giovedì 28 febbraio 2013

L'inno della Fiorentina dei Pontello



Negli anni Ottanta la famiglia Pontello, proprietaria dell'A.C. Fiorentina, decise di introdurre dei sostanziali cambiamenti per la squadra cittadina. Al di là di investire soldi per l'acquisto di campioni, che fecero sfiorare ai viola la conquista del terzo scudetto nel 1981/82, i Pontello scelsero anche di cambiare il colore delle maglie, divenendo di un viola lucido e più scuro, il giglio fu stilizzato ed infine fu scelto un nuovo inno, scelte non sempre condivise (e condivisibili) dal popolo viola. Ecco l’inno “Alè Fiorentina” che allo stadio accompagnava i giocatori al momento di entrare sul campo di gioco. Finita l’era dei Pontello i segni di quella gestione furono “smantellati” e così ci fu il ritorno al vecchio giglio ed al vecchio inno.
RDF
A Firenze nel '26
fiocco viola perchè nasce lei
Fiorentina che passione,che ciclone viola,chi ti ama vincerà!
ALE' FIORENTINA COL TUO SCATTO BRUCIANTE
FAI VEDERE ALLA GENTE CHI SEI,VINCERE E'
IMPORTANTE
E VAI FIORENTINA,MALEDETTA TOSCANA
TIRA FUORI LA GRINTA CHE HAI CHE LA RETE NON E' LONTANA!
Le ragazze del '26
s'innamorano se gioca lei
Fiorentina che passione,che ciclone viola,chi ti ama vincerà.
OVVIA FIORENTINA,LA VITTORIA TI CHIAMA
ED E' UN BISCHERO CHI NON TI AMA PERCHE'
QUALE SQUADRA E' MIGLIORE DI TE
E VAI FIORENTINA,DACCI DENTRO CHE NON SEI SOLA
SOTTO I NOSTRI GIUBBOTTI LO SAI BATTE UN CUORE VIOLA!
ALE' FIORENTINA COL TUO SCATTO BRUCIANTE
SE TU VINCI LO SAI CHE SI FA?
SI FESTEGGIA CON CANTI E CHAMPAGNE!
E VAI FIORENTINA, MALEDETTA TOSCANA
TIRA FUORI LA GRINTA CHE HAI CHE LA RETE NON E' LONTANA!

Sabato 2 Marzo 2013 - Il Meyer per amico 2013

Il Meyer per amico 2013
Sabato 2 Marzo 2013 dalle ore 9:30 alle 18:30

Torna la grande festa “Il Meyer per Amico” e l’occasione è davvero speciale: festeggeremo tutti insieme il compleanno del Meyer. Ospite d'onore: Andrea Bocelli. Ingresso gratuito e regali per tutti i bambini....
http://www.meyer.it/ilmeyerperamico/

Venerdì 8 marzo 2013 - CARLO MAGNO A VARLUNGO

Venerdì 8 marzo 2013
CARLO MAGNO A VARLUNGO
LA CHIESA DI SAN PIETRO
Il Quartiere 2 tra arte, artigianato e spiritualità
(Appuntamento ore 15,30 sul sagrato della chiesa, Via di Varlungo 71)

Prenotazione obbligatoria telefonando allo 055.2302477
oppure via e-mail a: info@firenzefedearte.it
La partecipazione alle visite è gratuita. (Max 25 persone a visita)

Ciclo di conferenze: Politica e Antipolitica

Villa Arrivabene - Piazza Alberti 1/A
Il sabato alle ore 17,00
Ingresso libero

2 marzo 2013
Politica e antipolitica: un’introduzione storica - Pietro Costa – Università di Firenze
9 marzo 2013
Le diverse facce della politica - Franca Bonichi - sociologa
16 marzo 2013
Crisi della rappresentanza e antipolitica - Luigi Ferraioli - giurista
23 marzo 2013
Politica e antipolitici - Vittorio Mete – Università di Catanzaro
6 aprile 2013
Crisi della politica e magistratura - Beniamino Deidda - magistrato
13 aprile 2013
Politica e scuola al tempo del neoliberismo - Andrea Bagni - docente
20 aprile 2013
Forme alternative di partecipazione - Tommaso Fattori - European Commons research project

mercoledì 27 febbraio 2013

Sabato 2 e Domenica 3 Marzo 2013 - Porte aperte alla FATTORIA DI MAIANO


Sabato 2 e Domenica 3 Marzo 2013
AAA ARTE - ARTIGIANATO - AGRICOLTURA
Porte aperte alla FATTORIA DI MAIANO -Fiesole-FI

