domenica 31 marzo 2013

3 - 8 aprile - Middle East Now, a Firenze film e artisti per un viaggio nel Medio Oriente




Torna a Firenze il 'Middle East Now' festival. Dal 3 all'8 aprile Medio Oriente protagonista con cinema, documentari, arti visive, eventi culinari e incontri in un viaggio che si svolgerà tra cinema Odeon, Auditorium Stensen e altre location della città. Per la prima volta saranno presentate produzioni dal Marocco, focus sull'Afghanistan, una sezione speciale dedicata a Israele e Palestina. Tra gli special guest Rana Salam, graphic artist libanese e regina della pop culture mediorientale e Hassan Hajjaj, artista marocchino che interpreta provocatoriamente Vogue. Sono 45 i titoli in programma, di cui 38 in anteprima nazionale, in un viaggio per tappe che tocca i Paesi più 'caldi' dell'area Mediorientale. Le storie, i personaggi, i temi forti e l’attualità nelle produzioni più recenti da Iran, Iraq, Libano, Israele, Egitto, Palestina, Giordania, Yemen, Emirati Arabi, Arabia Saudita, Afghanistan, Siria e Bahrein, per far conoscere la cultura e la società di questi paesi, oltre i pregiudizi, i luoghi comuni e le bad news dei media internazionali. Middle East Now è organizzato dall'associazione culturale Map of Creation, con la direzione artistica di Lisa Chiari e Roberto Ruta, il contributo di Comune di Firenze, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Regione Toscana, Ambasciata del Marocco e altre istituzioni e partner locali e internazionali.

http://www.middleastnow.it/Home_Page_Middle_East_Now.html

2 aprile - La Loggia dei Lanzi si illumina di blu per la Giornata mondiale sull'autismo




La Loggia dei Lanzi si illumina di blu per la Giornata mondiale sull'autismo. La sera del 2 aprile Firenze aderirà così all'iniziativa 'Light It Up Blue' promossa dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite per sensibilizzare i cittadini e tenere alta l'attenzione dei governi su questa malattia. Firenze sarà in buona compagnia: sono numerose infatti le città che hanno aderito alla campagna come New York che illuminerà l'Empire State Building, Rio de Janeiro che ha scelto il Cristo redentore, e ancora la grande Piramide di Giza in Egitto o la Kobe Port Tower in Giappone. Oltre all'illuminazione della Loggia, per la giornata del 2 è in programma il convegno 'Autismo e attività del tempo libero' organizzato dalle associazioni Ulisse, Astrolabio, Asa e dal Percorso Autismo ASL 10. L'appuntamento è alle 15 presso l'auditorium dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze in via Folco Portinari.

La Firenze del censimento ed i cognomi fiorentini


Testo di Roberto Di Ferdinando (fonte: Il Reporter)

Sono stati anticipati alcuni dei dati su Firenze raccolti nell’ultimo censimento nazionale (2011), e il ritratto che ne esce presenta alcune curiosità ed alcune conferme.
La popolazione fiorentina più giovane è in maggioranza residente nei quartieri di Peretola, Brozzi, Oltrarno e Centro Storico, invece quella più anziana è concentrata nella zona di viale Europa, di via D’Annunzio e di via del Pollaiolo ( gli over 75 sono il 14% dei fiorentini – la popolazione femminile è ovunque la più anziana - ed a Firenze risiedono 374 ultracentenari, il record tra le province toscane).
Sul tema dell’occupazione il 71,8% dei fiorentini (20-64 anni) lavora (77,4% gli uomini; 66,8% le donne). La disoccupazione è al 7% (7,6% tra le donne; 6,3% per gli uomini ), mentre la disoccupazione giovanile (15-24 anni ) è al 26,2%. I tassi di disoccupazione più alta si registrano tra i residenti dell’Argingrosso-Canova e di Brozzi-Le Piagge.
Il 69% dei fiorentini risiede in un appartamento (in media di 90 mq) di proprietà, il 22% è in affitto.
La presenza di cittadini stranieri in città è dell’11,3% 8 (le comunità più presenti sono quelle rumene, peruviane, albanesi, filippine e cinesi).
I servizi anagrafici e statistici del Comune, invece, hanno dato ulteriori risultati interessanti. I residenti fiorentini sono (al 30/11/2012) 378.221 (gli stranieri sono 57.714). La presenza straniera è aumentata di 4.775 unità in un anno e si concentra nel Centro Storico e nelle zone di San Marcellino, Novoli, Brozzi e Le Piagge).
Inoltre, il Comune ha reso noto il censimento dei cognomi dei residenti fiorentini. E nella lettura del documento che è consultabile e scaricabile al seguente indirizzo web:  http://opendata.comune.fi.it/statistica_territorio/dataset_0164.html, si può notare che il cognome Rossi è il più diffuso (1543 famiglie), che precede i Bianchi (962) e gli Innocenti (916). Ma scorrendo la lista, in posizione 21, troviamo il primo cognome di origine straniera, quello cinese Hu, presente con 510 famiglie.
Di seguito la lista dei primi 25 cognomi più diffusi a Firenze:

ROSSI                 1543
BIANCHI             962
INNOCENTI        916
CONTI                801
GORI                  766
MARTINI            714
RICCI                  689
BARTOLINI         626
CECCHI               621
GALLI                 619
MANETTI           608
FABBRI               601
BERTI                 582
CASINI               571
LANDI                557
MASINI               545
LOMBARDI         542
MASI                   539
VANNINI             519
HU                       510
BINI                    493
CAPPELLI           493
BALDINI             488
BACCI                 480

RDF

sabato 30 marzo 2013

3 aprile - Teatro della Pergola - DA SOLE A SOLE…


MERCOLEDI' 3 APRILE - Teatro della Pergola

Ore 20.45

Cenacolo dei Giovani Compagnia del Teatro di Cestello

DA SOLE A SOLE…

OGNI GIORNO DELL’ANNO

Di Vinicio Gioli

Regia Marcello Ancillotti

Scene e costumi Marcello Ancillotti, Cecilia Micolano

Con: Nicolas Gheri, Remo Masini, Jacopo Marretti, Matteo Cichero, Manuelita Baylon, Andrea Giorgi, Elena Baistrocchi, Francesca Palombo, Giovanni Cecchini, Gemma Campisi, Francesco Magnelli, Elisabetta Gelici, Irene Cecchi

Era il 2003 quando il Gioli vince con questa commedia il primo premio al concorso "Firenze alla ribalta" ed erano passati 10 anni precisi dalla fine statutaria della mezzadria. "Da sole a sole…ogni giorno dell’anno", narra appunto la storia di una famiglia di mezzadri attraverso gli anni ’50,’60,’70 del XX° secolo nelle campagne vicine a Firenze. Parla della loro storia, della loro tradizione, delle loro difficoltà e dei riflessi incentrati su questo ordinamento agricolo che porterà fino alla disgregazione della famiglia stessa e all’abbandono delle terre.


DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI:
Teatro della Pergola, via della Pergola 18, 055.0763333 biglietteria@teatrodellapergola.com
Orario: dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 18.30

DOMENICA 7 APRILE - Teatro della Pergola - CAPPUCCETTO ROSSO - spettacolo per bambini


DOMENICA 7 APRILE - Teatro della Pergola

Ore 10.00, 11.00

spettacolo per bambini

ALICE CASCHERINA in

CAPPUCCETTO ROSSO

ispirato al personaggio di Alice Cascherina di Gianni Rodari

Alice è una bambina curiosa a cui piace tanto cascare dentro alle cose.
E Alice casca proprio dappertutto, a volte anche senza accorgersene!
Ed è così che in una giornata piovosa e noiosa Alice casca dentro il libro di fiabe…

Regia Serena Politi

Con (in ordine alfabetico) Claudia Bartolini, Romina Bonciani, Matteo Casamonti, Giulia Cavallini, Marisa Crussi, Eleonora D'Arrigo, Barbara Valeriani

3 € a bambino (adulti solo accompagnatori). Posti limitati


DOVE ACQUISTARE I BIGLIETTI:
Teatro della Pergola, via della Pergola 18, 055.0763333 biglietteria@teatrodellapergola.com
Orario: dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 18.30

Il pan di ramerino


Testo di Roberto Di Ferdinando

Ecco un'altra prelibatezza dolciaria tipica di Firenze e del periodo pasquale, il pan di ramerino. E’ un panino, morbido, lucido, un po’ scuro, fatto di pasta di pane, uva appassita (zibibbo) e rosmarino che in città ed in Toscana si chiama anche, appunto, ramerino. E prima di cuocerlo proprio con un rametto di rosmarino lo si spennella di olio ed è proprio quest’ultimo che cuocendosi dà il tipico colore bruno a questo pane dolce. In passato era servito  e mangiato il giovedì santo di Pasqua, dopo essere stato benedetto nei forni o in casa dai parroci di quartiere, oggi lo si può mangiare tutto l’anno ed anche senza benedizione.
RDF

venerdì 29 marzo 2013

Modi di dire: “Tirati su le cioccie (ciocce)”


Il termine, ovviamente non scientifico, di cioccie (ciocce o puppe) indica le mammelle, il seno femminile. Trae origine da ciocciare (ciucciare) voce onomatopeica che riproduce il rumore delle labbra del neonato quando si attaccando o si staccano dal seno materno per l’allattamento. L’espressione: “tirati su le cioccie” sta a sottolineare quanto sia inutile,  sottostimata  o poco consolatoria (magra consolazione) un’azione, un gesto, un evento oppure per indicare quanto poco impegno sia stato impiegato nel fare qualcosa.
RDF

22 maggio 2013 - Concerto al Teatro Verdi: SperiMentale “La scoperta oltre il limite”

SperiMentale “La scoperta oltre il limite”
22 mag 2013 - 21:30
Teatro Verdi firenze

Pregiudizi, paura, disuguaglianza. Siamo intrappolati nella gabbia della forma, nelle definizioni, nelle regole da seguire, nell’obbedienza. Come una catena, ci chiudono la bocca, ci legano le mani, ci rendono ignoranti, violenti, finiti.
Ma noi siamo uomini e siamo infinitamente liberi.
E’ un inno alla libertà e all’uguaglianza l’inedito spettacolo promosso dall’associazione The Pilgrims Gospel con la direzione del Maestro Gianni Mini.
In prima assoluta, un racconto in note, canto, danza e parole che vede sul palcoscenico oltre 50 artisti tra cantanti, ballerini, musicisti e attori. La colonna sonora segue il crescendo della narrazione: da brani di tradizione sud-africana in cui le voci e le percussioni si fondono in una musica che segue il battito del cuore, fino a canzoni della musica soul e pop, firmati da artisti internazionali come Nina Simome, Miriam Makeba, Paul Simon, Elton John, Stevie Wonder,  Madonna, i Morcheeba rivisitati per l’occasione in una chiave polifonica inedita. Il tutto accompagnato da coreografie e luci che raccontano visivamente le emozioni per uno spettacolo che intende lasciare un segno nell’anima.

