, lo strumento che riteniamo più adeguato è la transgeometria.

0,13. La transgeometria crea un connubio tra il rigore del metodo matematico e la logica sfumata, restituendo una realtà in cui vero e falso si fondono in una geometria che dà colore e forma all’incertezza che ci circonda.

0,21. Una geometria che ha delle regole ben precise, che razionalizza e formalizza le molteplici configurazioni del reale ma che è incentrata sul soggettivismo sia di chi opera, che di chi osserva.

0,34. Da questi presupposti nasce una nuova configurazione dello spazio, che non è né quello astratto dell’analisi matematica né quello concreto del mondo della fisica, ma un essere vivente che si muove in simbiosi con l’esistenza di ogni essere umano.

0,55. Il nostro scopo è raccontare questo spazio, uno spazio conosciuto da tutti ma mai analizzato da nessuno e men che mai messo in esposizione.

0,89. Vogliamo che scienza, rigore e soggettività convivano e continuino a contribuire allo sviluppo della conoscenza.

1. Lo spazialismo transgeometrico raccoglie un’idea ontologica del mondo che, rifiutando nelle promesse metodologiche il principio di verità, sa benissimo potrebbe essere falsa.

Le Cascine

Foto di Roberto Di Ferdinando


Proverbio Toscano del Giorno

"La sapienza non sta nella barba"

domenica 27 novembre 2016

Proverbio Toscano del Giorno:

"La morte non guarda solamente al libro dei vecchi"

venerdì 25 novembre 2016

25 Novembre - Libreria LEF


29 novembre - Lezione: "Forme di governo nel mondo: India"

di Domenico Amirante (Seconda Università di Napoli)
Nell'ambito del ciclo di seminari del Corso di Diritto costituzionale comparato ed europeo 2016-2017
Programma completo degli incontri: http://www.dsg.unifi.it/upload/sub/eventi/eventi-2016/locandina-seminari-fdg-nel-mondo-2016-17.pdf
29 Novembre 2016  -  ore 14-16
Sede:
   
Polo delle Scienze Sociali - Edificio D6, Aula 1.18 - Via delle Pandette, 9 Firenze
Organizzazione:
   
Università degli Studi di Firenze, Dipartimento di Scienze Giuridiche, Scuola di Scienze Politiche "Cesare Alfieri"

27 Novembre - Laboratorio: "Una visita da brivido alla Specola"

Una visita da brivido nelle sale della Specola: un’avventura per i più coraggiosi, tra i misteriosi segreti degli animali e degli scheletri del Museo.
Programma completo "Autunno in museo": http://www.msn.unifi.it/event/autunno-museo-le-famiglie-4/
27 Novembre 2016  -  ore 15-16
Sede:
   
Museo "La Specola", via Romana 17 Firenze
Organizzazione:
   
Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze

26 Novembre - Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze - Laboratorio: "A tu per tu con la balena"

Una balena fossile in centro a Firenze: il nuovo straordinario allestimento a Paleontologia fa vivere a grandi e piccini l’emozione di trovarsi nel blu dell’antico mare toscano di 3 milioni di anni
Programma completo "Autunno in museo": http://www.msn.unifi.it/event/autunno-museo-le-famiglie-4/
26 Novembre 2016  -  ore 15-16
Sede:
   
Paleontologia, via La Pira 4, Firenze
Organizzazione:
   
Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze
Per informazioni:
   
055-2756444

26 Novembre - Inaugurazione della mostra fotografica: DIGNITA' AUTONOME DI... ESPOSIZIONE

SABATO 26 NOVEMBRE

    h 18:30  -  Inaugurazione della mostra fotografica
L'Associazione Culturale La Nottola di Minerva presenta:

DIGNITA' AUTONOME DI... ESPOSIZIONE
Dal 26 novembre al 15 gennaio

In occasione dello sp ettacolo "Dignità autonome di prostituzione", in scena all'Obihall dal 13 al 15 gennaio 2017, in collaborazione con il Teatro Verdi e il Teatro Puccini, la Galleria del Caffè Letterario ospita, dal 26 novembre al 15 gennaio, la mostra collettiva che raccoglie gli scatti di oltre trenta fotografi che hanno spiato la Casa Chiusa dell'Arte nei diversi allestimenti in Italia e all'estero. Saranno esposte le fotografie di Tommaso Le Pera, forse il più importante tra i fotografi italiani di teatro.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

25 Novembre - Incontro: "Shqipëri!", proiezione del video documentario sull'identità albanese

Locandina: http://www.sc-politiche.unifi.it/upload/sub/newavvisi/2016/shqiperi-locandina.jpeg
25 Novembre 2016  -  ore 20.30
Sede:
   
RFK International House of Human Rights, Sala delle Colonne, via Ghibellina, 12 Firenze
Organizzazione:
   
Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Europedirect
t

Rampe di San Niccolò

Foto di Marco Giorgi

Proverbio Toscano del Giorno

"In gioventù bisogna acquistare, quel che in vecchiaia ti può giovare"

giovedì 24 novembre 2016

25 Novembre - Presentazione progetti ICOM MeP (Musei e Paesaggi culturali) - Musei Toscani, Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze

Programma: http://www.unifi.it/upload/sub/agenda/2016/ICOM_Musei_Toscani_25nov2016.pdf
25 Novembre 2016  -  ore 15
Sede:
   
Sala Strozzi, via La Pira, 4 Firenze
Organizzazione:
   
Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze, International Council Of Museum (ICOM) Comitato Nazionale Italiano, Regione Toscana, Ministero per i

Beni e le Attività Culturali(MIBAC), Comune di Fivizzano, Parco Apuane

2 Dicembre - Libreria dei Lettori - INCONTRI IN LIBRERIA: “Nutrirsi di Altrove”

INCONTRI IN LIBRERIA
 Venerdì 2 dicembre, alle 18.30,
in “Libreria dei Lettori” presentazione di
“Nutrirsi di Altrove” (Polistampa, 2016)
a cura di “Transafrica Sviluppo” e “Hypatia - Donne in volontariato”
Dalla testa e dal cuore delle due associazioni un anticipo:
“Provenienti da molte parti del mondo, le donne protagoniste di questo libro, lontane dal loro paese di origine, raccontano di uno spaesamento dovuto alla migrazione e curato, talvolta, con la preparazione e il consumo di piatti dai sapori familiari.
“Nutrirsi di altrove” non è solo un libro di ricette dai sapori lontani:
è un libro di storie, di speranze e di aspettative; un libro di condivisione.
Ci racconta chi è l’altro e di come è l’altrove che dobbiamo necessariamente conoscere
se vogliamo essere meno estranei e più aperti a nuove forme di convivialità e socialità.
Naturalmente senza perdere di vista noi stessi, me stessa, me stesso, consapevolezza di noi stessi
senza la quale non c’è relazione valida.
Ecco perché il libro riporta anche una ricetta italiana.”
Ne parleremo meglio con Gheni Adam e Francesca Gaggini.
Libreria dei Lettori - Via della Pergola, 12 - 50121 Firenze - T. 055/2264333 - libreriadeilettori@gmail.com

Mercato "Nataleperfile" a Palazzo Corsini, Firenze - 1°/4 dicembre - 14a edizione

informiamo che da giovedì 1° a domenica 4 dicembre avrà luogo a Palazzo Corsini a Firenze la 14a edizione del mercato di beneficenza “Nataleperfile” organizzato dalla Fondazione FILE Onlus.