Alla FATTORIA DI MAIANO abbiamo deciso di inaugurare la bella stagione con un fine settimana all'insegna dell'Arte, dell'Artigianato e dell'Agricoltura invitando artigiani ed artisti e vivaisti provenienti da tutta Italia a vestire a festa il Borgo di Maiano con il suo splendido Chiostro e i giardini circostanti affacciati su Settignano e Firenze.

Agricoltura, Arte, e Artigianato troveranno qui la loro naturale collocazione. L'angolo ristorazione sarà curato dal  ristorante "spaccio" interno alla Fattoria e non mancherà la tradizionale grigliata sull'aia.
Per l'occasione sarà aperta in anteprima la Fattoria Laboratorio con la possibilità di vedere tutti gli animali della Fattoria e l'incantevole LAGHETTO DELLE COLONNE.
Tra le attrazioni non mancheranno test di guida in fuoristrada.

L'orario di apertura sarà dalle 9:30 alle 19:30 ed il pubblico è atteso numeroso! Vi sarà un un biglietto all'ingresso che permetterà, oltre a visitare la mostra mercato, di accedere alla grande Fattoria Laboratorio ed al laghetto delle colonne per passare una giornata intera all'aria aperta in una cornice unica.
Il valore del biglietto potrà essere recuperato quale sconto per acquisti presso il ristorante/spaccio della Fattoria di Maiano e presso gli artigiani che vorranno aderire all'iniziativa.
Per l'occasione saranno messi a disposizione molti parcheggi

Tutte le informazioni necessarie sono nel sito www.FattoriadiMaiano.com e nella pagina Facebook
la FATTORIA DI MAIANO è un'azienda agricola totale indirizzo biologico a conduzione famigliare ed è con 18.000 Ulivi e 300 ettari tra superfici agricole e boschi una delle iù grandi Fattorie dell'area fiorentina.
La produzione principale è un'ottimo olio extra vergine d'oliva ottenuto dalle olive prodotte e spremute nel frantoio dell'azienda. Quest'olio straordinario viene spedito direttamente a privati in tutto il mondo. Nella Fattoria non mancano le attività sportive quali freerider e down hill in bicicletta, il Parco Avventura di Vincigliata, percorsi di treking, Nord walking, orientiring, tiro con l'arco. Per l'ospitalità nel borgo vi sono camere e appartamenti, ristorante e degustazioni, spazi per eventi.

Molto apprezzate sono le visite guidate alla Villa di Maiano dove è stato girato il film "Camera con Vista", premiato con l'OSCAR per le ambientazioni, ed i SAFARI NOTTURNI  a bordo del nostro fuoristrada munito di 10 fari con il quale è possibile girovagare sui colli alla ricerca degli animali della fattoria e della fauna selvatica (cinghiali, caprioli, lepri, volpi istrici etc...)
(testo tratto da: http://www.fattoriadimaiano.com/mostra-mercato.php)