Note tecniche:
Titolo: SperiMentale “La scoperta oltre il limite”
Data: mercoledì 22 maggio 2013 ore 21,00
Location: Teatro Verdi, Firenze
Durata:  1 ora e 15 minuti (Atto unico)
Posti disponibili:
Biglietti: 15 euro platea (posti numerati)
Autore e direttore artistico: M° Gianni Mini
Coreografie: Maria Banchi, Martina Belloni, Daniela Renzetti, Fabiola Zecovin
Arrangiamenti: Lorenzo Corti
 Gli organizzatori ed il cast:
Voci: The Pilgrims Gospel
Ballerini: Maria Banchi, Martina Belloni, Daniela Renzetti, Fabiola Zecovin
Attori: Raffaella Cioni
Musicisti: Lorenzo Corti, Stefano Fantini, Lamberto Cresti, Eugenio Nardelli
Ufficio stampa: Manuela Plastina
Organizzazione: Irene Belli, Francesca Basetti Sani, Barbara Caldini, Lapo Ignesti, Veronica Salani, Manuela Plastina
Grafica: Beatrice Guarneri
Service: Fonen

giovedì 28 marzo 2013

Modi di dire: “se ripicchiato!”

Non è una forma di autolesionismo, anzi, è l’espressione usata per indicare una persona che per un particolare evento o situazione decide di prendersi cura di sè stesso ed apparire al meglio della forma e del vestire, quindi anche: mettersi a tiro, mettersi a lustro. Molto di più di “essere a modino” (“essere a modo”), cioè adeguato, adatto per un’occasione, ma, in questo caso niente di più di quanto richiesto dalle convenzioni, mentre “ripicchiarsi” è essere…splendenti.
RDF

Fotografie zenitali di Palazzo Vecchio

Dal 25 marzo, giorno del Capodanno fiorentino, i Musei Civici Fiorentini con l’Associazione Museo dei
Ragazzi offrono uno sguardo inedito sulle sale di Palazzo Vecchio: a cadenza mensile sarà infatti pubblicata on line una delle fotografie zenitali degli ambienti del museo, scattate grazie a una strumentazione assolutamente speciale da Franco Zampetti (franco.zeta@tiscali.it), architetto appassionato di fotografia. Il risultato è stupefacente: lo sguardo è verso l’alto e riesce a racchiudere in una sola visione le pareti e il soffitto dell’ambiente fotografato. Si parte con il Cortile di Michelozzo per proseguire nei mesi successivi con il Salone dei Cinquecento e le altre sale del museo. Ciascuna fotografia sarà corredata da un breve testo sulla storia dell’ambiente: un’occasione per approfondire temi e contenuti di un palazzo che non finisce mai di raccontarsi.

Tratto da: http://www.palazzovecchio-museoragazzi.it/?p=9348


mercoledì 27 marzo 2013

La base di San Lorenzo


Testo di Roberto Di Ferdinando

In San Lorenzo, guardando la basilica, sulla destra si nota, più difficile nelle ore di mercato, il monumento a Giovanni delle Bande Nere. La statua del capostipite condottiero dei Medici appare subito di dimensioni e proporzioni più ridotte rispetto al basamento che la sorregge. Una spiegazione c’è ed è citata nell’iscrizione apposta proprio sul basamento: “una parte di questo monumento, destinato da Cosimo I ad onorare la memoria del padre, Giovanni dalle Bande Nere, lungamente non curata qui stette, e il volgo la chiamò la base di san Lorenzo, restaurata nell’anno MDCCCL e postavi la statua del gran capitano ebbe infine compimento la pregevole opera scolpita dal Bandinelli”. E sì, i fatti andarono proprio così. La statua, opera che Baccio Bandinelli scolpì nel 1540, infatti, fu voluta da Cosimo I in onore del padre. Giovanni  dalle Bande Nere è qui rappresentato vestito da guerriero, ma non in una posizione marziale, in quanto in origine l’opera era stata destinata alla Cappella Negroni, all’interno della Basilica. Solo dopo essere stata completata, Cosimo I decise di installarla in Palazzo Vecchio, nella Sala delle Udienze, senza il basamento perché troppo grande. Così la base fu collocata in San Lorenzo, dotata di una copertura tondeggiante e nell’Ottocento guarnita di fregi classicheggianti e di una fonte per far abbeverare i cavalli. Per i fiorentini quel basamento, divenne appunto, “la Base di San Lorenzo” e solo nel 1850 finalmente statua e base si rincontrarono e il pellegrinare di Giovanni si concluse come ricorda un epigramma del periodo: “Messer Giovanni delle Bande Nere/ dal lungo cavalcar noiato e stanco/scese di sella e si pose a sedere.”
RDF

immagine tratta da Wikipedia.it

Dal 2 aprile - Ciclo di conferenze dal titolo LE CHIAVI SIMBOLICHE DEL VANGELO

Dal 2 aprile - Ciclo di conferenze dal titolo LE CHIAVI SIMBOLICHE DEL VANGELO
a cura di Sara Castrini e Gianluca De Martino,
che inizierà Martedì 2 Aprile alle ore 21 e proseguirà per i tre Martedì
successivi. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

Ecco il programma dettagliato:
Essoterismo ed Esoterismo nel Nuovo Testamento
Martedì 2 Aprile, ore 21
relatore: Gianluca De Martino
L'Itinerario Alchemico dei quattro Vangeli
Martedì 9 Aprile, ore 21
relatrice: Sara Castrini
"E vidi poi un Cielo nuovo e una nuova Terra"
Martedì 16 Aprile, ore 21
relatore: Gianluca De Martino
Il Cristo, la Donna e l'Evangelista Giovanni
Martedì 23 Aprile, ore 21
relatrice: Sara Castrini

Tommaso Palamidessi nei suoi scritti dimostra l'esistenza e la
consistenza di numerosi livelli interpretativi del testo biblico, presentando anche
le soluzioni operative per la realizzazione personale degli insegnamenti in
esso contenuti.
Le Sacre Scritture sono paragonabili a tessuti rivoltabili, per cui,
oltre ai sensi letterale, storico, morale e teologico, che sono i più
utilizzati,secondo la Tradizione esse contengono anche indicazioni ascetiche,
soluzioni per la trasmutazione interiore e profondi insegnamenti sapienziali.
Queste dimensioni interpretative, antiche e nuove al tempo stesso, sono
sempre attuali e capaci di provocare quel cambiamento e quel particolare
stato di ispirazione che illumina e dà nuova vita a parole pronunciate
migliaia di anni fa.
A partire da un'analisi dell'aspetto esteriore e di quello
interiore dei Vangeli, il breve ciclo di incontri qui presentato vuole mettere in luce
l'esistenza, celata sotto il velo dei simboli, di un vero e proprio
itinerario alchemico e la ritrovata possibilità per noi, oggi, di
percorrerlo.
All'interno di tale itinerario, che trova il suo epilogo nella
visione apocalittica di Giovanni, emerge anche una nuova visione della donna e
della sua importanza alla luce dell'Archeosofia per la salvezza
dell'Umanità.

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze
Lungarno Guicciardini, 11/r
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net

Apertura regolare dello Studiolo di Francesco I de' Medici in Palazzo Vecchio

Apre regolarmente al pubblico il prezioso e raffinato ambiente voluto da Francesco I de' Medici, accessibile dal Salone de' Cinquecento.

Informazioni:  055 2768224
www.palazzovecchio-museoragazzi.it/

Visite guidate: tutti i giorni h. 10-14 / Senza guida: tutti i giorni (escluso il giovedì) dalle 14.00
Prezzo:  € 2 (supplemento del prezzo del biglietto del museo)

2 aprile - Anteprima Mondiale Da Vinci’s Demons

2 aprile Cinema Odeon - ore 20.30
Anteprima Mondiale Da Vinci’s Demons

L’autore David S. Goyer e il cast presentano la serie tv, in esclusiva su FOX (canale 111 di Sky), che esplorerà gli anni più oscuri del genio visionario più grande di tutti i tempi:
Leonardo Da Vinci. La proiezione sarà preceduta da una performance musicale di Bear McCreary, compositore della colonna sonora.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

martedì 26 marzo 2013

Dal 2 Aprile al 6 luglio - Suona Francese 2013

VI° edizione
dal 2 Aprile al 6 luglio,
oltre 130 concerti in 40 città d'Italia
Suona Francese 2013

Un festival tutto francese in territorio italiano e improntato alla qualità, orientato a sostenere i nuovi talenti emergenti d’Oltralpe, nella proposta di repertori contemporanei e progetti che vedono sullo stesso palco musicisti francesi e italiani. Per meglio dire il più grande Festival di musica francese mai realizzato in Italia. E’ Suona francese, una rassegna di tutti i generi musicali che approderà in quaranta città della nostra penisola per il sesto anno consecutivo, da aprile a luglio 2013. Organizzato e promosso dall’Ambasciata di Francia in Italia e dall’Institut français Italia, con il sostegno dell'Institut français, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Sacem e del Ministero dell'Istruzione e della Ricerca - Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica, e con Edison in qualità di main partner, l’evento si pone come ponte culturale tra Francia e Italia e, in virtù della relazione bilaterale centenaria tra i due Paesi, Suona francese propone anche quest’anno un programma originale e di qualità che si dipana all’interno di spazi suggestivi e diversificati, in collaborazione con alcuni delle più prestigiose e storiche rassegne musicali italiane.

Il via alla intensa programmazione, che quest’anno prevede oltre 130 concerti, sarà dato a Torino il 2 aprile dalle Brigitte, rivelazione indie pop del 2012, e terminerà la prima settimana di luglio a Firenze con il Festival au désert / presenze d'Africa, in cui suoneranno, tra gli altri, il polistrumentista Aziz Sahmaoui, il cantautore "world" Piers Faccini e il balafonista Lansiné Kouyaté. Al centro di questo percorso si incroceranno i linguaggi elettronici di giovani artisti come Zombie Zombie e Woodkid, la musica di ricerca di Olivier Latry, Shanti di JC Eloy e Le noir de l'Etoile, il jazz sperimentale dei Papanosh, il pop/rock alternativo dei Watcha Clan e l’originale tributo a Léo Ferré nell’incontro tra i Tête de Bois e noti cantautori francesi ed italiani, un evento realizzato in collaborazione con L'Auditorium Parco della Musica - Fondazione Musica per Roma.
Il 21 giugno Suona Francese si tingerà di green grazie a Edison, che renderà ecosostenibile il concerto dedicato alla Festa della Musica. In Piazza Farnese su un palco alimentato da energia rinnovabile si alterneranno il gruppo francese di “world music” La Rue Ketanou, una band italiana emersa dal contest Edison - Change the Music e un grande ospite “a sorpresa” tutto da scoprire.

Lo scambio culturale e la formazione pedagogica sono anche i principali obiettivi della speciale liaison italo-francese proposta – tra conferenze, seminari e concerti a tema – negli oltre sessanta concerti all’interno dei principali Conservatori Italiani, in collaborazione con le principali accademie musicali francesi, attraverso un calendario ricchissimo in cui spicca, tra gli altri, il considerevole omaggio al compositore Francis Poulenc in occasione del cinquantesimo anniversario della morte. Un progetto che ha il merito e l’ambizione di creare in forma sempre maggiore progetti condivisi tra i due Paesi non solamente nei contenuti ma anche e soprattutto nella creazione di organici musicali misti.