Link pagina sito web: http://www.leniterapia.it/eventi/nataleperfile2016/

Link evento Facebook: https://www.facebook.com/events/406969809656170/

Piazza della Signoria


Foto di Francesco Baciocchi

Proverbio Toscano del Giorno

"Giovane senza esercizio, ne va sempre in precipizio"

Antiche insegne resistono: via dei Servi

Foto di Roberto Di Ferdinando

mercoledì 23 novembre 2016

24 Novembre - Tavola Rotonda: "La vittoria di Trump e le possibili conseguenze"

La Scuola di Scienze Politiche “Cesare Alfieri”, in collaborazione con il Forum per i problemi della pace e della guerra, organizza un dibattito pubblico sul risultato del voto alle presidenziali americane, proponendo un’analisi delle ragioni e delle conseguenze di tale risultato. Intervengono Alessandro Chiaramonte, Max Guderzo, Sonia Lucarelli e Carlo Sorrentino. Introduce Alberto Tonini
Informazioni: http://www.sc-politiche.unifi.it/art-454-la-vittoria-di-donald-trump.html
24 Novembre 2016  -  ore 14-16
Sede:
   
Polo delle Scienze Sociali, Palazzina D4, aula 005, via delle Pandette, 35 Firenze
Organizzazione:
   
Scuola di scienze politiche "Cesare Alfieri", Forum per i problemi della pace e della guerra

24 Novembre - Incontro: "Percorsi etnografici ai margini della città"

L'evento si svolge nell'ambito del ciclo di incontri "Raccontare l'urbano. Mappe, percorsi, geografie" a partire dal volume "Rethinking life at the margins. The assemblage of contexts, subjects and politics" (Routledge, 2016). Intervengono l'autore Michele Lancione (Cardiff University) e Camilla Perrone (Università di Firenze)
Programma completo: http://www.sagas.unifi.it/upload/sub/documentazione/ottobre-puttilli-poster-ciclo-incontri.pdf
24 Novembre 2016  -  ore 15,30 - 17,30
Sede:
   
Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS), Aula Magna, via San Gallo, 10 Firenze
Organizzazione:
   
Laboratorio di Geografia Sociale - LaGeS (www.lages.eu), Dipartimento SAGAS, Società di Studi Geografici di Firenze

24 Novembre - Convegno internazionale di studi "Per Edward Gordon Craig nel cinquantenario della morte (1966-2016)"

a cura di Renzo Guardenti, Gloria Manghetti, Alyson Price
Interventi di Laura Caretti, Cosimo Chiarelli, Monica Cristini, Harvey Grossman, Patric Le Boeuf, Lorenzo Mango, Ferruccio Marotti, Anna Mazzanti, Alessandro Nigro, Nicola Pasqualicchio, Alessandro Sardelli, Ilaria Sborgi, Francesca Simoncini.
24 Novembre 2016  -  25 Novembre 2016  -  il 24 e il 25 novembre dalle ore 9.30
Sede:
   
Saloncino del Teatro della Pergola, Via della Pergola, 30 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS); Università di Pisa; Università di Siena; Gabinetto scientifico letterario Vieusseux; the British Institute of Florence; Teatro della Pergola; Dottorato di ricerca interuniversitario "Pegaso" in Storia delle arti e dello spettacolo

24 Novembre - Lezione: "Forme di governo nel mondo: Sudafrica" di Veronica Federico (Università di Firenze)

Nell'ambito del ciclo di seminari del Corso di Diritto costituzionale comparato ed europeo 2016-2017
Programma completo degli incontri: http://www.dsg.unifi.it/upload/sub/eventi/eventi-2016/locandina-seminari-fdg-nel-mondo-2016-17.pdf

24 Novembre 2016  -  ore 16-18
Sede:
   
Polo delle Scienze Sociali - Edificio D4, Aula 0.05 - Via delle Pandette, 35 Firenze
Organizzazione:
   
Università degli Studi di Firenze, Dipartimento di Scienze Giuridiche, Scuola di Scienze Politiche "Cesare Alfieri"

24 Novembre - Festival "MEDIARC 2016" Festival Internazionale di Architettura in video

Informazioni: http://www.mediarc.unifi.it/
24 Novembre 2016  -  25 Novembre 2016  -  ore 15-22
Sede:
   
Le Murate Firenze
Organizzazione:
   
Centro Documentazione Comunicazione Audiovisiva Dipartimento di Architettura, MIUR, MIBACT, Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio, Ordine Architetti

24 Novembre - Convegno: "La casa, il palazzo, la villa: luoghi dell’identità nella letteratura dell’età augustea e della prima età imperiale"

 XII convegno del Réseau de recherche et de formation à la recherche “Poésie augustéenne”, che riunisce le università di Berlino (Freie Universität), Cambridge, Dublino (Trinity College), Firenze, Ginevra, Heidelberg, Lille, Londra (King’s College), Oxford, Roma (Sapienza), Udine e la Scuola Normale Superiore.
Informazioni e programma: http://www.letterefilosofia.unifi.it/art-309-la-casa-il-palazzo-e-la-villa.html
24 Novembre 2016  -  26 Novembre 2016  -  Giovedì 24: ore 9-19 Venerdì 25: ore 9-19 Sabato 26: ore 9-13
Sede:
   
- giovedì 24: Università di Firenze, Aula Magna, Piazza San Marco, 4 Firenze
- venerdì 25 e sabato 26: Palazzo Strozzi, Sala "l'Altana", Piazza Strozzi, Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, Scuola Normale Superiore, a cura di Mario Citroni (Scuola Normale Superiore), Mario Labate (Università di Firenze), Gianpiero Rosati (Scuola Normale Superiore)

Associazione Archeosofica: nuovo Corso di 1° livello di ginnastica psicosomatica e dinamica respiratoria

Visto il successo dei corsi di respirazione e ginnastica ancora attivi, l'Associazione Archeosofica di Firenze è lieta di proporre un nuovo Corso di 1° livello, a condizioni vantaggiose, di ginnastica psicosomatica e dinamica respiratoria a cura di Daniela Scatizzi, istruttrice di Ginnastica Posturale e di Hatha Yoga per il Fitness e di Silvia Fani, istruttrice di Pilates e Ginnastica Posturale.

IL CORSO SI SVOLGERÀ PER 4 GIOVEDÌ DAL PROSSIMO 24 NOVEMBRE AL 22
DICEMBRE
2016 dalle 21.15 alle 22.15, con un numero massimo di 15 partecipanti e minimo di 6.
Durante il corso impareremo e metteremo in pratica tecniche e discipline enunciate nei testi di Tommaso Palamidessi, in particolare nel Quaderno n.13 "Dinamica Respiratoria e Ascesi Spirituale" e nel Quaderno n. 16 "Educazione fisica e ginnastica psicosomatica".

Per leggere un breve articolo di presentazione dell'argomento:
https://archeosofiafirenze.org/2016/09/20/29-settembre-2016-corso-di-respirazione-e-ginnastica/


Associazione Archeosofica
Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/r
50125 Firenze
tel. 055215940
email: info.firenze@boxletter.net
http://archeosofiafirenze.org/
Seguici anche su Facebook https://www.facebook.com/archeosofiafirenze/

23 Novembre - Cineteca - Le Murate: SWEET DEMOCRACY

MERCOLEDI' 23 NOVEMBRE

    h 21:00  -  Cineteca
Rive Gauche - Festival presenta in Prima Visione per il Centro-Nord:

SWEET DEMOCRACY

Di Michele Diomà. Con Michele Diomà, Dario Fo e Renato Scarpa
Sarà presente il regista

La satira è tornata.
Un film sulla libertà d'espressione con la straordinaria partecipazione di Dario Fo. Il regista Michele Diomà, è l'autore del fortunato documentario Born in the U.S.E. scelto da Rai Cinema Channel per celebrare i 120 anni della nascita del cinema. Dedicato al tema della libertà di informazione e di espressione, il film vede la luce dopo oltre un anno di lavorazione. Alla realizzazione dell'ultima regia firmata da Michele Diomà ha collaborato anche il produttore Donald Ranvaud, 8 nominations agli Oscar per City of God e The Constant Gardener.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Ponte Vecchio

Foto di Marco Giorgi

Proverbio Toscano del Giorno

"Giovane invidiato, o virtuoso o innamorato"

martedì 22 novembre 2016

24 Novembre - 'Associazione "Per Boboli": presentazione del libro “Vietato dire non ce la faccio”.

L'Associazione "Per Boboli" e l'Associazione Culturale Pinocchio di Carlo Lorenzini sono liete di invitare la S.V. giovedì 24 novembre 2016 alle 11.00 presso il Teatro del Rondò di Bacco (Palazzo Pitti - Firenze), per la presentazione del libro “Vietato dire non ce la faccio”.