L’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella


Testo e Foto di Roberto Di Ferdinando



E’ uno di quei pochi luoghi di Firenze che è più conosciuto dagli stranieri o dai non fiorentini che dai fiorentini stessi, perché la sua fama è mondiale. E’ la storica Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, nota anche come Farmacia di Santa Maria Novella, una delle più antiche farmacie al mondo. L’ingresso si trova al numero 16 di via della Scala, sebbene in origine l’accesso avvenisse direttamente dal chiostro del convento di Santa Maria Novella. Infatti, questa antica farmacia fu fondata nel 1221 dai frati domenicani di Santa Maria Novella. Qui i frati realizzavano i loro medicamenti, famosa era l’acqua di rose impiegata come disinfettante durante le epidemie. I domenicani potevano disporre di un orto attiguo al convento ed alla farmacia dove coltivavano piante medicinali (semplici), da cui ricavavano essenze, elisir, pomate e balsami. Nel 1612 la farmacia poté vendere i propri preparati anche al pubblico e proprio di quell’anno sono gli ambienti  e l’apertura su via della Scala. Ferdinando II la dichiarò “Fonderia di Sua Altezza Reale” e forniva il Granduca dei propri medicamenti. In seguito all’Unità d’Italia, il convento passò al Demanio diventando sede della scuola dei marescialli dei Carabinieri, e così l’accesso dal chiostro fu chiuso ed oggi è aperto solo in rare occasioni, mentre la farmacia rimase aperta per alcuni anni grazie all’intraprendenza di Frà Damiano Beni che salvò i ricettari originari. L’attività fu poi acquistata dal nipote di Beni, Augusto Stefani, i cui eredi tutt’oggi gestiscono la farmacia. Attualmente la produzione dell’Officina, sempre attenta alle antiche ricette, avviene nei moderni laboratori di via Reginaldo Giuliani, mentre negli ambienti di via della Scala è rimasta la vendita dei prodotti al pubblico (tra i più famosi: Alkermes, Acqua di Rose, Elisir di Cina e l’Aceto dei Sette Ladri), oltre ad un museo, ricavato nella sacrestia trecentesca di San Niccolò, affrescata da Mariotto di Nardo, in cui sono conservati antichi ricettari, erbolari, trattati di botanica, una collezione di mortai, di vasi medicinali di porcellana, contenitori di vetro e dove è allestita anche una biblioteca di volumi specializzati. Il museo è aperto al pubblico su richiesta.
(il sito ufficiale dell’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella: http://www.smnovella.it/contents/home.html )
RDF

l'ingresso alla farmacia da via della Scala
Il corridoio che dall'ingresso di via della Scala conduce agli ambienti originari della farmacia

Iniziative per l'VIII anniversario della morte di Mario Luzi

VIII anniversario della morte di Mario Luzi

Giovedì 28 febbraio alle ore 11, presso la Biblioteca Luzi, via Schiff 8, il pittore Giovanni Bandini farà dono alla Biblioteca di un suo dipinto raffigurante il poeta - la poetessa Caterina Trombetti leggerà alcuni testi poetici di Mario Luzi

Pomeriggio dedicato alla memoria del poeta fiorentino Mario Luzi
Domenica 3 marzo 2013 pre 17.00 c/o Chiesa San Michele a Castello
"Perse e Brade ed altro ancora di Mario Luzi"
II Edizione
Lettura a cura di Fosca
con
Maria Caterina Frani (voce)
Cristina Abati (viola)

27 febbraio 2013 - Institut Français de Florence: presentazione del romanzo "Il cappello di Mitterrand"

Institut Français de Florence
Piazza Ognissanti - Firenze
INCONTRI | STASERA, ORE 18.00

Nell'ambito della quarta edizione del Festival de la Fiction Française, non perdete l'incontro con Antoine Laurain ("Undicesimo fuma", ed. Vallecchi 2011), nuovamente a Firenze per presentare il suo ultimo e quarto romanzo: Il cappello di Mitterrand, nella traduzione delle Edizioni Atmosphère (ed. originale "Le chapeau de Mitterrand, Flammarion 2012).
Protagonista della storia è il copricapo dell'ex Presidente francese che, dimenticato in un pub, inizia il suo viaggio "di testa in testa" cambiando favorevolmente il destino di chi incontra, con casi clamorosi come la trasformazione di un fedele lettore di Le Figaro in uno di Liberation!