Programma:
http://6gt.r.mailjet.com/redirect/mfl1hzz6fj5nqj337nbxrt/institutfrancais-italia.com/sites/default/files/Italia/files/Programma%20Suona%20francese%202013_0.pdf#overlay-context=it/suona-francese-2013

30 e 31 marzo - Scoppio del Carro

Il “Brindellone” parte alle 8 da via Il Prato per raggiungere piazza del Duomo, dove alle 10 si tiene il sorteggio per l’abbinamento delle partite di Calcio Storico. Alle 11 lo Scoppio del Carro. La
cerimonia inizia nella serata del 30 marzo quando alle 22.30 sul Sagrato del Duomo si accenderà il fuoco pasquale.
Nel giorno di Pasqua Museo di Palazzo Vecchio aperto fino alle 24.

Si veda anche:
http://curiositadifirenze.blogspot.it/2011/04/lo-scoppio-del-carro.html
http://curiositadifirenze.blogspot.it/2012/02/la-casa-del-brindellone.html

28 marzo: il Granducato di Toscana e la via del cioccolato

Squisita scoperta: Attività speciale per adulti e famiglie con bambini da 7 anni
organizzata dal Museo dei Ragazzi a Palazzo Vecchio.

“Piglia caccao torrefatto, e ripulito e stritolato grossamente; gelsomini freschi sufficienti da mescolar con detto caccao, facendo strato sopra strato in una scatola o altro arnese, e si lasciano stare 24 ore…Poi piglia zucchero bianco buono asciutto libbre 8. Vaniglie perfette once 3. Cannella fina perfetta once 6. Ambra grigia scrupoli 2 e secondo l’arte si fa il cioccolatte…”. Così si preparava a Firenze una cioccolata al profumo di gelsomino – ricetta naturalmente al tempo segreta – graditissima al Granduca Cosimo III de’ Medici e a tutta la corte: il cioccolato aveva fatto il suo ufficiale ingresso nel Granducato di Toscana.

Il cacao era approdato a Firenze nei primi del Seicento, offerto in dono a Ferdinando de’ Medici dal viaggiatore Francesco d’Antonio Carletti di ritorno da un lungo viaggio intorno al mondo, e aveva immediatamente destato curiosità e interesse: il xocol-atl era la bevanda rituale degli Aztechi, offerta anche al conquistatore Cortès; la sua pianta era il Theobroma Cacao, il “cibo degli dei”, minutamente decritta da Bernardino de Sahagùn nella sua Historia general de las cosas de Nueva Espana.
Nel dialogo fra Corte medicea e Nuovo Mondo, l’attività segue la storia e i gusti del cioccolato dall’antica preparazione azteca alla cioccolata in tazza calda e dolce del Settecento, per giungere alle straripanti vie del cioccolato nel mondo contemporaneo. E chiudere, naturalmente, in dolcezza.

Info e prenotazioni: www.palazzovecchio-museoragazzi.it

lunedì 25 marzo 2013

Il ciclismo italiano nacque a Firenze


Testo di Roberto Di Ferdinando

Firenze recentemente ha ospitato il Festival della bicicletta e a settembre sarà sede del Campionato del Mondo su strada di ciclismo. La scelta di fare Firenze la sede di questi eventi ciclistici non è casuale, anzi, nasce dal fatto che la nostra città ha contribuito sostanzialmente alla storia del ciclismo italiano.
Infatti, nel 1868 a Firenze iniziarono a circolare i primi velocipedi in legno (nel 1884 prenderà il nome di bicicletto, il sostantivo femminile verrà qualche anno dopo) che si potevano acquistare od affittare dal costruttore fiorentino, Giovanni Santacroce, che aveva il proprio laboratorio in via Montebello, a due passi dalle Cascine, dove i fiorentini erano soliti circolare su due ruote, oppure dalla ditta Gallizio. In città l’utilizzo dei velocipedi si diffonde rapidamente tanto che il prosindaco Ubaldino Peruzzi è costretto ad emettere delle ordinanze per disciplinarne l’uso e garantire la sicurezza (già allora) dei pedoni, autorizzandone la circolazione solo al di fuori delle mura cittadine ed alle Cascine e solo fino alle ore 14.
E sempre nella zona del parco delle Cascine, in piazza degli Zuavi (oggi Piazza Vittorio Veneto), al civico numero 3, prende sede il Veloce Club Fiorentino, il primo gruppo ciclistico in Italia. Siamo nel 1870, ed il 2 febbraio il club organizza la prima gara ciclistica italiana su strada: è la Firenze-Pistoia di 33 km. Vi partecipano 23 atleti, a vincerla è Rynner Van Nest, statunitense di 17 anni, che utilizzando un biciclo Michaux con la ruota anteriore di 85 cm, coprirà il percorso il 2 ore e 12 minuti ad una media di 15 km/h. Al vincitore una medaglia d’oro ed una rivoltella.
Ma ancora per alcuni anni saranno le gare su pista ad attrarre gli appassionati fiorentini delle due ruote e sempre le Cascine faranno da scenario a queste competizioni, nasce infatti sul finire degli anni Novanta dell’Ottocento il Velodromo.
E fiorentino è Alessandro Roster (1865-1919), medico ginecologo, ma dalle mille passioni, tanto da diventare campione italiano di tiro al volo e grande amante di ciclismo. E proprio da questa sua passione nasce la Gazzetta Sportiva, la prima rivista illustrata dedicata al ciclismo. Non solo, Roster pubblicò anche “La pratica del velocipede e la tecnica dell’allenamento”, la prima enciclopedia sul ciclismo, in cui sono descritte minuziosamente le parti meccaniche del velocipede e le tecniche di allenamento.
RDF

domenica 24 marzo 2013

25 marzo - Il Capodanno fiorentino


Il Capodanno fiorentino è una delle festività ufficiali del Comune di Firenze e si celebra il
25 marzo di ogni anno.
Dal Medioevo fino al 1750, il 25 marzo, giorno in cui la Chiesa celebra l’Annuncio
dell’Incarnazione, ricevuto dalla Vergine Maria, fu assunto come inizio del calendario
civile di Firenze.

Nel 1582 entrò in vigore il calendario gregoriano che fissava l'inizio dell'anno al 1º gennaio, ma Firenze continuò a considerare il 25 marzo come il suo Capodanno, fino a quando, nel novembre 1749, il Granduca Francesco III di Lorena emise un decreto che fissava anche per Firenze il 1º gennaio
come data iniziale dell'anno civile.

La manifestazione è ricordata con un corteo storico che partendo dal Palagio di Parte Guelfa si sviluppa nel percorso per le vie cittadine, fino alla Basilica della SS. Annunziata, dove a quel tempo, le genti del
contado si recavano in pellegrinaggio per andare a rendere omaggio alla sacra effige dell’Annunziata. Il Corteo reca un omaggio floreale di gigli bianchi, alla Cappella della Sacra effige.

14.45 Partenza da Piazza di Parte Guelfa

Si veda anche: http://curiositadifirenze.blogspot.it/2011/04/25-marzo-capodanno-fiorentino.html

25 marzo 2013 - Fiera della Santissima Annunziata


In mostra 50 stand di merceologia varia – abbigliamento, utensili, bigiotteria, artigianato, ingegno, alimentari e tanto altro – di cui 20 esclusivamente dedicati ai principi della manifestazione: i fiori e le piante.

Piazza Santissima Annunziata Firenze

giovedì 21 marzo 2013

Domenica 24 marzo, ore 11.00 - Don Chisciotte !! Fiaba Musicale Originale

Domenica 24 marzo, ore 11.00
LUDOTECA del Meyer ore 11.00
Don Chisciotte !!
Fiaba Musicale Originale
Quintetto a fiati Euterpe e Voce Recitante

Flauto Traverso: Tatiana Fedi Oboe: Stella Chellini Clarinetto: Filippo Valbonetti
Fagotto: Marco Zanobetti Corno: Massimo Annibali          Attore e Regista: Massimo Bonechi
Musica originale di Massimo Annibali

Ingresso libero per i  bambini,i genitori e il personale del Meyer
PER IL PUBBLICO ESTERNO: Ingresso con prenotazione obbligatoria al 338.9841799
OSPEDALE CAREGGI AULA MAGNA DEL NIC- Largo Brambilla

Domenica 24 marzo - La Companatica

Domenica 24 marzo dalle 12.30 presso la Casa del Popolo di Settignano

Non sai cosa fare domenica pomeriggio? Ti piace la musica? Allora non puoi perderti questa magnifica occasione!

La Scena Muta e Gianni Ugolini Photograoher vi invitano, domenica 24 marzo, a trascorrere insieme una piacevole giornata presso la Casa del Popolo di Settignano. In vista dell'arrivo della primavera il gruppo ha deciso di organizzare una speciale Companatica per pranzo, con l'idea di bere e mangiare tutti insieme. Ai fornelli ci sarà Gianni Ugolini, un maestro non solo delle foto ma anche della cucina! Nel pomeriggio, dalle 14.30 circa, un palco, pieno di strumenti musicali (chitarre,pianoforti,microfoni,percussioni), sarà messo a disposizione di tutti i partecipanti: chiunque potrà cantare, suonare ed esibirsi! Un pomeriggio dedicato alla musica e agli artisti emergenti.
Che state aspettando? Per prenotare basta scrivere a lascenamuta@gmail.com.

Il pranzo è aperto a tutti e costa solo 10 euro!
Il menù di Domenica 24 marzo:
-RIBOLLITA TOSCANA poco pane e tanta verdura , con pancetta croccante in brodetto di fagioli cannelli (Ai vegetariani verrà servita la ribollita senza pancetta..)
-UOVA SODE con salsa verde
-FILETTO DI MAIALE IN CROSTA in agrodolce con pinoli & prugne all’aceto balsamico
-PANE & VINO

L' evento è già presente su  Facebook: https://www.facebook.com/events/435939996489270/
Per maggiori informazioni visitate il sito della scena muta: http://www.lascenamuta.com/

23 marzo - Apertura notturna straordinaria e gratuita della Specola

L'Ateneo per la Città della Scienza di Napoli: apertura notturna straordinaria della Specola per raccogliere fondi per la ricostruzione

L'Ateneo propone un concreto gesto di solidarietà, aprendo eccezionalmente in orario serale uno dei suoi gioielli, la "Specola", sezione di Zoologia del Museo di Storia Naturale dell'Ateneo.
L'appuntamento è per sabato 23 marzo dalle ore 20 alle 24 in via Romana, 17: l'ingresso è libero, i visitatori saranno invitati a lasciare un'offerta da destinare alla ricostruzione della Città della Scienza. Il personale del Museo presterà servizio in forma volontaria e gratuita e consegnerà direttamente ai colleghi napoletani il ricavato della serata di solidarietà.

Per saperne di più: http://www.unifi.it/not-3964-l-ateneo-per-la-citta-della-scienza-di-napoli.html

23 marzo 2013 ore 17.00 - Conferenza: La donna popolana - Boccaccio e Pampinea, Filomena, Emilia

La donna popolana
Boccaccio e Pampinea, Filomena, Emilia
(seconda parte)

Ciclo di conferenze a cura di Anita Tosi
Firenze - Palazzo Vecchio
Salone de’Dugento
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

E' primavera...............