Insieme alle autrici, Nicole Orlando e Alessia Cruciani, intervengono:

On. Monica Baldi, Presidente dell’Associazione Culturale Pinocchio di Carlo Lorenzini
Eleonora Pecchioli, Presidente Associazione "Per Boboli"
Matilde Renzi, Rappresentante Associazione Trisomia 21

Con i più cordiali saluti

Associazione "Per Boboli"
Segreteria Relazioni Esterne e Comunicazione
www.associazioneperboboli.com
associazioneperboboli@gmail.com
www.facebook.com/AssociazionePerBoboli

Antiche insegne resistono: via Tornabuoni

Foto di Francesco Baciocchi

Proverbio Toscano del Giorno

"Consiglio di vecchio è aiuto di giovane"

lunedì 21 novembre 2016

22 Novembre - "Pertini, Firenze, la cooperazione"

Locandina: http://www.unifi.it/upload/sub/agenda/2016/Iniziativa%20Pertini%20rev.pdf
22 Novembre 2016  -  ore 10-12
Sede:
   
Aula magna del Rettorato, Piazza S. Marco, 4 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, Legacoop Toscana

22 Novembre - Conferenza: "Le piante del Natale"

Relatrice Marta Mariotti docente di Botanica sistematica (Università di Firenze) nell'ambito del ciclo "Biblioteche all'orto".
Dettagli: http://www.msn.unifi.it/wp-content/uploads/web-Pieghevole-OrtOblate2016-1-3.pdf
22 Novembre 2016  -  ore 17
Sede:
   
Biblioteca delle Oblate, Sala conferenze, via dell'Oriuolo, 24 Firenze
Organizzazione:
   
Museo di storia naturale dell'Università di Firenze
Per informazioni:
   
Ingresso libero

21 novembre - Le Murate - Cineteca: HONG KONG EXPRESS

LUNEDI' 21 NOVEMBRE

    h 21:30  -  Cineteca
A cura di Europe Direct. Ciclo I tempi dell’amore

HONG KONG EXPRESS

Di Wong Kar-wai. Con Tony Leung, Takeshi Kaneshiro, Brigitte Lin, Faye Wong, Valerie Chow – Hong Kong – 1994 – 98’.

L'inspiegabile nascita (e fine) dell'amore sotto le luci al neon di Hong Kong. Chungking Mansions, Hong Kong, 1994. L'agente 223 (Takeshi Kaneshiro) non riesce a dimenticare Ah Mei, la ragazza che l'ha lasciato, e arriva ad abbrutirsi mangiando ananas scaduto. Incontra una donna misteriosa con una parrucca bionda (Brigitte Lin) e se ne innamora. L'agente 663 (Tony Leung) frequenta assiduamente un chiosco dove lavora Ah Fei (Faye Wong), la quale si innamora di 663 senza che questi se ne renda conto. Storie apparentemente parallele che parallele non sono, che in modo quasi impercettibile si toccano, o meglio si sfiorano, talora ingannando lo spettatore meno smaliziato. Tutto costruito con la perizia di uno stratega dei sentimenti, che sa di poter donare a ogni dettaglio vita propria, ma infonde una passione così sincera nella sua creazione che non si corre mai il rischio di intravedere la mano che muove i fili da lassù. Apprendendo che il film è stato girato nelle pause di lavorazione dell'interminabile Ashes of Time non ci si crede, ma è anche così, nella fretta o quasi per gioco, che nascono opere fondamentali. Con la stessa apparente (e un po' fatalista) casualità con cui, in Hong Kong Express, uomini e donne si amano o si lasciano e segnano così indelebilmente le loro vite.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Via Strozzi

Foto di Francesco Baciocchi

Proverbio Toscano del Giorno

"Dai sessanta in su non si contan più"

domenica 20 novembre 2016

Veduta dal Giardino di Boboli

Foto di Marco Giorgi


"Fiorenza" di Giampaolo Talani

Cortile della Dogana - Palazzo Vecchio
Foto di Roberto Di Ferdinando

Proverbio Toscano del Giorno

"Al vecchio non manca mai da raccontare, nè al sole nè al focolare"

sabato 19 novembre 2016

venerdì 18 novembre 2016

23 Novembre - La Città Golosa alla Biennale

Mercoledì 23 novembre una grande festa enogastronomica promossa da Firenze
Spettacolo con piatti e tipicità fiorentine e toscane.
Protagonisti 20 produttori e attività tipiche: in degustazione cibi e vini
del territorio. All'EX3, Casa della Biennale Enogastronomica (10-28
novembre), una festa esclusiva per “wine e food people” in affascinanti
spazi urbani recuperati dal Comune di Firenze.

Protagonisti
I Crostini Toscani e la Pappa al Pomodoro della Gastronomia Galanti
Siena Tartufi di Alessandro Pellegrini: Tartufo Bianco delle Creti Senesi -

Tuber Magnatum Pico.
Le minestre di Burde
La Carabaccia Vegana de Le Fate: zuppa di cipolle, cannella e mandorle.
La Frittata di ceci e verdure di stagione, Roselline di pasta frolla,

pinoli, marmellata e cannella.
L’Inzimino de La Bottega di Parigi
Gnudo di cavolo nero e ricotta di capra in acqua di zucca con olio nuovo

del ristorante Al 588 di Borgo I Vicelli
I salumi di Cinta Senese di Renieri
La Schiacciata Toscana di PAMBRIACO
Le cassatine, i bocconcini, le mattonelle della gelateria artigiana DAI DAI

di Castiglioncello
I Gelati di Amalo
I dolci dell’Acqua al 2
I Cantucci e il Panettone artigianale dei Fratelli Lunardi: Dolce Emporio

(Borgo San Frediano 128r, Fi)
i Biscotti e le Cioccolate delle Nonne di San Frediano

I Vini
CASTELLO DI GREVEPESA (San Casciano V.P.)
Clemente VII Chianti Classico annata 2012 - Clemente VII Chianti Classico

Gran Selezione annata 2011 - Clemente VII Vin Santo
BRUSCOLA San Casciano V.P.
Chianti Classico Bruscola 2013, Stibbio IGT 2013 e Olio Extravergine di

Oliva 2016
CANTINA CAMPOTONDO Campiglia d’Orcia (SI)
Mezzodì Orcia doc 2014 - Banditone Orcia doc 2013 - Tocco Riserva Orcia doc

2012
FATTORIA di PIAZZANO
IGT CTC  "Sangiovese" 2008 - IGT Toscano "Colorino" 2013 - Chianti DOCG

"Rio Camerata" 2014 - IGT Bianco Toscano "Pratile" 2015 - IGT Rosato

Toscano "Messidoro" - Bianco dell'Empolese doc "Vinsanto" 2007
FATTORIA LE SORGENTI Bagno a Ripoli
Scirus (IGT rosso)- Gaiaccia (IGT rosso) Codarossa (igt rosso ) - Respiro