28 febbraio 2013 - NANNI MORETTI in concerto con l'ORT

NANNI MORETTI in concerto con l'ORT
Firenze, Teatro Verdi - giovedì 28 febbraio 2013 ore 21

Nanni Moretti
Nicola Piovani
Luigi Lombardi d’Aquino
Orchestra della Toscana
giovedì 28 febbraio 2013
Firenze, Teatro Verdi ore 21


Arriva al Verdi di Firenze lo spettacolo prodotto nel 2011 dalla Fondazione Musica per Roma.
Un appuntamento inedito con Nanni Moretti, il personaggio, l’ex-autarchico, regista dal segno inconfondibile, che  per l’occasione sarà solo con un microfono sul palco.
Moretti si farà interprete di alcuni dei dialoghi, tratti dai suoi film, i più noti al grande pubblico a partire da Io sono un autarchico (1976) Ecce Bombo, Bianca, la Messa è finita e così via fino al Caimano (2006).
L’autore di Habemus papam, curatore egli stesso della selezione dei brani proposti, documenterà, con la sua arte, la vita di un altro cinema e la storia di un’altra Italia.
Unica e assoluta coprotagonista sarà la musica dei suoi film eseguita dall’Orchestra della Toscana diretta da Luigi Lombardi d’Aquino, compositore e assistente di Franco Piersanti, da sempre collaboratore di Nanni Moretti. Al pianoforte Nicola Piovani, uno dei più affermati compositori d’oggi di musiche da film, artefice di numerose colonne sonore che siglano la produzione cinematografica di Moretti.
Evento unico per la Toscana e per Firenze: Musica, parole e insieme la proiezione sul grande schermo di alcune sequenze tratte dai suoi film.

http://www.orchestradellatoscana.it/

Ciclo di incontri: ABBATTERE IL TABÙ

I RICOSTRUTTORI
Ente morale riconosciuto con Decreto del Ministero dell’Interno
ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIO SANITARIE
COMUNE DI FIRENZE

Nell’ambito del progetto Tuttoèvita organizzano il ciclo di incontri:
ABBATTERE IL TABÙ

Nella città di Firenze sempre alle ore 21

Oggi è richiesto un grande sforzo culturale per abbattere un vero e proprio tabù nei confronti della morte. Ci troviamo di fronte ad una situazione assolutamente inedita nella lunga storia della civiltà occidentale: la sua negazione, la sua esclusione dalle espressioni culturali più diffuse, e più ancora una sorta di interdizione a parlarne. Per trasmettere all’uomo moderno una nuova immagine dell’ultimo, grande viaggio, si devono usare linguaggi nuovi e universali, linguaggi includenti che sappiano anche attingere al mondo dei simboli. Alcune personalità del mondo della cultura hanno accettato questa sfida.

Inaugurazione del ciclo: BIBLIOTECA DELLE OBLATE, via dell'Oriuolo, 26-Firenze

Venerdì 1 marzo 2013
Card. Silvano Piovanelli, Arcivescovo emerito di Firenze
“IO SONO LA VITA”.
Sperare contro ogni speranza

Gli incontri successivi si terranno presso:
VILLA STROZZI Via Pisana, 77-Firenze

Sabato 9 marzo 2013
Prof. Franco Cardini, docente universitario, medievista e scrittore
TRA "SORA NOSTRA MORTE CORPORALE" E LA "DANZA MACABRA"
La morte nell’immaginario del medioevo

Sabato 13 aprile 2013
Dott. Angela Staude Terzani, scrittrice e giornalista
FINIRE IN BELLEZZA
La morte come incontro

Sabato 11 maggio 2013
Dott. Piero Ferrucci, psicoterapeuta e saggista
UN PARADOSSO SORPRENDENTE
Come la morte dà un senso alla vita

Sabato 1 giugno 2013
Prof. Antonia Arslan, docente universitaria e scrittrice
LA BELLA SIGNORA
Rassicuranti presenze contro i sussurri del buio