Venerdì 22 marzo 2013 - LE ECCELLENZE SULLE RIVE DELL’ARNO - LA VETRERIA POLLONI TRA PASSATO E PRESENTE

LE ECCELLENZE SULLE RIVE DELL’ARNO -
LA VETRERIA POLLONI TRA PASSATO E PRESENTE
(Appuntamento ore 15,30 all’ingresso della Vetreria, Via Fra’ G. Angelico 71)

Prenotazione obbligatoria telefonando allo 055.2302477
oppure via e-mail a: info@firenzefedearte.it
La partecipazione alle visite è gratuita. (Max 25 persone a visita)

mercoledì 20 marzo 2013

21 marzo - Conferenza di Massimo Cacciari: “La Teologia politica di Agostino”


Giovedì 21 Marzo 2013 ore 17.30 - ingresso libero
Prof. Massimo Cacciari Università S. Raffaele Milano
“La Teologia politica di Agostino”

“Convegni di Santo Spirito”
 “L’intelligenza della fede alla scuola di Agostino”
Sede: Sala Capitolare
Convento S. Spirito - Piazza S. Spirito, 30

La carabaccia (la zuppa di cipolle alla fiorentina)


Testo di Roberto Di Ferdinando

Il nome di questa particolare zuppa di cipolle che ha origini rinascimentali, deriva da carabaccia, dal greco karabos, cioè barca a forma di guscio. Infatti, la carabaccia o carabazada era il recipiente concavo in cui era servita.
La ricetta originale, prevedeva l’uso di aceto, zucchero, mandorle e della cannella che davano alla pietanza un sapore dolciastro come d’uso nel Rinascimento, quando i cibi erano preferiti “dolci”, tanto da prevedere in molte portate anche l’aggiunta dello zucchero.
Tale zuppa era molto gradita a corte dei Medici, tanto che Caterina de’Medici non volle privarsene andando a Parigi; anzi si ritiene che la famosa soupe d’oignon non sia altro che la rivisitazione francese della carabaccia fiorentina. Si dice anche che questa zuppa fosse il piatto preferito di Leonardo da Vinci, noto vegetariano.

Per la ricetta si consulti il seguente sito da cui sono state tratte informazioni per questo post: http://www.ricettedicultura.com/2012/02/carabaccia-la-zuppa-di-cipolle-alla.html
RDF

24 marzo 2013 - Concerto: "I sapori della musica: incontro con Johann Sebastian Bach, la Ciaccona e la storia del cioccolatino"

Nell’ambito della Rassegna “Il Tempio delle Muse”
Concerto: "I sapori della musica: incontro con Johann Sebastian Bach, la Ciaccona e la storia del cioccolatino"
ore 11 - Sezione di Antropologia, Sala del Caminetto, via del Proconsolo, 12 - Firenze
Organizzazione: Università di Firenze, Orchestra dell’Università di Firenze, Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze

Per informazioni: L'ingresso ai concerti è gratuito. Per chi fosse interessato a visitare la sezione del Museo che ospita gli appuntamenti in programma il costo del biglietto è di € 6. Alla fine del concerto è possibile anche una visita guidata, di 30 minuti circa, (compresa nel costo del biglietto) per cui è obbligatoria la prenotazione, presso la biglietteria, la mattina stessa dell'evento. Particolari agevolazioni per i soci Coop.  A causa dei posti limitati in Sala Caminetto è richiesta la prenotazione obbligatoria scrivendo a tempiodellemuse@gmail.com

Per saperne di più: http://www.unifi.it/upload/sub/notizie/agenda/programma_complessivo_Tempio_Muse.pdf
https://www.youtube.com/channel/UC50uXNVxEXJ6JU6bIvJZQ1A

22-23 marzo: Concerto di Pasqua

Concerto di Pasqua

Mozart
22 marzo ore 21.00, Chiesa dei Santi Fiorentini
23 marzo ore 21.00, Basilica di San Lorenzo
Ingresso libero
In occasione della Santa Pasqua, l'Orchestra e il Coro del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze interpretano due capolavori assoluti: il "Requiem" di Wolfgang Amadeus Mozart e "La Passione" di Franz Joseph Haydn. 
 
ORCHESTRA SINFONICA "LUIGI CHERUBINI" E CORO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA DI FIRENZE
Solisti del Conservatorio

Direttore: Paolo Ponziano Ciardi
Maestro del Coro: Francesco Rizzi
Programma
F. J. HAYDN        Sinfonia n. 49 in fa "La Passione"
W.A. MOZART    Requiem in re KV 626

martedì 19 marzo 2013

21 marzo - Ricordando Ruth&Lara - Concerto




presso: Santo Stefano Al ponte Auditorium - Firenze - ore 21,15
 
Concerto organizzato dall'Associazione Omega, in collaborazione con il Consevatorio Cherubini di Firenze e il Conservatorio Frescobaldi di Ferrara con la presenza di Niccolò Rinaldi deputato europarlamentare
Ecco il programma:
F.SCHUBERT : Dai Momenti Musicali D 780
n. 2 in la bem. magg. Andantino
n. 3 in fa min. Allegro moderato
Andrea Passigli pianoforte

brano da definire
Leila Shirvani violoncello

Skrjabin Fantasia op.28
Poema Op.32 n.1
Nadia Fanzaga pianoforte

EBRAISMO Enrico Fink

C.J.Boncompagni: da Voci e Silenzi su testi di Beckett
- Monologo di Molloy
Rossella Giannetti pianoforte
Niccolò Rinaldi voce recitante

E. Satie "Sports et Divertissements"
M.Grazia Dal Passo pianoforte

INSEGNAMENTO Flavio Meniconi

R. Strauss “Zueignung” Lied canto e pianoforte
Adriana Gheorgishor soprano
Laura Naif pianoforte

G. Berdondini Sonata in la bem. min. preludio-allegro con brio-scherzo-marcia funebre-congedo
Giovanni Berdondini pianoforte

W. A. Mozart dal quartetto in Do magg. KV 465 "Le Dissonanze"
II movimento: Andante cantabile
Luisa Bellitto violino I
Barbara Petrelli violino I
Camilla Insom viola
Marilena Cutruzzulà violoncello

AMICIZIA M.Cristina Carratù

M.Bruch Kol Nidrei su melodie ebraiche op.47 violoncello e orchestra
Fernado Scarselli violoncello
G. Faurè Pavane
G. Tartini ?
Orchestra Nuova Europa Direttore Alan Magnatta

22 e 23 marzo 2013 - CONCERTO GRATUITO DI PASQUA

Chiesa Episcopale Americana di St. James, - via Bernardo Rucellai 13 - Firenze
22 e 23 marzo 2013 ore 21.00
Chiesa Episcopale Americana di St. James, Firenze
MOMENTI MUSICALI
CONCERTO DI PASQUA

 
Mariacarla Seraponte soprano
Sandra Buongrazio contralto
Stuart Patterson tenore
George Mosley baritono
Schola Cantorum F. Landini
Fabio Lombardo maestro del coro
Orchestra Galilei
Giampaolo Pretto direttore
Arvo Pärt: Cantus in Memory of Britten
Benjamin Britten: Cantata Misericordium op. 69
Giovanni Battista Pergolesi: Stabat Mater per Soprano, contralto e orchestra d’archi

Ingresso libero

Tornano i Mercoledì Musicali dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze

Tornano i Mercoledì Musicali dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze
 
A Firenze le star internazionali della musica per organo.
8 concerti da marzo a dicembre 2013
Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze - via Folco Portinari 5r – Firenze
Il ricavato delle serate sarà devoluto alla Fondazione Italiana Leniterapia e verrà raddoppiato dall’Ente Cassa.
Da Wolfgang Rübsam a Andrzej Chorosiński, da David Franke a Francesco Filidei...
Molte novità ed alcune gradite conferme per la stagione 2013 dei Mercoledì Musicali dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, rassegna di musica per organo che da otto anni porta a Firenze alcuni dei massimi virtuosi del genere a livello internazionale.

Otto gli appuntamenti in programma da marzo a dicembre, nella seicentesca cornice dell’Auditorium dell’Ente Cassa, in via Folco Portinari 5/r a Firenze: uno dei pochi “luoghi profani” in Italia dove è collocato un organo da concerto. Tra gli obiettivi dei Mercoledì Musicali - ideati, organizzati e promossi dalla stessa Fondazione con la direzione artistica di Giuseppe Lanzetta - quello di avvicinare il grande pubblico ai repertori della musica sacra, barocca e profana, attraverso un programma di altissimo livello.

Molti i temi trattati in questa ottava edizione: dalla trascrizione organistica di celebri pagine musicali all'improvvisazione, dai capolavori assoluti di Johann Sebasian Bach alla musica iberica, dal repertorio moderno per organo e orchestra a quello contemporaneo.Sul palco musicisti giovanissimi e grandi maestri, tutti accomunati da una profonda e antica passione per quello che Mozart chiamava 'il re degli strumenti'.

E alla categoria dei maestri di certo appartiene Wolfgang Rübsam, organista, pianista, compositore e pedagogo, ma anche ingegnere del suono e produttore per la casa discografica Naxos. Già protagonista due anni addietro di un memorabile concerto, sarà di nuovo a Firenze venerdì 7 giugno con un meraviglioso programma interamente dedicato a Johann Sebastian Bach, costituito in gran parte da brani tratti dalla terza parte del Clavierübung (1739), uno dei cicli liturgicamente più simbolici del compositore tedesco.

Ad inaugurare la rassegna, mercoledì 20 marzo, sarà Andrzej Chorosiński,organista polacco noto come esecutore e didatta (è stato rettore dell’Accademia della Musica F. Chopin di Varsavia) oltre che come autore di notevoli trascrizioni per organo; a Firenze proporrà alcuni brani di questo tipo, da opere di Vivaldi, Chopin e Smetana.

Seguirà mercoledì 17 aprile l'organista tedesco David Franke, tra i più giovani maestri d'improvvisazione dei nostri giorni, vincitore di prestigiosi concorsi - Grand Prix de Chartres e Haarlem, tra gli altri – e organista titolare dello Zaccaria Hildebrandt presso la Chiesa di S. Wenzel a Naumburg, strumento progettato e inaugurato nel 1746 da Johann Sebastian Bach.

Tre gli organisti italiani che si avvicenderanno alla consolle di via Folco Portinari: inaugura mercoledì 8 maggio Roberto Marini, allievo del grande Fernando Germani, virtuoso, interprete raffinato del repertorio romantico, tardo-romantico e moderno. Un vero caso discografico l'opera completa per organo di Max Reger pubblicata per l’etichetta francese Fugatto. Mercoledì 16 ottobre segna il ritorno del giovane Francesco Filidei, che continua a consolidare la sua carriera internazionale di interprete e compositore: il suo pezzo per orchestra “Macchina per scoppiare pagliacci” ha vinto il Rostrum of International Composer di Vienna.

Ancor più giovane David Jackson, organista, compositore, direttore di coro e d'orchestra, dal 2012 organista titolare della Cattedrale Santa Maria del Fiore a Firenze:si esibirà mercoledì 11 dicembre con l'Orchestra da camera Fiorentina diretta da Giuseppe Lanzetta, nel concerto per organo e orchestra di Poulenc.

Ad esaltare le caratteristiche del grande organo Tamburini dell’Auditorium – che Clemente Terni progetto a metà degli anni '70 ispirandosi alla tradizione organaria iberica – saranno Adalberto Martínez Solaesa, organista titolare della Cattedrale di Malagain, in concerto mercoledì 11 settembre con un programma intitolato “Musica del Mediterraneo”, e l'organista basco Joxe Benantzi Bilbao Riguero, direttore dell'ensemble di musica antica "Capella Joan Baptista Comes", in scena mercoledì 13 novembre nell’ambito della serata "Las fuentes musicales", in cui spazia da autori iberici a Wagner trascritto per organo da Théodore Dubois.