Chianti CF Docg- Sghira’s (IGT bianco)- Hyris Vinsanto doc - Calico brut -

Olio Laudemio - olio bag in box 3lt
PODERE DELL’ANSELMO Montespertoli
VILLA GIULIA San Casciano V.P.
Chianti Classico '14 - Chianti Classico Riserva'13 - IGT Il Matteo '13

Prenotarsi a info@firenzespettacolo.it
Casa della Biennale (EX3, Viale Giannotti, 81-85) – dalle ore 20 - Ingresso
tutto compreso 25 euro  – ulteriori info 055 212911

20 Novembre - Evento A TASTE FOR CHARITY

DOMENICA 20 NOVEMBRE

    h 19:00  -  Evento

A TASTE FOR CHARITY

Il 20 dicembre ricorre il 27° anniversario della firma della Convenzione
ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. È per festeggiare questa
iniziativa che Younicef Firenze  organizza un aperitivo per sostenere la
campagna Unicef Bambini in pericolo.

Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

19 Novembre - Presentazione progetto e performance: TREEDOM

SABATO 19 NOVEMBRE

    h 12:00  -  Presentazione progetto e performance

TREEDOM

Esperienza in Virtual Reality:  saranno riprese persone e azoni, con
l'obiettivo di sensibilizzare sugli effetti positivi di piantare alberi,
sia per l'ambiente che per i contadini coinvolti nei nostri progetti di
riforestazione nel sud del mondo.
www.treedom.net

Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Torre Mannelli

Foto di Marco Giorgi

Proverbio Toscano del Giorno

"Vegliare alla luna e dormire al sole, non fa nè pro nè onore"

giovedì 17 novembre 2016

19 Novembre - L’inaugurazione della statua “Maestà tradita” in piazza Santa Maria Novella

Gaetano Pesce inaugura a Firenze le nuove sale espositive del Museo Novecento ed espone in Piazza Santa Maria Novella una scultura monumentale site-specific dedicata alla condizione della donna oggi. La mostra “Maestà tradita”, promossa dal Comune di Firenze e organizzata da Mus.e a cura di Sergio Risaliti e Vittorio Sgarbi, sarà aperta dal 21 ottobre 2016 all’8 febbraio 2017.

L’inaugurazione della statua “Maestà tradita” in piazza Santa Maria Novella è prevista sabato 19 novembre alle ore 11:30 alla presenza del Sindaco e dell’artista.


L’artista, designer, architetto, creatore di icone della nostra epoca come la celebre Up, fin dalla fine degli anni ’60 ha messo al centro della propria ricerca interdisciplinare proprio la donna, e con essa l’intero universo femminile e, collegando in questa sua intuizione gli aspetti più profondi e arcaici
dell’essere donna (il femminino) alla realtà sociale, politica ed economica del nostro tempo. Antropologia, storia dell’arte, sociologia, folclore, biopolitica, geopolitica: nel suo approccio Gaetano Pesce abbraccia tutte le tecniche e le diverse fonti culturali per riproporre esperienze e informazioni
in forme fantastiche, sperimentando immagini e materiali con una libertà espressiva e iconografica assolutamente esemplari. Secondo Pesce:    “… la multidisciplinarietá artistica visita il nostro tempo… non ama le gerarchie tra i diversi linguaggi dell’espressione… la creatività odierna non si
ritrova più nella coerenza… I linguaggi riconoscibili annoiano, e appartengono al passato… la complessità del nostro tempo riflette diversità di valori, anche contraddittori, che formano il pluralismo, l’incoerenza e il comportamento molteplice. La natura femminile, con le sue sfaccettature, coincide con l’essere della nostra epoca: per questo penso che la donna sarà la protagonista del tempo futuro”.
Fin degli esordi, Gaetano Pesce ha contribuito ad abbattere i confini tra architettura, arte e industria, costruendo un universo immaginifico di progetti e di oggetti diventati vere e proprie icone della creatività, ormai riconosciuti e analizzati in tutto il mondo accademico e non solo. Le opere
“multidisciplinari” di Pesce fanno, infatti, parte delle collezioni permanenti delle più importanti istituzioni culturali. Presente in tutti i più prestigiosi musei americani, dal MoMA al Metropolitan Museum, dal Vitra Museum al Louvre, Pesce ha esposto ovunque in Europa e nel resto del mondo, dal parigino Centre Pompidou al MAXXI di Roma.

In Piazza Santa Maria Novella, posta in relazione con la magnifica facciata della basilica progettata da Leon Battista Alberti, Pesce esporrà una scultura inedita, concepita per lo spazio pubblico, in relazione con il contesto storico-artistico e religioso. Si tratta di una monumentale figura di donna, avvolta in un lungo mantello, una sorta di Mater matuta (come quella conservata al Museo Archeologico di Firenze), ma anche archetipo ispirato alla “Maestà” cristiana (l’iconografia della Madonna in trono), e quindi eco contemporaneo di quella celeberrima “Madonna Rucellai ” commissionata nel 1285 a Duccio di Boninsegna dalla confraternita dei Laudesi per la cappella della compagnia in Santa Maria Novella, poi spostata alla fine del cinquecento nella cappella Rucellai della chiesa domenicana, infine trasferita agli Uffizi nel XX secolo. La Maestà tradita è seduta su un trono che a sua volta appoggia su un alto piedistallo. La figura di regina e madre si presenta però con segni di inequivocabile sofferenza. Il suo mantello è anche corpo, corpo tutto nudo, di nuda pelle. Ma anche corpo scorticato e flagellato, nuda carne esposta e segnata da prepotenza e violenza, sia fisica sia verbale. Una grande e pesante sfera di metallo arrugginito è legata al piede destro della figura con una grossa catena, quale simbolo della schiavitù a cui migliaia di donne, ancora oggi, sono costrette in diverse parti del mondo. La composizione riflette nella sua odierna presentazione le forme della celebre Up, che è una reinvenzione delle Veneri paleolitiche, simboli di fertilità e di sacralità, in un collegamento tra potenze della terra e del cosmo. A lato della facciata di Santa Maria Novella, la
Maestà tradita vuole essere un monumento alla ‘liberazione’ femminile e del femminile, testo di accusa e manifesto di una nuova civiltà, condanna per un mondo maschile che continua a tradire, offendere e violentare la sacralità del corpo femminile, costringendo la donna a sopportare esperienze di mercificazione, manipolazione ed emarginazione insopportabile, la pena mai sopita di “essere donna”. A questa condizione, a questa pena, a questa amarezza, rinvia l’installazione site-specifica realizzata da Pesce in una delle nuove sale espositive del Museo Novecento, dove su dei piedistalli sono presentati pezzi di pane e del fiele. Nella stessa sala si avvertirà anche un forte odore, traccia sensibile del peso e della fatica provata dalle donne in un mondo che ancora oggi le vuole condizionate al potere maschile.