INGRESSO LIBERO

Per informazioni: segreteria Tuttoèvita, Dott. A. Ghinassi 055 417536
Potete trovare informazioni dettagliate sul Progetto Tuttoèvita sul sito:
www.tuttoèvita.it

martedì 26 febbraio 2013

2 marzo 2013 - Incontro sul tema "Emergenza e disabilità"

sabato 2 marzo - Biblioteca delle Oblate - visite guidate all'ex Convento

Passeggiate in biblioteca: visite guidate all'ex Convento. Percorsi di conoscenza della Biblioteca tra libri e storia.
Partecipando alla visita guidata sarà possibile ripercorrere la secolare storia dell'ex-convento delle Oblate riscoprendo i piccoli grandi tesori nascosti, passeggiare nei chiostri, visitare l'altana con vista unica sul "più famoso tetto di Firenze" e conoscere la Biblioteca con i suoi numerosi servizi.
La partecipazione è gratuita per un massimo di 25 partecipanti a visita. Occorre prenotarsi all'help desk della biblioteca telefonando al n° 055/2616512 (da lunedì a venerdì ore 9.00-19.00, sabato 9.00-13.00). Gli incontri, dalla durata di un’ora ciascuno, sono a cura dell’Associazione culturale Akropolis.

Via dell'Oriuolo, 26  50122 Firenze

Zuppa verde alla Toscana

"Mondate e trinciate a pezzetti grossi ogni sorta di erbaggi che possiate avere,
come : cavolo, lattuga, indivia, bietola e radicchio; unitevi una rapa, alcune
patate, una carota, sedano, del parti trinciati, e piselli freschi se ve ne sono:
ponete tutto in una casseruola, nella quale avrete preparato un soffritto di
cipolla e olio; salate convenientemente, mettetevi anche un pò di pepe, e
lasciate al fuoco per 15 o 20 minuti, rimescolando più volte.
Poscia aggiungetevi del sugo di pomodoro, o conserva sciolta in
poc’acqua; fate cuocere ancora per 15 minuti e versatevi infine tanta acqua
bollente quanta vene occorre per bagnare la zuppa. Lasciate così cuocere
completamente gli ortaggi, facendo bollir tutto per circa un’altra ora, poi servite
versando in una zuppiera, dove avrete preparato del pane a fette.
"
Tratto da: "La Dieta di Quaresima. Per la salute dell'anima e del corpo" (Mezzo scudo)
di Mariade Luca F. (fra'), Lazzarini Lisa, Pucci Giannozzo
LEF
Per la salute dell'anima e del corpo
Con questo mezzo scudo si descrivono i criteri che regolavano la dieta e i digiuni del
periodo quaresimale con esempi di diversi conventi, le disposizioni del diritto canonico
sui giorni penitenziali, alcune proposte di ricette e le indicazioni per una cura
depurativa da praticare nel periodo di Quaresima.

lunedì 25 febbraio 2013

venerdì 1 marzo - Incontro con Antonella Boralevi

Teatro della Pergola - Ore 18.00
Esiste ancora la passione? Sentimento e cinismo al tempo della crisi

Incontro con Antonella Boralevi
dal suo romanzo I BACI DI UNA NOTTE
RIZZOLI

Versione scenica a cura del Centro di avviamento all’espressione del Teatro della Pergola coordinata da Marco Giorgetti
Ingresso libero

È consigliata la prenotazione ai numeri 055.2264359/312/317  oppure via mail a pubblico@teatrodellapergola.com

Giovedi 28 febbraio - Le peggiori Fiorentine della nostra vita

Giovedi 28 febbraio - Ore 18.00
Teatro della Pergola

Sei ragionamenti calcistici intorno alle grandi formazioni della storia.
L'ultimo appuntamento è giovedì 28 Febbraio, ore 18.00 al caffè della Pergola.

Le peggiori Fiorentine della nostra vita.
Conducono Daniele Bacci e Leonardo Bucciardini.
Con la partecipazione di Riccardo Ventrella.
Un'iniziativa di Venti Lucenti e Teatro della Pergola.

Ingresso libero.