Come di consueto I Mercoledì dell’Ente Cassa non dimenticano la solidarietà. Testimonial dell’edizione 2013 sarà FILE, la Fondazione Italiana Leniterapia Onlus che dal 2002 mette in campo risorse umane e finanziarie per aiutare la persona malata e la sua famiglia nell’ultima e più difficile fase della vita.

Alla Fondazione Italiana Leniterapia Onlus andrà il ricavato delle otto serate (previsto un biglietto simbolico di 5 euro). E il contributo sarà doppio, visto che l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze aggiungerà una cifra di pari importo. FILE sarà inoltre presente per presentare le proprie attività.

Tutte le informazioni sui Mercoledì Musicali dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze sono disponibili al sito www.entecarifirenze.it. Sono attivi inoltre una info-line e un servizio di prenotazioni gratuiti – dal lunedì al venerdì, orario d’ufficio - al numero 055.538.4012 o via mail aemanuele.barletti@entecrf.it.

Inizio concerti ore 21
Auditorium Ente Cassa di Risparmio di Firenze
Via Folco Portinari 5/r - Firenze

Ingresso posto unico: 5 euro

Info e prenotazioni
Tel 055.538.4012 - www.entecarifirenze.it
emanuele.barletti@entecrf.it

I MERCOLEDÌ MUSICALI DELL’ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE
VIII edizione, 20 marzo/11 dicembre 2013. Tutti i concerti si svolgono all’Auditorium dell’Ente Cassa di Risparmio: via Folco Portinari 5/r, Firenze. Ingresso 5 euro. Si consiglia di prenotare al numero tel. 055.538.4012

Programma concerti
Mercoledì 20 marzo ore 21
Concerto d’inaugurazione
ANDRZEJ CHOROSIŃSKI, organo (Polonia)
Musiche di Johann Sebastian Bach, Antonio Vivaldi
Robert Schumann, Bedrich Smetana

Mercoledì 17 aprile ore 21
DAVID FRANKE, organo (Germania)
Musiche di Juan Cabanilles, Johann Sebastian Bach
Johann Gottfried Müthel, Wolfgang Amadeus Mozart
Guy Bovet, David Franke

Mercoledì 8 maggio ore 21
ROBERTO MARINI, organo (Italia)
Musiche di P. De Araujo, J. S. Bach, M. Reger

Venerdì 7 giugno ore 21
WOLFGANG RÜBSAM, organo (Germania/USA)
Opere per organo di Johann Sebastian Bach

Mercoledì 11 settembre ore 21
ADALBERTO MARTÍNEZ SOLAESA, organo (Spagna)
Musica del Mediterraneo (Spagna, Francia, Italia)
Musiche di J. B. Cabanilles, C. Balbastre, N. Moretti
Lefebure- Wely, G. D’Andrea, J. Guridi, E. Torres
V. Zubizarreta, J. A. García

Mercoledì 16 ottobre ore 21
FRANCESCO FILIDEI, organo (Italia)
Musiche di J.S. Bach, G. Bertelli, J. Reubke

Mercoledì 13 novembre ore 21
JOXE BENANTZI BILBAO RIGUERO, organista (Paesi Baschi)
Las fuentes musicales
Musiche di Francisco Correa de Arauxo, Antonio Soler
Antonio Vivaldi, Johann Sebastian Bach, Felix Mendelssohn Bartholdy
Richard Wagner

Mercoledì 11 dicembre ore 21
Orchestra da Camera Fiorentina
Direttore: Giuseppe Lanzetta
Organista: DAVID JACKSON (Italia)
Musiche di W.A. Mozart, Francis Poulenc, E. Grieg

Progetto, organizzazione e comunicazione
Ente Cassa di Risparmio di Firenze
Presidente: Giampiero Maracchi
Direttore Generale: Renato Gordini
Direzione artistica: Giuseppe Lanzetta
Organizzazione: Emanuele Barletti

Ingresso ai concerti
Biglietto 5 euro, ingresso fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Si consiglia di prenotare al numero 055.538.4012 - emanuele.barletti@entecrf.it
www.entecarifirenze.it

Ufficio Stampa Ente CRF                                               
Riccardo Galli:cell. 3351597460 riccardo.galli@entecrf.it

23-24 marzo - XXI Giornata FAI di Primavera - Aperture straordinarie, visite guidate

23-24 marzo - XXI Giornata FAI di Primavera
Il Fondo Ambiente Italiano apre 700 luoghi in tutta Italia, spesso inaccessibili e per l’occasione eccezionalmente a disposizione del pubblico, con visite a contributo libero.
Aperture straordinarie, visite guidate
Vedere il programma sul sito: www.giornatafai.it

lunedì 18 marzo 2013

Modi di dire: “non avere un becco di un quattrino”


Testo di Roberto Di Ferdinando

Nell’Italia medievale era in circolazione il “quattrino” che valeva, da qui il suo nome, quattro denari (piccioli, cioè i moderni centesimi). In Toscana fu coniato dal XIII° al XVIII° secolo, aveva un valore molto basso ed era di rame. Nella Toscana dei Lorena, 3 quattrini davano un soldo (rame), 5 quattrini corrispondevano ad una Crazia, e per avere una moneta di valore superiore occorrevano 150 quattrini, cioè un Paolo che era d’argento.
Sugli antichi “quattrini” era impressa l’immagine di un rostro, cioè lo sprone di rame che gli antichi romani ponevano alla prua delle loro navi da guerra. Il rostro dava l’idea di un becco appuntito, e da qui nasce l’espressione:”non avere un becco di un quattrino”, cioè non avere nessuna moneta, neanche quelle di poco valore (neanche un centesimo).
Alessandro Manzoni (che soggiorno a Firenze proprio per “italianizzare” il suo scritto) utilizza questa espressione nei Promessi Sposi: ( 14esimo capitolo) Renzo dice: “Rispondi dunque oste: e Ferrer, che è il meglio di tutti, è mai venuto qui a fare un brindisi, e a spendere un becco d’un quattrino?”
RDF

6 aprile - Visite gratuite a a Palazzo Davanzati e Casa Martelli

Dal 18 Marzo è possibile prenotare le visite guidate, del 6 Aprile, a Palazzo Davanzati e Casa Martelli, a cura del Centro Guide Turismo
Informazioni:  Prenotazione obbligatoria allo 0552616056 (da lunedi al venerdi ore 9-12), a partire dal 18 Marzo

Orario:
9.45 Partenza da Palagio di Parte Guelfa /
10.00 Partenza da  Piazza Repubblica, lato ex Edison
Evento gratuito

19 marzo - Fiera di San Giuseppe in Piazza Santa Croce


La Fiera di San Giuseppe si celebra il giorno dedicato al santo, il 19 di marzo.
La famosa piazza fiorentina di Santa Croce si anima con circa settanta bancarelle di merci varie. Nei pressi la Chiesa di San Giuseppe.
Ingresso libero
orario 9-19

Villa Bardini - ‘Aperitivi in musica’

La Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron è lieta di presentare un programma di concerti nella splendida Villa Bardini. Dopo l’eccezionale successo della passata edizione, anche quest’anno la grande musica classica, eseguita da interpreti di eccezione, viene accolta in una cornice unica e suggestiva, coinvolgendo gli spettatori con un programma di concerti raffinati e emozionanti, seguiti da un rilassante aperitivo in terrazza offerto dall’organizzazione.
Il ciclo ‘Aperitivi in musica’ si svilupperà a partire dal 5 marzo per tre mesi durante i quali si svolgeranno due importanti mostre “Da Boldini a De Pisis” fino al 19 maggio e “Francesco Messina” dal 25 maggio. Nei pomeriggi, in occasione dei concerti, le mostre possono essere visitate alle ore 16,00 con un biglietto a prezzo speciale ed accompagnati da una guida gratuita.

Villa Bardini
Costa San Giorgio 2 - Firenze
Info: 055 20066206 - mg.geri@bardinipeyron.it
Parcheggio gratuito nel Piazzale del Forte Belvedere
prenotazione oBBligatoria
ingresso al concerto aperitivo € 6,00
Gratuito per i bambini
ingresso speciale mostra
alle ore 16.00 con visita gUidata € 4,00

domenica 17 marzo 2013

La Schiacciata alla fiorentina


Testo di Roberto Di Ferdinando

E’ il tipico dolce fiorentino del periodo del Carnevale, sebbene in origine si mangiasse solo il martedì grasso. Già l’Artusi nel suo ricettario la cita, quale variante dolce della “Stiacciata coi siccioli” (i ciccioli di maiale). Nel Settecento pare che si chiamasse anche “Stiacciata delle Murate” perché prodotto alle suore dell’omonimo monastero di via Ghibellina. E questo nome sarebbe rimasto anche successivamente, quando fu chiuso il monastero e questi spazi ospitarono il carcere maschile cittadino. Infatti,  si dice che  l’ultimo pasto dei condannati a morte (che erano giustiziati nel vicino Prato della Giustizia, oggi piazza Piave) prevedeva come dolce, questa schiacciata.
E’ un dolce lievitato (sarebbe indicato che fosse alto non più di due dita e mezzo), soffice, aromatizzato all’arancio od anche speziato e prevede l’impiego di strutto. Le ricette sono tante ed anche le varianti, c’è quella tradizionale, oppure quella farcita con panna, crema o cioccolata. Caratteristica di tutte queste varianti è il giglio fiorentino impresso sopra con il cacao in polvere.
RDF

(Si consulti la ricetta al seguente indirizzo, da cui sono tratte molte delle informazioni che ho riportato in questo mio post:
http://lavetrinadelnanni.blogspot.it/2013/02/la-mia-schiacciata-alla-fiorentina_12.html)

sabato 16 marzo 2013

Girata a Firenze la clip del nuovo romanzo di Dan Brown


Si chiama “Inferno” è l’ultimo libro di Dan Brown che sarà in libreria dal 14 maggio e si ispira alla Divina Commedia. Nei giorni scorsi una troupe ha registrato a Firenze per tre giorni per raccogliere il materiale che servirà per il video clip per promuovere via web e tv l’ultima opera di Brown. Le riprese sono state fatte in Palazzo Vecchio, Piazza Signoria, dalla terrazza dell’Hotel Minerva e al Piazzale Michelangelo. Dan Brown sarà a Firenze il 6 giugno per presentare il suo libro.
RDF

La copertina dell'ultimo libro di Dan Brown

Modi di dire: “Un troerebbe l’acqua in Arno!”