Nel Museo Novecento, il percorso espositivo si snoda tra le nuove sale espositive e la Cappella interna, in un’esposizione dalla doppia valenza: performativa e antologica. Con circa venti disegni, di cui moltissimi inediti, viene ad essere rappresentata l’evoluzione, dagli anni Sessanta ad oggi, di quella che è stata la tematica fondamentale di uno dei più grandi interpreti dell’arte e dell’architettura contemporanea: quella della donna come centro del mondo, e del femminino come forza creativa assoluta. Ogni sala costituirà un’installazione multisensoriale che comunica attraverso odori, sostanze liquide, suoni, elementi vari, la difficoltà di essere donna in un mondo ancora dominato dalla omogenea e conservativa natura maschile. Al centro della sala maggiore viene esposta una Up rivestita di abiti femminili, tutti diversi per forma e colore, una scultura monumentale che giganteggia nello spazio, inneggiando alle donne, al valore della differenza, al rispetto del corpo femminile e della sua multiforme sensibilità. La grande UP vestita è circondata infatti da sei Up galeotte, ognuna delle quali incatenata a una palla di ferro, simbolo inequivocabile di schiavitù e di limitazione della libertà.  La mostra è ricca di momenti performativi che coinvolgono il visitatore in un viaggio emotivo e sensoriale sviluppato senza retorica ma con poetico, crudo espressionismo. L’evento ha
quindi un carattere esemplare in quanto avviene in una città che ha fondato i canoni della bellezza universale a partire dal maschile, centro dell’universo, esaltando la corporeità virile come tempio di virtù e di coraggio, di forza e di divino ingegno. In piazza Santa Maria Novella, la Maestà tradita si pone in definitiva come immagine dialettica in rapporto alla statuaria rinascimentale, in particolare ai ‘giganti’ di Piazza Signoria, simbolo di supremazia e di dominio.

23 Novembre - Circolo Il Progresso - Come se non ci fosse un domani concerto contro la violenza sulle donne

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Gruppo No Woman No Die

presenta

Come se non ci fosse un domani
concerto contro la violenza sulle donne

Mercoledì 23 novembre - ore 21
Circolo Il Progresso - via Vittorio Emanuele, 135 – Firenze
Ingresso a offerta libera a sostegno dell'Associazione Artemisia
Info www.circoloilprogresso.it
con
VERDIANA RAW, GIORGIA DEL MESE, LISA KANT, SARA RADOS,
ALICE CHIARI & SIMONE MORGANTINI 1861, SCANDALOSOBRIO
e la partecipazione di
 David Drago, Duccio Barlucchi, Cinzia Sanfilippo, The Cleopatras, Shot Of Love

La scena musicale toscana contro la violenza sulle donne: Verdiana Raw, Giorgia Del Mese, Lisa Kant, Sara Rados, Alice Chiari & Simone Morgantini 1861, ScandaloSoBrio sono solo alcuni ospiti della serata “Come se non ci fosse un domani” a sostegno dell’associazione Artemisia in programma mercoledì 23 novembre dalle ore 21 al Circolo Il Progresso di Firenze. L’ingresso è offerta libera e tutto il ricavato andrà alle attività del Centro Antiviolenza Artemisia.

Sul palco anche il conduttore radiofonico David Drago e l’attore Duccio Barlucchi. Sostengono l’evento anche The Cleopatras, Shot of Love, Skom.

La serata si collega idealmente alla “Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne” che ogni 25 novembre dal 1999, su iniziativa dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, coinvolge istituzioni e associazioni a livello mondiale.

“Come se non ci fosse un domani” è il titolo di una canzone della formazione fiorentina ScandaloSoBrio. L’autrice, Maria Paternostro, ha quindi dato vita al gruppo facebook “No Woman No Die”, con l’intento di sensibilizzare il pubblico sul tema della violenza sulle donne.

Il progetto No Woman No Die intende coinvolgere esponenti del panorama musicale toscano e non, mescolando generi, esperienze, traiettorie. Con un unico fine, fermare la barbarie.

Il centro antiviolenza Artemisia è un’associazione di promozione sociale – onlus che ha sede a Firenze e garantisce assistenza a donne, bambine e bambini che subiscono violenza e ad adulti/e che hanno subito violenza nell’infanzia. L’Associazione prende il nome dalla prima donna che denunciò di avere subito una violenza e affrontò un processo per stupro, Artemisia Gentileschi, pittrice del ‘600. Dal 1992 Artemisia svolge iniziative su tutto il territorio nazionale.


Sostengono la serata: ArcilesbicaFirenze, Circolo Arci Progresso, Associazione Artemisia,  La Comune. Media partner: Toscana Musiche, Informacittà, Lungarno, Il Sito di Firenze, NovaRadio.

Credits: James Boy che ha gentilmente concesso l'immagine, Alessandro Naldi che ha realizzato la grafica. Sponsor tecnici: Litografia IP, Firenze Pubblicità.

Verdiana Raw
Cantautrice e performer, Verdiana Raw fonde passione e tecnica in una continua ricerca e crescita attraverso il lavoro artistico, lo studio e le collaborazioni in svariate discipline: musica, teatro, danza, pittura, poesia. Nel 2012 esce il primo album 'Metaxy', uscito per Ark Records, tra atmosfere rarefatte ma profondamente intimiste in cui spicca la ricerca vocale. Nel 2015 sforna il suo secondo disco, 'Whales know the route' (PippolaMusic) con la produzione artistica di Paolo Favati (Pankow) distributo in Italia da Audioglobe, e nel resto d'Europa da Rough Trade. Con “Whales know the route, Verdiana Raw ha ricevuto la nomination al Premio Tenco 2016 nella sezione "Album in assoluto dell'anno".

Giorgia Del Mese
Originaria di Salerno, vive a Firenze ed è laureata in psicologia. Le sue canzoni sono una sintesi dell’espressione artistica personale e della critica sociale e politica. Nel 2007 vince il premio della critica al premio Bianca d’Aponte, nel 2009 viene invitata al Tenco Ascolta e al Mei d’Autore, vince il premio Tra Musica e Parole ed è tra i finalisti di SanremoLab, stringendo una collaborazione artistica durata 2 anni con Enzo Miceli (già produttore di Daniele Silvestri). Vince il premio migliore interpretazione al Premio Bindi.
Nel 2011 porta in tour il suo primo disco ”Sto Bene” esibendosi in teatri importanti italiani: Nel 2013 presenta il suo secondo lavoro ”Di Cosa Parliamo” che vede la collaborazione importante e appassionata di artisti protagonisti della scena indipendente italiana come Paolo Benvegnù, Alessio Lega, Alberto Mariotti (King of the Opera), Fausto Mesolella e prodotto e arrangiato dal polistrumentista Andrea Franchi. Nel 2015 apre i concerti di Niccolo’ Fabi e Teresa De Sio. Nel 2016 esce il suo terzo disco “Nuove emozioni post-ideologiche”.

Lisa Kant
Lisa Kant inizia la sua formazione artistica tra Firenze e Milano. Negli anni sperimenta la sua vocalità nella musica pop, rock, jazz, soul, punk, dance e folk, fino a raggiungere il territorio della lirica verso la quale sta approfondendo gli studi. Collabora come cantante solista o corista per molti artisti italiani ed internazionali: Stefano Bollani, Jovanotti, Patty Pravo, Irene Grandi, Noemi, Grace Jones, Principe Maurice, Blaine Raininger, Mc Navigator, Bluevertigo e molti altri. Prodotta da Irene Grandi con il nome di Monnalisa, nel 2011 compone e canta la sigla, dalle sonorità dance, per il programma televisivo di Rai 2 "Quelli che il calcio" condotto da Simona Ventura. Lisa nel frattempo ha scritto e cantato jingle pubblicitari di note marche, canta e recita in teatro, lavora come performer, insegna canto e tecnica vocale leggera. E' appena uscita con "Trinus", un lavoro che riflette a pieno la sua vera anima musicale.

Sara Rados
Sara Rados è una menestrella con un un mondo gigantesco da raccontare, fiabesco,onirico ed ironico, fatto di ispirazioni folk e con un arrangiamento ridotto all'osso. Vincitrice delle nuove proposte del Premio Ciampi nel 2008 e del premio della critica Rosa Ballistreri, nel 2015 è uscita con il primo album "Le cose cambiano".

ScandaloSoBrio
Il nome della promessa indiepop del 2016 gioca sull'ambiguità tra lo Scandalo Sobrio e lo Scandaloso Brio. La band, i cui testi riprendono gli slogan scritti sui muri, è capitanata dall'istrionica Maria Paternostro, che sul palco ha carisma da vendere giocando tra l'ironia, l'eros e i cliché del pop. Direttrice del periodico Informacittà, appassionata di street art, ne è un'attenta promotrice organizzando percorsi divulgativi e mostre fotografiche, e nei concerti è addirittura vestita con i costumi disegnati per lei dallo street artist Stelle Confuse. Gli ScandaloSoBrio sono usciti con "Come se non ci fosse un domani", il loro album di debutto distribuito dall'Audioglobe, che vanta collaborazioni co: Alessandro Nutini della Bandabardò, Lisa Kant, Rufus dei Rio Mezzanino, il giornalista Fulvio Paloscia, lo scrittore Bruno Casini e l'attore Ciro Masella.

Alice Chiari & Simone Morgantini
Alice Chiari è diplomata in violoncello presso il Conservatorio di Musica "L. Cherubini" di Firenze e ha esperienza pluriennale nell'insegnamento. Da anni collabora con formazioni che vanno dalla classica al jazz, dal rock alla world music. Nel 2015 con Ivo Minuti ha pubblicato "Todo Modo", uno dei progetti più acclamati del 2015.  "1861" è un viaggio musicale  in Italia con Simone Morgantini (clarinetto basso), attraverso una selezione di canzoni, testi, tradizioni che partono da questa babele italiana. Il sodalizio musicale tra i due ha origine circa 15 anni fa, con il gruppo Scaramuzzini, ensemble popolare con cui hanno girato, per l'appunto, tutta l'Italia.


Info www.circoloilprogresso.it

Cosimo de'Medici mecenate a Venezia

“[…] Quando Cosimo de’Medici, l’iniziatore del Rinascimento, venne esiliato da Firenze nel 1433, trovò asilo a Venezia nel monastero benedettino sull’Isola di San Giorgio Maggiore, oasi di sapienza le cui origini datavano al nono secolo. Lì, il potente banchiere progettò il suo ritorno in patria circondato da pensatori illuminati, artisti e uomini di Dio. Quando l’anno seguente poté finalmente rientrare a Firenze, Cosimo, mecenate e uomo più ricco del suo tempo, in segno di riconoscenza donò ai monaci una biblioteca disegnata dall’architetto Michelozzo, che lo aveva accompagnato durante il suo esilio […]”
(Cat Bauer, da “Luxos, Italy Ss2016)

21 Novembre - Giornata contro la violenza sulle donne: rovesciamento degli stereotipi di genere e alienazione domestica delle vittime nel doppio evento della Fondazione il Fiore alla Biblioteca umanistica di Firenze


Il 21 novembre alle 16 alla Biblioteca umanistica viene presentato il libro ‘Madame Bovary era un uomo e mastro don Gesualdo una donna’, Premio Città di Sarzana 2016, di Jacqueline Monica Magi, giudice penale di Pistoia, con contributi di Marina Zazo e Alice Caramella. Segue presentazione del progetto fotografico di Fiorella Ilario ‘Domestic Interior – secrecy and solitude’, che ha come soggetto protagonista la poetessa Elisa Biagini. Intervengono, oltre alle autrici, Anna Nozzoli, Floriana Tagliabue, Lucilla Saccà. Coordina Maria Giuseppina Caramella. Ingresso libero.

Un libro che rovescia gli stereotipi di genere maschile/femminile, toccando con sguardo originale temi scottanti come la violenza contro le donne o il perdurante maschilismo, e un progetto fotografico che inscena, scegliendo quale soggetto protagonista degli scatti un’importante poetessa, i devastanti
effetti di alienazione domestica a cui vanno incontro le donne vittime di partner violenti.
Sono le due facce dell’evento che la Fondazione il Fiore organizza alla Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze (piazza Brunelleschi 3/4) il 21 novembre 2016, alle 16, in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Un
appuntamento a ingresso libero, coordinato dalla presidente della fondazione Maria Giuseppina Caramella, che si aprirà con il saluto di Anna Nozzoli, direttore del Dipartimento di Lettere e filosofia, e di Floriana Tagliabue, direttore della Biblioteca umanistica. Subito dopo si terrà la presentazione, da parte delle autrici, del volume ‘Madame Bovary era un uomo e mastro don Gesualdo una donna - Ovvero: fare attenzione agli stereotipi’ (Marco Del Bucchia
Editore 2016) di Jacqueline Monica Magi, giudice penale di Pistoia nota anche per l’impegno nel sociale e le attività artistiche, con testi della psichiatra e psicoterapeuta Marina Zazo e di Alice Caramella, dottore di ricerca in scienze politiche. Come afferma Jacqueline Monica Magi nell’introduzione del libro, che ha vinto il Premio Città di Sarzana 2016 (sezione saggistica) e fa parte di un progetto sulle problematiche di genere portato avanti con lo stesso editore, il suo testo raccoglie «una serie di riflessioni antropologico-sociologiche» che ha sviluppato in seguito al lavoro con Angela Galli ‘Il corpo della donna’ (Marco Del Bucchia Editore 2010). Fra i temi toccati da lei e le coautrici, il maschilismo, il sentimentalismo frustrato di tanti uomini come ingrediente delle loro violenze, l’invidia dell’utero e della maternità, il fenomeno del vittimismo femminile, la genesi degli stereotipi di genere e dei pregiudizi in relazione alla dicotomia natura vs. cultura.
Seguirà l’illustrazione della storica dell’arte Lucilla Saccà del progetto fotografico di Fiorella Ilario ‘Domestic Interior – secrecy and solitude’ (Polistampa 2016), alla presenza dell’autrice, artista visiva costantemente impegnata nell’indagine della condizione femminile. Si tratta di dieci scatti in
bianco e nero, realizzati per la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che hanno come unica protagonista la poetessa Elisa Biagini, ritratta nell’ambiente circoscritto della propria cucina, trasformato da spazio etico di condivisione affettiva e riparo in un claustrofobico
luogo di isolamento, alienazione e sdoppiamento. A rappresentare quanto accade nelle proiezioni percettive di molte donne sopraffatte dalla violenza dei propri partner.

Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel.: 055-225074

21 Novembre - Plesso Capponi - Inaugurazione della mostra: "La forza delle donne 1970/2014"

A cura di Felice Bifulco
Locandina: http://www.unifi.it/upload/sub/agenda/2016/locandina_forza_donne.pdf
La mostra proseguirà fino al 10 dicembre 2016 (sabato e domenica esclusi) con orario (Università) 8-19
21 Novembre 2016  -  ore 17
Sede:
   
Università di Firenze, Plesso Capponi, via Gino Capponi, 9 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, CGIL , Camera del Lavoro di Firenze, Archivio storico CGIL Toscana col patrocinio del Senato della Repubblica e della Presidenza della

Camera dei Deputati

18 Novembre - Incontro: "Prevenzione sismica e territorio"

Workshop sul progetto di ricerca SISMED: modelli sperimentali di valutazione della vulnerabilità sismica di aree urbane complesse: il caso della città di

Firenze.
Programma: http://www.dida.unifi.it/upload/sub/pdf/eventi/locandona-sismed-finale.pdf
18 Novembre 2016  -  ore 9,30
Sede:
   