Tipica espressione fiorentina usata per sottolineare la distrazione, sbadataggine e la poca propensione di una persona a cercare e trovare le cose. Con la testa talmente tra le nuvole o poco attento alle proprie azioni, tale da “non riuscire a trovare neanche l’acqua in Arno!”
RDF

venerdì 15 marzo 2013

Gli studi fiorentini di Sandro Pertini

Testo di Roberto Di Ferdinando
“La Cooperazione” è questo il titolo della tesi di laurea di Sandro Pertini, il futuro Presidente della Repubblica, che la discusse, ventottenne, il 2 dicembre del 1924 all’Istituto di Scienze Sociali “Cesare Alfieri“ (l’attuale Facoltà di Scienze Politiche) di Firenze. Per anni si è creduta andata persa in seguito all’alluvione del 1966, invece, è stata recentemente ritrovata negli archivi dell’Ateneo Fiorentino, e questa copia rimane l’ultima esistente, in quanto quella personale di Pertini andò probabilmente distrutta nell’irruzione fascista nella sua casa di Stella negli anni Trenta. L’elaborato di Pertini si compone di 248 pagine di carta velina, in copia carbone e non ha la copertina. Sandro Pertini, già dottore in Giurisprudenza a Modena, fu ammesso al terzo anno della “Cesare Alfieri” e sostenne e superò otto esami in sei mesi (all’esame di Geografia, il professor Olinto Marinelli, il più importante geografico del periodo assegna al  giovane Pertini  18/30). Pertini decise di non sostenere gli ultimi 6 esami (allora era concessa tale opzione) e di anticipare così l’impegnativa tesi di laurea. La commissione di laurea era composta da autorevoli docenti: dall’economista Giovanni Lorenzoni, il direttore dell’Alfieri, dal professore di politica e legislazione economica, Riccardo Volta, e dall’economista Piero Marsili Libelli. Il voto di laurea fu di 84/110.
La tesi del giovane Pertini adesso è stata pubblicata in un libro dal titolo “Sandro Pertini, La cooperazione. Tesi di laurea discussa nell’anno 1924 presso l’Istituto di Scienze sociali «Cesare Alfieri» di Firenze” edito dall’associazione Ames e Legacoop Liguria, un testo critico a cura di  Sebastiano Tringali e con la prefazione del professor Paolo Fabbri.
Grazie alla collaborazione della Biblioteca di Lettere della Biblioteca Umanistica dell’Università degli Studi di Firenze, è stato possibile recuperare, digitalizzare e infine pubblicare la tesi di Pertini
La cooperazione deve compiere nel campo operaio un'opera benefica e utile sia alla causa dei lavoratori che all'economia nazionale, deve indicare la via del lavoro e non della violenza. Lotta di lavoro e non lotta di classe” (un passaggio della Tesi di laurea di Sandro Pertini – fonte: Corriere della Sera)

La carriera universitaria a Firenze di Pertini
(immagine tratta da: http://savona.mentelocale.it/51358-savona-pertini-ritrovata-tesi-laurea-cooperazione-discussa-1924/)

17 marzo - Concerto gratuito - ARIE E ROMANZE D’AMORE

ARIE E ROMANZE D’AMORE
Ospedale di Careggi AULA MAGNA NIC – Padiglione 3 Largo Brambilla, 3 - Firenze
Ingresso libero Tutti i concerti si svolgono alle 10.30
Paola Sanguinetti: soprano
Davide Burani: arpa

W.A.Mozart Le nozze di Figaro
Porgi amor
G.Rossini Da Les soirées musicales
La partenza
G.Verdi Il Corsaro
Non so le tetre immagini
G.Puccini La Bohème
Valzer di Musetta (arpa sola)
G.Puccini Gianni Schicchi
O mio babbino caro
G.Puccini Manon Lescaut
In quelle trine morbide
J.Offenbach I racconti di Hoffman
Barcarola (arpa sola)
F.P.Tosti Arietta di Posillippo su testo di Gabriele D’Annunzio
A vucchella
C.Cesarini Firenze sogna
L.Bacalov Il postino
Mi mancherai
J.Kosma Les feuilles mortes
E.De Curtis Non ti scordar di me

Paola Sanguinetti ha effettuato gli studi musicali presso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma e li ha proseguiti frequentando l’Accademia Lirica Internazionale di Katia Ricciarelli. Nel 1994 ha vinto il Concorso Nazionale “Mattia Battistini” di Rieti. E’ stata protagonista di diverse opere liriche, quali La Cambiale di matrimonio di Rossini, L’Elisir d’amore di Donizetti, La Bohème di Giacomo Puccini, debuttata al Teatro Regio di Parma, La Vedova Allegra di Léhar in una produzione della Fondazione Toscanini, I Pagliacci di Leoncavallo a New Orleans, la Traviata di Verdi e Le Nozze di Figaro di Mozart a Basilea, Tosca di Puccini al Teatro del Vittoriale di Gardone Riviera, Il Tabarro di Puccini al Teatro Politeama Greco di Lecce. Di recente è stata Donna Elvira nelDon Giovanni di Mozart, Desdemona in Otello di Verdi al Teatro Magnani di Fidenza e Leonora ne Il Trovatore al Teatro del Vittoriale di Gardone Riviera. Dal 1997 ha iniziato un’intensa collaborazione con il tenore Andrea Bocelli, esibendosi al suo fianco in innumerevoli concerti nei suoi tour mondiali ottenendo sempre ottime critiche.
Davide Burani dopo gli studi musicali in pianoforte e il diploma ottenuto brillantemente presso il Conservatorio “Nicolò Paganini” di Genova, si è dedicato all’arpa, diplomandosi, con il massimo dei voti, presso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma. Ha conseguito con lode il diploma Accademico di Secondo Livello presso il Conservatorio Arrigo Boito di Parma, sotto la guida di Emanuela Degli Esposti. Ha superando le selezioni finali per la categoria “Arpa” al Concorso Internazionale “Tournoi International de Musique” – XI edizione, aggiudicandosi una menzione d’onore; è risultato inoltre vincitore, nella categoria “Arpa”, al Concorso Internazionale di Fivizzano “Music World” ed. 2004. Collabora principalmente con l’Orchestra della Radio Svizzera Italiana di Lugano, con I Virtuosi Italiani, con Gli Archi Italiani e con l’Orchestra Filarmonica della Fondazione Toscanini di Parma. Si esibisce in duo con il soprano Paola Sanguinetti, proponendo un elegante accostamento tra la voce lirica e l’arpa, nel repertorio tra Ottocento e Novecento.Ha inciso i cdArpamagica, Arpadamore (con Sandra Gigli), Duo d’Arpe nel ‘700 (La Bottega Discantica – con Emanuela Degli Esposti), Flauto e Arpa in concerto (La Bottega Discantica – con Giovanni Mareggini), Prière(Edizioni Paoline 2010) e Mozart (con Giovanni Mareggini – Velut Luna 2011).
E’ docente di arpa presso l’Istituto Superiori di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia.

http://www.agimusfirenze.it/

giovedì 14 marzo 2013

Domenica 17 marzo - Trekking in rosa

Donne, storia e curiosità. Visite guidate alla scoperta di altrettanti capoluoghi, attraverso la vita e i costumi delle donne che vi hanno vissuto

Il 17 è la volta di Firenze, con partenza sempre alle 10.30 da piazza San Lorenzo per un itinerario sulle orme delle donne di casa Medici. Ecco allora il monumento a Maria Luisa dei Medici, Elettrice Palatina, ultima della dinastia, poi Palazzo Medici, via Tornabuoni (luogo di nascita della madre di Lorenzo il Magnifico); e naturalmente Palazzo Vecchio, abitato da Eleonora di Toledo e dalle figlie, dove si può ammirare il magnifico cortile dedicato a Giovanna, moglie di Francesco I, quindi Palazzo Pitti, dove si trasferirà la corte granducale del ‘500, e infine via Maggio e il Palazzo di Bianca Cappello. Anche in questo caso la visita costa 8 euro a persona.
Info e prenotazioni c/o Agenzie Toscana Turismo (Argonauta Viaggi c/o Centro*Gavinana Firenze, via Erbosa 68/11, tel. 055680045; argonauta.gavinana@robintur.it)

5 aprile 2013 - teatro della Pergola - Serena Dandini racconta 'Ferite a morte'

Serena Dandini racconta 'Ferite a morte'
“Ferite a Morte” è uno spettacolo teatrale scritto e diretto da Serena Dandini sul tema del femminicidio. È una Spoon River che dà per la prima volta voce alle donne morte per mano di un marito, un fidanzato un ex compagno. Ogni racconto, scritto in collaborazione con Maura Misita (ricercatrice del CNR) si ispira a fatti di cronaca realmente avvenuti in Italia, ma non solo dal momento che il fenomeno interesse molti altri paesi al mondo, dal Sudafrica all’India.
L'incasso della serata verrà devoluto all'Associazione Artemisia Centro Donne contro la Violenza Catia Franci Onlus e al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti (CAM) Onlus.

venerdì 05/04/2013 21:00
Teatro della Pergola - Firenze

mercoledì 13 marzo 2013

15-16-17 marzo - Verdefirenze, mostra mercato dedicata a tutto ciò che ruota intorno al giardino ed ai prodotti naturali

La prima edizione di Verdefirenze, mostra mercato dedicata a tutto ciò che ruota intorno al giardino ed ai prodotti naturali, si svolge alla Fortezza da Basso di Firenze.

La Mostra aperta a tutti – appassionati, esperti, neofiti – rappresenta un grande contenitore “verde”: la botanica sarà al centro della manifestazione grazie alla presenza dei migliori vivaisti italiani. Verdefirenze sarà però anche mostra mercato per quello che riguarda: arredo da giardino, arte topiaria, editoria specializzata, terracotte, enogastronomia ‘naturale’, essenze, sapori e profumi e tutto quanto fa giardino inteso come luogo da vivere, prezioso e accogliente, in cui potersi appartare, rilassare e allontanare dal frastuono.
Verdefirenze vuole offrire a tutti gli operatori del settore la possibilità di approcciare e/o consolidare la propria presenza sul mercato toscano e del centro Italia e a tutti i visitatori, un’ampia gamma di prodotti tra cui scegliere ed acquistare.

info: http://www.ali-comunicazione.com/VERDEFIRENZE/sabato-16-marzo-ore-18-00-i-talenti-in-erba-di-music-valley-a-verdefirenze/

martedì 12 marzo 2013

14 marzo - GLI INNI SACRI DI ‘AD LIMINA COELORUM’: PRESENTAZIONE A FIRENZE CON LETTURE E CANTI

GLI INNI SACRI DI ‘AD LIMINA COELORUM’: PRESENTAZIONE A FIRENZE CON LETTURE E CANTI

Il libro mistico di Madre Cristina di Gesù Crocifisso viene illustrato, alla presenza dell’autrice, il 14 marzo al Cenacolo di Santa Croce da importanti studiosi e personalità del mondo cattolico. Ingresso libero
Porta della fede

Un volume che raccoglie inni sacri scritti da Cristina di Gesù Crocifisso, alcuni tradotti in greco liturgico alla maniera bizantina da Mauro Agosto e altri in latino da Tuomo Pekkanen. L’ultima tappa, prima del mistico «stato unitivo dell’anima con Dio», del suo Viaggio Santo, iniziato trent’anni fa, che l’ha portata a vivere in un eremo ai piedi del Monte del Carmelo a Potenza.

E’ il libro ‘Ad limina Coelorum’ di Madre Cristina (Edizioni Feeria, Comunità di San Leolino 2012) che viene presentato giovedì 14 marzo, alle 17, nella Sala del Cenacolo di Santa Croce a Firenze (piazza Santa Croce 16), al cospetto dell’autrice, in un incontro in cui, dopo il saluto del Rettore della Basilica Padre Antonio di Marcantonio e della presidente della Fondazione il Fiore Maria Giuseppina Caramella, interverranno oltre agli autori delle traduzioni in greco e latino sopra citati, Carmelo Mezzasalma, Superiore della Comunità di San Leolino e docente di Letteratura poetica e drammatica, e Timothy Verdon, direttore dell’Ufficio Arte sacra e Beni culturali ecclesiastici dell’Arcidiocesi di Firenze nonché storico dell’arte. L’ingresso è libero.