Palazzo Incontri, Sala Verde di Banca CR Firenze, via de' Pucci, 1 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze Dipartimento di Architettura (DIDA), Dipartimento di Scienze della Terra (DST), Dipartimento di Statistica Informatica Applicazioni

"Giuseppe Parenti", col contributo di Fondazione CR Firenze e con la collaborazione della Federazione Architetti Toscani

18 Novembre - Le Murate - Presentazione del libro con Autore:CHE GENERE DI DIVERSITY?

VENERDI' 18 NOVEMBRE
h 17:30 - Presentazione del libro con Autore
Le associazioni culturali La Nottola di Minerva e Per un Nuovo Mondo Comune

presentano

CHE GENERE DI DIVERSITY?
Parole e sguardi femminili migranti su cittadinanza organizzativa e sociale
Franco Angeli
Sarà presente l'autrice Alessia Belli, rresearch affiliate Scuola Superiore
Sant'Anna di Pisa,  CrossThink-LAB manager
Intervengono Debora Spini, Docente Political Theory, Forum per i Problemi
della Pace e della Guerra e Rossana Trifiletti, Docente Politiche Sociali,
Università di Firenze
Cittadinanza, genere e cultura. Alessia Belli declina queste tre parole
chiave alla luce della sua esperienza sul campo, attraverso i due casi
studio nella città di Arezzo e nella società cooperativa Cooplat. Il
risultato è un interessante studio che adottando la voce e lo sguardo di
donne straniere, propone soluzioni concrete per  percorsi di crescita
inclusivi e sostenibili, partendo dal ripensamento  della città e dei
luoghi di lavoro.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it
Per il terzo appuntamento del ciclo di incontri "I Venerdì della LEF" , vi
aspettiamo per ripercorrere attraverso la presentazione di due libri
testimonianza: "Gino e l'Alluvione " e "L'Arno dà di fòri" quel tragico 4
novembre, ricordando il giorno dell'alluvione e quelli che seguirono.
Appuntamento: Venerdì 18 novembre, ore 17.00 - Libreria Editrice
Fiorentina, Via de' Pucci, 4- Firenze.


28 Novembre - Ciclo di incontri di formazione a Careggi: Pensieri condivisi nelle Sale di preghiera e del silenzio

Ciclo di incontri di formazione a Careggi:
Pensieri condivisi nelle Sale di preghiera e del silenzio
Lunedì 28 Novembre
10,00 alle 13,00
Primo incontro del ciclo di
DIALOGHI INTERRELIGIOSI SULL’UOMO E LA SUA SALUTE
AULA MAGNA NUOVO INGRESSO CAREGGI
 Largo Brambilla 3, Firenze
 LA MATERNITÀ
IL MISTERO DELLA VITA
Maternità e generazione nell’Antropologia e nella Storia delle religioni
Prof. Guidalberto Bormolini, monaco e docente al Master “End Life”
dell’Università di Padova e al Master in cure palliative per psicologi
dell’Università di Bologna

LA MATERNITÀ NELLO SGUARDO DI UN MEDICO
Prof. Carlo Dani, Direttore Dipartimento Materno Infantile Ospedale di
Careggi

 LA MATERNITÀ E L’ORIGINE DELLA VITA NELL’EBRAISMO
Dott. Carlo Beniamino Santarlasci, medico specializzato in Ostetricia e

Ginecologia,  già primario all’Ospedale di Fiesole, parnas della Comunità
Ebraica di Firenze

LA MATERNITÀ NEL MESSAGGIO EVANGELICO CRISTIANO
Prof.ssa Letizia Tomassone, pastora della chiesa valdese, docente presso la
Facoltà Valdese di Teologia di Roma, già vicepresidente della Federazione
delle Chiese evangeliche in Italia

LA MERAVIGLIA DELLA MATERNITÀ NELLA TRADIZIONE ISLAMICA
Hamdan Al Zeqri, Yemenita, Mediatore linguistico interculturale,
responsabile della formazione dei giovani nella Comunità Islamica
Fiorentina.
INGRESSO LIBERO
Per informazioni e iscrizioni sarete aggiornati tramite
la nostra pagina FB: Tutto è Vita Formazione Firenze Pistoia
sul sito: www.tuttovita.it
o nel prossimo notiziario

CALENDARIO COMPLETO
Ad ogni incontro dialogheranno tre rappresentanti delle religioni
firmatarie di accordi per l’assistenza morale e spirituale con l’Ospedale
di Careggi e un medico specialista del reparto ospedaliero competente della
materia. Sono dodici incontri:
Lunedì 28 Novembre: 10,00 alle 13,00-La maternità (ostetricia)
Mercoledì 21 Dicembre: 10,00 alle 13,00-La nascita (neonatologia)
Martedì 7 Febbraio: 10,00 alle 13,00-La coscienza (anestesia)
Martedì 7 Marzo: 10,00 alle 13,00-Il dolore  (analgesia)
Martedì 4 Aprile: 10,00 alle 13,00-Il trauma (Pronto Soccorso)
Martedì 9 Maggio: 10,00 alle 13,00-La guarigione (oncologia)
Martedì 6 Giugno: 10,00 alle 13,00-La malattia cronica (immunologia)
Mercoledì 5 Luglio: 10,00 alle 13,00-La memoria (neurologia)
Martedì 19 Settembre: 10,00 alle 13,00-La vecchiaia (geriatria)
Martedì 10 Ottobre: 10,00 alle 13,00-L'attesa (cure palliative)
Martedì 7 Novembre: 10,00 alle 13,00-La morte (terapia intensiva)
Martedì 5 Dicembre: 10,00 alle 13,00-Il lutto (donazione d’organi)

In questa serie di incontri in sarà possibile alle diverse confessioni
religiose, e non, confrontarsi sui grandi temi del mondo sanitario.
Tutte le realtà firmatarie di un protocollo con l’AOUC potranno presentare
la propria visione e le proprie risposte di fronte alle sfide poste  dalla
malattia, dalla sofferenza e dalla morte.
Chi deve affrontare la malattia spesso ritiene fondamentale la dimensione
spirituale o comunque una ricerca di senso. L’Organizzazione Mondiale della
Sanità ha infatti sottolineato l’importanza della dimensione spirituale.
Questo progetto culturale è teso quindi a formare ed informare sia gli
operatori che i cittadini interessati sugli aspetti rilevanti della
dimensione interiore e della spiritualità in ambito sanitario.
Gli incontri, aperti al pubblico, ma rivolti specialmente agli operatori,
si svolgono intorno a dodici temi su cui la coscienza dell’essere umano
viene particolarmente sollecitata. I  singoli incontri prevedono la
presentazione di un tema generale di ambito sanitario, introdotto da un
medico dal punto di vista assistenziale, a cui seguono gli interventi dei
rappresentanti religiosi e laici sul significato del tema proposto e quindi
declinato secondo la sensibilità di ciascuna fede o convinzione filosofica.
 Saranno presenti come relatori le seguenti realtà:
Comunità Ebraica; Chiesa Cattolica Arcidiocesi di Firenze; Parrocchia Greco
Ortodossa di Firenze; Parrocchia Ortodossa Romena; Chiesa Ortodossa Russa
di Firenze; Chiesa Copto Ortodosso di Firenze; Consiglio dei Pastori delle
Chiese Cristiane Evangeliche di Firenze; Federazione delle Chiese
Evangeliche in Italia; Missione Italiana per l’Evangelo; Comunità Islamica
di Firenze e Toscana; Fondazione dell’Assemblea Spirituale Nazionale Dei
Baha’i d’Italia; Unione Atei Agnostici Razionalisti; International Society
for Krishna Consciousness; Associazione Buddhista Sri Lanka; Istituto
Buddista Italiano Soka Gakkai; Unione Induista Italiana; Unione Buddhista
Italiana.

Il pubblico al termine degli incontri, sarà  invitato a conoscere e
visitare la Sala di preghiera e del silenzio e la nuova cappella cattolica.

Gli incontri di formazione saranno così organizzati:
ore 10,00 introduzione del moderatore
ore 10,15 relazione di un medico sull’argomento
ore 10,40 relazione del primo rappresentante
ore 11,05 relazione del secondo rappresentante
ore 11,30 relazione del terzo rappresentante
ore 11,50 dialogo tra i relatori
ore 12,25 dialogo con i partecipanti
ore 12,50 conclusioni

Palazzo Strozzi

Foto di Roberto Di Ferdinando

Proverbio Toscano del Giorno

"Parole da sera, il vento se le mena"

mercoledì 16 novembre 2016

Firenze

17 Novembre - Incontro: “Osservare la città. Sogni, discorsi, pratiche” Nell'ambito del ciclo di incontri "Raccontare l'urbano. Mappe, percorsi, geografie" verrà proiettato il film-documentario "Murat il geografo"

Nell'ambito del ciclo di incontri "Raccontare l'urbano. Mappe, percorsi, geografie" verrà proiettato il film-documentario "Murat il geografo" (regia di Samuele Pellecchia). Seguirà un dibattito con il prof. Maurizio Memoli (Università degli Studi di Cagliari), autore e attore del film.
Programma completo: http://www.sagas.unifi.it/upload/sub/documentazione/ottobre-puttilli-poster-ciclo-incontri.pdf
17 Novembre 2016  -  Ore 15 - 17
Sede:
   
Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS), Aula Magna, via San Gallo 10, Firenze
Organizzazione:
   
Laboratorio di Geografia Sociale - LaGeS (www.lages.eu), Dipartimento SAGAS, Società di Studi Geografici di Firenze

17 Novembre - Lectio Magistralis sul tema de: "Il sistema competente in educazione e cura della prima infanzia"

Relatore Jan Peeters PhD Professor e Coordinatore del Centre for Innovation in the Early Years of the Department of Social Welfare Studies della Ghent University Belgio. Introduce e coordina la Prof.ssa Clara Maria Silva
17 Novembre 2016  -  ore 15-18
Sede:
   
Aula Magna del Rettorato, Piazza S. Marco, 4 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia (SCIFOPSI)

17 Novembre - Le Murate: Presentazione libro con Autore - SOGNI DI TRICOLOR

GIOVEDI' 17 NOVEMBRE

    h 18:30  -  Presentazione libro con Autore

SOGNI DI TRICOLOR
Goware Editore

Di e con Enzo Susini
Intervengono: Leonardo Canestrelli, giornalista e speaker Radio Toscana; Andrea Cardoni, blogger crampi sportivi

A Firenze, tra mugugni e vecchi ricordi, arriva il Trap per fare il salto di qualità. A Ravenna, invece, Giancarlo (il protagonista della storia) deve dare una svolta alla carriera: o ingrana davvero, o resterà un medio giocatore da serie inferiori e continuerà a guardare la serie A solo con occhi da tifoso. Chissà se con i nuovi innesti, finalmente la sua Viola farà il tanto atteso salto di categoria? E chissà se la sua capacità di rovinare sempre tutto si prenderà un anno di pausa? Arriverà la "doppia svolta", quella personale e quella di colore viola? Sarà per lui un anno indimenticabile? Un romanzo narrato in prima persona, che ha per protagonisti il calcio, la musica, l'amicizia e i sogni da raggiungere.
Caffè Letterario °Le Murate
Piazza delle Murate, Firenze
caffeletterario@lemurate.it
(+39) 055 2346872
www.lemurate.it

Palazzo Pitti

Foto di Marco Giorgi


Proverbio Toscano del Giorno

"Al buio tutte le gatte son bigie"

martedì 15 novembre 2016

16 novembre - Inaugurazione della mostra: "Omaggio a Galileo Chini nel 60° anniversario della sua scomparsa.

Programma inaugurazione: http://www.msn.unifi.it/event/omaggio-galileo-chini-nel-60-anniversario-della-sua-scomparsa/
L'esposizione rimarrà aperta fino al 13 dicembre 2016 con il seguente orario: tutti i giorni: 9.30-16.30. Chiuso il lunedì.
16 Novembre 2016  -  Dalle 17 alle 19.30 (ingresso gratuito all'esposizione presso la Tribuna di Galileo). Nell'occasione dell'inaugurazione è aperto gratuitamente il Museo di Zoologia.
Sede:
   
Museo "La Specola", Tribuna di Galileo, via Romana, 17 Firenze
Organizzazione:
   
Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze e l'Archivio Chini di Lido di Camaiore
Per informazioni:
   
Info: 055-2756444

16 Novembre - Conferenza: "Circolazione e usi della storiografia antica nell'Europa moderna"

Nell'ambito del Laboratorio di Storia Moderna: "Temi e problemi di Storia Moderna A.A. 2016-2017", coordina Ida Gilda Mastrorosa. Intervengono Rita Mazzei (Università di Firenze), Igor Melani (Università di Firenze), Cecilia Pedrazza Gorlero (Università di Verona)
16 Novembre 2016  -  ore 9,30-13
Sede:
   
Plesso Capponi, Aula 15, via Gino Capponi, 9 Firenze
Organizzazione:
   
Università di Firenze, Dipartimento SAGAS Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo

UN’OPERA D’ARTE PER FIRENZE: IL “MIRACOLO DELL’INDEMONIATA GUARITA DA SANTO VESCOVO” RESTITUITA ALLA CITTA'

Un premio in denaro per restaurare un’opera d’arte fiorentina, danneggiata dall’alluvione. Angela Tascioni, dello studio “Ardiglione Snc” si aggiudica il III “Premio Friends of Florence”, assegnato dall’omonima Fondazione, per finanziare un intervento di restauro su un bene culturale presente in città. Il riconoscimento, dell’importo di 20mila euro, è stato assegnato oggi, in occasione della giornata conclusiva della V edizione del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze. Il progetto vincitore prevede il restauro e la diagnostica non invasiva del dipinto “Il miracolo dell’indemoniata guarita da Santo Vescovo”, proveniente dalla chiesa di San Jacopo Soprano di Firenze e attualmente sistemato nei depositi della chiesa di Santa Felicita. Si tratta di un’opera poco conosciuta, poiché dopo l’alluvione che la danneggiò pesantemente, venne spostata nel deposito dove è rimasta fino ad oggi. Adesso, dopo cinquant’anni, tornerà all’antico splendore grazie all’iniziativa della Fondazione Friends of Florence.

il progetto che si è aggiudicato il premio è stato selezionato tra un totale di 24 presenti in concorso. Di questi, 5 sono arrivati in finale per aggiudicarsi il primo premio.

“I progetti che hanno partecipato al concorso erano tutti relativi ad opere presenti nella nostra città, che attendono un intervento di restauro, dopo eventi come alluvioni, incendi, ecc che le hanno danneggiate - ha dichiarato Cristina Acidini, Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze. - Mi auguro che un giorno, anche quelle non selezionate, possano tornare a nuova vita”.

I giorni del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze hanno rappresentato, anche in questa V edizione, un momento di coesione e di partecipazione sui temi della salvaguardia, della conservazione e della valorizzazione dei Beni Culturali. La giornata conclusiva ha visto protagonisti L’Opificio delle Pietre Dure, La Regione Toscana, il Ministero della Pubblica Istruzione e il Ministero dei beni e delle attività culturali, con mostre e convegni a tema.