13, 20 e 27 marzo 2013 - Firenze 2013 - Conferenze: da Gino Bartali ai mondiali di ciclismo.

13, 20 e 27 marzo 2013
Firenze 2013: da Gino Bartali ai mondiali di ciclismo.
Un viaggio insieme al grande ciclista fiorentino
Alfredo Martini
Tre incontri e una mostra su Gino Bartali alla BiblioteCaNova.
Info: bibliotecanovaisolotto.comune.fi.it

lunedì 11 marzo 2013

Sabato 16 Marzo - presentazione del libro: L’economia dei contadini - Il laboratorio dell’aia fondato sul riciclaggio completo di Carlo Lapucci



Libreria Editrice Fiorentina
è lieta di invitarLa
alla presentazione di


L’economia dei contadini
Il laboratorio dell’aia fondato sul riciclaggio completo
di Carlo Lapucci

Sabato 16 Marzo, ore 16
padiglione Arsenale, Fortezza da Basso
Viale Filippo Strozzi, 1 Firenze

all’interno della Prima Edizione
della mostra mercato Verde Firenze

commenta
Giuseppe Lisi, direttore della collana
saranno presenti l’editore, Giannozzo Pucci e l’autore, Carlo Lapucci

La casa colonica come unità produttiva vive praticamente di quello che ricava dalla terra procurando utile e trasformando tutto in qualcosa di utile, compresi gli avanzi e le scorie. Oggi che la filosofia consumistica ha fallito, ci stiamo rendendo conto di quanto questo sistema perfetto, arcaico ma efficiente, comprovato da un’esperienza millenaria, sia necessario e lentamente l’interesse verso l’agricoltura contadina sta riaffiorando, insieme alla consapevolezza che solo attraverso il rapporto con la terra l’uomo può raggiungere la sua completezza.
Carlo Lapucci ci guida alla riscoperta del microcosmo dell’aia e della cascina, impastando le nozioni più tecniche con proverbi e ricordi, oggi rimasti nel linguaggio comune ma poco conosciuti.
Un viaggio interessantissimo che tocca tutte le parti della casa, della stalla, della cantina, ci porta alla scoperta delle varie produzioni, dall’olio, al vino, alla cucina, ai giocattoli per i bambini e ci conduce attraverso i saperi antichi dell’economia contadina.

L’autore_Carlo Lapucci vive a Firenze dove insegna. Si è occupato di letteratura studiando il problema della traduzione. Ha diretto la rivista «Le lingue del Mondo», e collaborato con numerose case editrici tra cui Garzanti e Mondadori. Ha partecipato come esperto alla trasmissione di Radiodue “La luna nel pozzo”. Attualmente collabora a giornali e riviste tra cui «Il Sole 24 ore», «Toscana oggi», «La Nazione», «Studi piemontesi», «Erba d’Arno», «Il Caffè illustrato».

Venerdì 15 marzo 2013 - Visita al CIMITERO DI PORTA A PINTI DETTO ”DEGLI INGLESI”

Venerdì 15 marzo 2013
IL CIMITERO DI PORTA A PINTI
DETTO ”DEGLI INGLESI”
(Appuntamento ore 15,30 davanti all’ingresso del Cimitero, Piazzale Donatello)

Prenotazione obbligatoria telefonando allo 055.2302477
oppure via e-mail a: info@firenzefedearte.it
La partecipazione alle visite è gratuita. (Max 25 persone a visita)

Domenica 17 marzo 2013 - Il Dì di festa

Il Dì di festa
DOMENICA 17 marzo 2013

Una giornata di eventi, iniziative, visite guidate, escursioni, attività ricreative, spettacoli, proiezioni, mostre e degustazioni enogastronomiche.
Alla scoperta delle bellezze turistiche e della ricchezza culturale della Toscana meno conosciuta.

Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo

Le prenotazioni si effettuano per le sole iniziative in programma per il Dì di festa.
La prenotazione è obbligatoria per tutti gli eventi in programma.
A prenotazione effettuata, si prega di avvisare in caso di sopraggiunta impossibilità a partecipare, al fine di consentire la partecipazione a quanti siano in lista d'attesa per il medesimo evento.

Gli sconti per i soci Coop si estendono a tutti i componenti della famiglia.
Programma dettagliato: https://www.ildidifesta.it/

Eventi a Firenze

I volti della Dea
Rappresentazioni della donna tra archeologia e simbolismo
Adulti
Famiglie
Domenica 17 Marzo - 10:00
Museo Archeologico Nazionale
Piazza della Santissima Annunziata n.9b
Firenze, FI 
In occasione del mese della donna, un percorso guidato alla scoperta dell’iconografia della figura femminile, nei vari aspetti legati alla sacralità e al privato, attraverso le sale del Museo Archeologico di Firenze.
Un viaggio tutto “al femminile”, dunque, attraverso secoli di storia, con l’ausilio di statue, rilievi, raffigurazioni ceramiche che ci illustrano come anche nelle epoche più antiche nelle varie società cambiava il modo di raffigurare la figura femminile a seconda del ruolo e del valore che la donna esprimeva all’interno di esse.
Durata della visita 1 ora e mezzo.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo.

L’Accademia della Crusca. Nel tempio della lingua italiana
Adulti
Domenica 17 Marzo - 11:00
Villa Medicea di Castello
Via di Castello 46
Firenze, FI 
Una visita guidata vi condurrà nella prestigiosa sede dell’Accademia della Crusca. Qui attraverso gli stemmi personali degli Accademici e i loro motti o insegne, verranno narrate le storie di uomini tanto illustri oltre a proporre una riflessione sulla lingua e sul continuo evolversi grazie in parte anche alla multiculturalità di oggi.  Il percorso si chiuderà nel meraviglioso giardino della Villa Medicea di Castello.
Minimo 20 partecipanti.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo.

Riscopriamo un grande classico: il complesso domenicano di Santa Maria Novella
Adulti
Famiglie
Domenica 17 Marzo - 14:00
Basilica di Santa Maria Novella
Piazza Santa Maria Novella
Firenze, FI 
Una visita alla scoperta del complesso  domenicano di Santa Maria Novella, uno dei più importanti e ricchi della città, in cui è possibile ammirare i lavori dei maggiori artisti fiorentini del ‘300 e del ‘400.  All’interno della Basilica si trovano  infatti opere dei più importanti pittori fiorentini, da Giotto all’Orcagna, da Masaccio a Domenico Ghirlandaio, a Brunelleschi. La visita proseguirà nel Chiostro dei Morti, riaperto dopo 13 anni di complessi restauri, nel  meraviglioso Chiostro Verde, dove erano dipinte a fresco in terra verde le Storie della Genesi di Paolo Uccello, ora conservate all’interno del Museo, e nel Cappellone degli Spagnoli .
Durata della visita circa 3 ore.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo.

Scrittori stranieri nella Firenze dell'Ottocento
Adulti
Domenica 17 Marzo - 15:00
via Brunelleschi 1 - davanti all’Hard Rock Cafe
Firenze, FI 
Passeggiata per le strade del centro alla scoperta dei luoghi dove abitavano i forestieri residenti a Firenze.
Personaggi, vicende di vita, arte, poesia e prosa di alcuni artisti stranieri protagonisti della cultura fiorentina ed europea del XIX secolo.
Durante la passeggiata un  regista teatrale leggerà brani letterari e poesie, opera, fra gli altri, di Elizabeth Barrett Browning,  Henry James e George Eliot.
Terminata la visita faremo una pausa per un tea con pasticcini.
Numero minimo di partecipanti 20.
Durata: 2 ore circa
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo.

Bimbi…in carrozza!!!
Bambini
Domenica 17 Marzo - 15:00
15 minuti prima dell'inizio del tour
Piazza della Repubblica
Firenze, FI 
Per i più piccoli un'esperienza emozionante ed insolita: viaggiare su una grande carrozza nel centro storico di Firenze.
Un’occasione per scoprire la città ad un’andatura lenta e rilassante, accompagnati dal suono inconsueto e ritmico del trotto di due magnifiche cavalle, che ci riportano a un passato magico e lontano. Una volta scesi dalla carrozza, i bambini proseguiranno il loro viaggio nel tempo con un’attività ludico-didattica nell’antico centro medievale di Firenze.
Durata: 1 ora circa.
Numero minimo di partecipanti 20.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo.

Aspettando ‘La Primavera del Rinascimento’ a Palazzo Strozzi. Una lezione nella Basilica di San Lorenzo
Adulti
Domenica 17 Marzo - 15:00
Basilica di San Lorenzo
Piazza San Lorenzo c/o portone laterale sinistro di facciata
Firenze, FI 
E’ il Rinascimento ad essere il protagonista della prossima mostra a Palazzo Strozzi: la scultura, la pittura e le arti minori nei primi sessant’anni del Quattrocento.
Quale miglior occasione di un approccio preliminare alla materia se non nella Basilica di San Lorenzo?
La chiesa dei Medici che negli stessi anni viene arricchita dalla famiglia. Basterà ricordare i due pulpiti bronzei di Donatello per capire quanto un passaggio in questo tempio ci possa far comprendere al meglio la scelta di opere che saranno esposte poi a Palazzo Strozzi.
Durata 2 ore.
Minimo 20 partecipanti.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo.

Luoghi e memorie di Firenze
Adulti
Domenica 17 Marzo - 17:00
Libreria delle Donne
Via Fiesolana 2/b
Firenze, FI 
Dalle monache alle anglobecere: Borgo Pinti, il Cimitero degli Inglesi e la Firenze che fu.
Conferenza di Elena Giannarelli, con proiezione di materiale iconografico.
Introduce Milly Mazzei.
In collaborazione con
Associazione Fiesolana 2b
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 marzo)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 marzo.

12-14 marzo - Irlanda in Festa

Da martedì 12 a giovedì 14 marzo all’Obihall di Firenze. Tre serate di concerti, danze popolari, piatti tipici, dischi, mostre, artigianato. Anteprima nuovi album Whisky Trail e Massimo Giuntini.
Se una partita della nazionale di rugby si trasforma in una festa per 35.000 spettatori, se proprio a Firenze è nato uno dei primi Irish Pub d’Italia, se esistono band come i Whisky Trail… Beh, il merito è anche di Irlanda in Festa la kermesse che da 18 anni porta in riva all’Arno i colori, i sapori e suoni della tradizione irlandese.
E che da martedì 12 a giovedì 14 marzo torna nella consueta cornice dell’ObiHall di Lungarno Aldo Moro angolo via Fabrizio De André. Tre serate di musica dal vivo, danze popolari, piatti tipici, esposizioni, dischi, libri, performance e artigianato.
E tantissimi ospiti – ogni sera dalle 20 cinque ore di concerti e spettacoli – provenienti dall’altra parte della Manica e non solo, a conferma della dimensione internazionale raggiunta ormai dalla musica celtica.
Gruppi come i Whisky Trail, ad esempio, che, per primi in Italia, dal lontano 1975 hanno fatto conoscere i suoni e le leggende dell’Isola di Smeraldo. Alla band capitanata da Stefano Corsi e Giulia Lorimer il compito di dare il via alla kermesse, martedì 12 marzo. In primo piano il nuovo album “Celtic Fragments”, in uscita proprio in questi giorni e di cui sarà proposta un ricca anteprima.
La serata sarà aperta dai giovani di Hidden Note e dall’Ensemble Sangineto, formidabile formazione nata attorno all’arte liutaria di Michele Sangineto, affiancato da ben quattro componenti della sua famiglia. Sul palco portano arpe e salteri ma anche strumenti tratti da pitture rinascimentali come “l’organo di carta” di Leonardo da Vinci: bellissimo e ingegnoso, nessuno aveva mai pensato di realizzarlo prima. Tutti questi straordinari strumenti saranno in mostra durante i tre giorni di Irlanda in Festa.
Altra anteprima, quella che Massimo Giuntini offrirà mercoledì 13 marzo: il nuovo album s’intitola “Promises” e a detta dello stesso musicista aretino – tra i massimi virtuosi italiani di uilleann pipes – “è un disco che allarga i miei orizzonti verso un sound più intimista e in cui suono praticamente tutti gli strumenti”. Sempre mercoledì, dalla Scozia, approdano sul palco di ObiHall il violino di Chris Stout e l’arpa di Catriona McKay, per un live suggestivo e cinematico. Chiuderanno la serata i toscani Dalriada, interpreti di un ampio repertorio di danze irlandesi.
Il gran finale di giovedì 14 parte sulle note, al femminile, del trio The West Wind e termina con il coinvolgente live degli Orion, gruppo che, sotto la bandiera dei suoni celtici, riunisce da un quarto di secolo musicisti irlandesi, scozzesi, britannici e belgi, tra cui il bouzouki di John Faulkner, un vera leggenda. A loro l’onore di chiudere Irlanda in Festa.
E ancora, tutte le sere: nel ridotto ObiHall stage di danze irlandesi (dalle 19 alle 20,30 – prenotazioni tel 055.6504112 o presso la biglietteria del Teatro) a cura dei Gens d’Ys; proiezione del lungometraggio “Dreaming of Ireland” di Marco Daffra con musiche dei Whisky Trail; birre irlandesi e piatti tipici; stand di artigianato, libri, dischi e creazioni ispirate alla tradizione celtica.
Irlanda in Festa è organizzata con il patrocinio del Comune di Firenze e dell’Ambasciata d’Irlanda. Ingresso 10 euro. E per chi acquista il biglietto in prevendita, una pinta di birra in omaggio!
testo tratto da: http://www.toscanamusiche.it/irlanda-in-festa-con-whisky-trail-giuntini-e-orion/

Programma Irlanda in Festa 2013
martedì 12 marzo
ore 19,00 Stage di danze irlandesi (nel Ridotto)
ore 20,00 Hidden Note
ore 21,00 Ensemble Sangineto
ore 22,15 Whisky Trail
mercoledì 13 marzo
ore 19,00 Stage di danze irlandesi (nel Ridotto)
ore 20,00 Ensemble Sangineto
ore 20,30 Massimo Giuntini
ore 21,30 Chris Stout & Catriona McKay
ore 22,45 Dalriada
giovedì 14 marzo
ore 19,00 Stage di danze irlandesi (nel Ridotto)
ore 20,00 The West Wind
ore 21,00 Chris Stout & Catriona Mc Kay
ore 22,15 Orion
Da martedì 12 a giovedì 14 marzo – dalle 19,30
Obihall – Lungarno Aldo Moro – Firenze
Biglietto: 10 euro – (pinta in omaggio a chi acquista in prevendita)
Info e prevendite tel 055 6504112



domenica 10 marzo 2013

Paisà di Rossellini


Paisà è un film diretto nel 1946 da Roberto Rossellini, e tra gli sceneggiatori compare anche Federico Fellini. Il film, tra i capolavori del neorealismo, è diviso in sei episodi, e rievoca l’avanzata delle truppe Alleate per liberare l'Italia. Gli episodi sono dedicati alla liberazione della Sicilia, di Napoli, di Roma, di Firenze, dell’Appennino Emiliano e di Porto Tolle.
Il quarto episodio è ambientato in una Firenze distrutta dalle mine tedesche. La liberazione della città inizia dai quartieri meridionali. L’episodio fiorentino, con al centro gli scontri armati tra Alleati e partigiani da una parte e gli occupanti tedeschi e loro fiancheggiatori dall’altra, narra la storia della giovane infermiera inglese Harriet, in servizio in Toscana, che entra in Firenze sotto assedio per ritrovare Guido Lombardi, un capo partigiano che ama, ma che la guerra lo ha fatto perdere di vista. Harriet inizierà a cercare il suo amato per Firenze aiutata da un uomo che, invece, vuole ritrovare la sua famiglia dispersa.
RDF

immagine del film (episodio di Firenze) - foto tratta da http://nonsolosanjacopino.blogspot.it
I due protagonisti dell'episodio di Firenze attraversano il Corridoio Vasariano
immagine del film (episodio di Firenze): soldati tedeschi pattugliano una deserta piazza San Giovanni


venerdì 8 marzo 2013

Modi di dire: “Anda e rianda”


Sta per “andare e riandare” (andare e tornare). In italiano ormai non si usa più il verbo “riandare”: “Che fai tu, luna, in ciel?…ancor non sei tu paga di riandare i sempiterni calli?” (Leopardi) [citazione dal sito dell’Accademia della Crusca]. Si veda anche il “Grande dizionario illustrato della lingua italiana" in due volumi di Aldo Gabrielli.
RDF

23 marzo - Voci perdute sempre presenti. Itinerario tra i teatri chiusi o non più esistenti del centro di Firenze


Firenze è da sempre città molto votata al teatro, non solo per numero di strutture ma anche per originalità e importanza architettonica delle stesse. Molti dei teatri antichi adesso sono chiusi o non esistono più, ricordati magari da un fregio o da un piccolo segno su una facciata. Questo piccolo viaggio intende andare a riscoprirle, e allo stesso tempo raccontare una Firenze autentica e dimenticata, lontana dai sentieri maestri del turismo di massa.
Il viaggio termina in un teatro aperto, la Pergola, svelando i segreti del suo straordinario museo.

Ingresso 6 euro, ridotto 4 euro (Under26, over60, Abbonati e Pergola Card, Soci Coop)

PER INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI: Ufficio Comunicazione, via della Pergola 18 – Firenze,
tel. 055. 2264312 museo@teatrodellapergola.com

10 marzo - Concerto gratuito "Giovani Talenti"


ORE 10.30 PRESSO L'AULA MAGNA DEL NIC   (Ospedale di Careggi-Largo Brambilla, Nuovo Ingresso Careggi).
Ingresso gratuito

GIOVANI TALENTI
Recital del violinista Matteo Cimatti
I premio Premio Crescendo 2012
Premio Speciale Miglior Violinista 2012
Premio Fiorino Musicale 2012

W.A. Mozart Concerto per violino e orchestra
F.Kreisler (Pugnani) Preludio e Allegro
H.Wieniawski Scherzo Tarantella op.16

giovedì 7 marzo 2013

10 marzo 2013 - Concerto di Fabrizio Checcacci: "C'era una volta l'Italia"

Per la II edizione della rassegna di concerti nel Museo di Storia Naturale dell'Università degli Studi Firenze "Il tempio delle Muse"

Concerto di Fabrizio Checcacci: "C'era una volta l'Italia"
ore 11 - Sezione Botanica, Sala Strozzi, Via G. La Pira, 4 - Firenze

Organizzazione: Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze

Per informazioni: L'ingresso ai concerti è gratuito. Per chi fosse interessato a visitare la sezione del Museo che ospita gli appuntamenti in programma il costo del biglietto è di € 6. Alla fine del concerto è possibile anche una visita guidata, di 30 minuti circa, (compresa nel costo del biglietto) per cui è obbligatoria la prenotazione, presso la biglietteria, la mattina stessa dell'evento.

Particolari agevolazioni per i soci Coop
Per saperne di più: http://www.unifi.it/upload/sub/notizie/agenda/programma_complessivo_Tempio_Muse.pdf

9 marzo - LETTURA SCENICA DA TESTI DELLA RIVOLUZIONARIA RUSSA ALEXSANDRA KOLLONTAJ, LA PRIMA “MINISTRA” DELLA STORIA

9 marzo - LETTURA SCENICA DA TESTI DELLA RIVOLUZIONARIA RUSSA ALEXSANDRA KOLLONTAJ, LA PRIMA “MINISTRA” DELLA STORIA
La Fondazione il Fiore di Firenze celebra la festa delle donne il 9 marzo con ‘L’unica scelta possibile’ di Sabrina Faller dagli scritti di una protagonista della Rivoluzione d’ottobre.
Ingresso libero

«La prima donna ministro della storia e la prima ambasciatrice». Può essere descritta così, attraverso questi due primati, la straordinaria figura di Aleksandra Kollontaj (S. Pietroburgo 1872 – Mosca 1952) che sarà celebrata dalla Fondazione il Fiore di Firenze per la festa delle donne 2013, nell’ambito del calendario organizzato dal Comune.
L’intellettuale e politica russa, che fu tra i protagonisti della rivoluzione sovietica, sarà ricordata il 9 marzo alle 17,30, nella Biblioteca delle Talpe della splendida sede della fondazione sulle colline di Bellosguardo, attraverso una lettura scenica a tre voci - con corredo di immagini, musiche e voci originali - de ‘L’unica scelta possibile’ di Sabrina Faller, tratto da alcuni importanti testi della Kollontaj. Gli interpreti sono Marina Zazo (che impersona Alexsandra Kollontaj), Annalena Aranguren (nei panni della sua insegnante Maria Strachova) e Luca Berni (a cui spettano tutti i ruoli maschili). L’ingresso è libero.
Al centro della vita di Alexsandra Kollontaj ci fu l’interesse per la condizione della donna. Saggista, oratrice, attivista politica, giornalista, visse in esilio percorrendo l’Europa e facendo tappa anche negli Stati Uniti, dal 1908 al ‘17, anno in cui partecipò con Lenin alla Rivoluzione d’ottobre. Nominata commissario per l’assistenza sociale, progettò una radicale riforma sanitaria, che prevedeva un sistema pubblico gratuito per tutto il Paese, ponendo l’accento sull’assistenza pre e neonatale per madre e bambino. Allontanata dalla vita politica per essersi schierata contro la nuova politica economica di Lenin, nel 1922 fu nominata ambasciatrice in Norvegia. Lavorò in ambito diplomatico fino al 1945, contribuendo ai trattati di pace dell’Urss con la Svezia e la Finlandia. Morì a Mosca nel 1952.
‘L’unica scelta possibile’ di Sabrina Faller, pur proponendo un’interpretazione originale del suo pensiero e della sua vasta opera, si fonda su testi noti e meno noti di Aleksandra Kollontaj. In particolare sull’Autobiografia; su una lettera, “Largo all’Eros all’alato!” (pubblicata nel 1923 su una rivista russa), in cui propone una nuova idea di amore che la rivoluzione bolscevica avrebbe dovuto fare propria; e su uno scritto quasi visionario (“Presto! Fra 48 anni”) che le fece ‘prevedere’ un ipotetico futuro.

Per ulteriori informazioni, Fondazione Il Fiore. Tel: 055 224774