28 febbraio - 2 marzo 2013 - Convegno: Il Corpo e la Rete - Convegno Internazionale sugli strumenti di apprendimento culturale nell'era digitale

Dal 1955 l'Associazione Intercultura propone un modello di educazione al cosmopolitismo attraverso esperienze adolescenziali di vita vissuta individualmente per lunghi periodi in famiglie e scuole di altri Paesi. Infatti invia ogni anno oltre 1500 ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all’estero ed accoglie nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole
Attraverso queste esperienze si forma la consapevolezza della molteplicità dei valori storici, sociali e culturali e si può innescare un processo di conoscenza, confronto e rispetto: una formazione interculturale alla cittadinanza mondiale secondo il suggerimento dell'Unesco che consiglia “l'immersione guidata in un'altra cultura come uno dei percorsi possibili per l'educazione interculturale e per il superamento dell'eurocentrismo”.

La Fondazione Intercultura ha già dedicato nel 2011 a questi argomenti un convegno internazionale dal titolo “Ricomporre Babele - Educare al Cosmopolitismo”, che si è concluso con il riconoscimento che “Il cosmopolitismo è una necessità, non un’utopia” e che occorre trovare strumenti di apprendimento interculturale che favoriscano la ricerca dell’armonia tra i cittadini del mondo.

Oggi l’informatica e i social network hanno creato una rete virtuale di interazioni planetarie, che potrebbe essere uno di questi strumenti. Ma il suo uso è contraddittorio. Da un lato sembra rendere irrilevanti le distanze (anche culturali) e superflua o marginale la presenza fisica per conoscere altre realtà. Dall’altro invece sembra rendere più difficile il distacco dal proprio ambiente, anche nel caso di un’immersione totale in un Paese diverso. E’ una contraddizione che genera molte domande.
Come vengono utilizzati questi strumenti, soprattutto dai giovani? Come creano un  tessuto di connessioni plurime continue? Come si affiancano o si contrappongono agli scambi reali tra persone di cultura diversa? Come facilitano o ostacolano l'apprendimento interculturale? Come si integrano o si differenziano apprendimento virtuale ed esperienza vissuta?
Studiosi ed esperti del settore daranno la possibilità ai partecipanti di riflettere su questi argomenti.

http://www.corpoerete.org/Programma/

giovedì 21 febbraio 2013

22 febbraio - Evento gratuito - Concerto per Chiara Yung Soon Capanni – un incontro tra classica, danza e jazz




Venerdì 22 Febbraio alle 20.30 presso il Teatro Comunale di Firenze si terrà uno spettacolo in memoria di Chiara Yung Soon Capanni. Si tratterà non solo di un’opportunità per ricordare una persona speciale, ma anche di un’occasione per assistere ad una serata che combina insieme danza, musica classica e jazz.
L’ingresso al Ridotto del Comunale sarà gratuito e, come l’anno scorso, avrete l’opportunità di offrire un contributo libero all’Associazione Toscana Tumori.
Un evento dedicato alla musica, alla vita di tutti, ma anche di Chiara, maestro collaboratore al ballo del teatro ma anche talentuosa jazzista. L’evento è in collaborazione con il Maggio Musicale Fiorentino, tutti gli amici di Chiara e di Stefano Tamborrino che hanno contribuito all’organizzazione e a coloro che interverranno nella jam session finale. Come l’anno scorso sarà un fiume di emozioni, di passi, di note, di grandissima musica e danza dei migliori talenti, un meraviglioso inno alla vita per tutti noi.
(testo tratto da: http://www.nottefiorentina.it/)

Le crespelle alla fiorentina


Le crespelle alla fiorentina sono il piatto delle grandi occasioni e fanno parte dell’antica tradizione gastronomica fiorentina. La leggenda vuole che fu Caterina de’Medici ad “esportarle”  a Parigi andando in sposa ad Enrico II re di Francia.
RDF

Ingredienti (4 persone)
3 uova
350 gr. di spinaci
200 gr. di ricotta
1 bicchiere di latte
120 gr. di farina
50 gr. di burro
0,5 l. di besciamella
3 cucchiai di salsa di pomodoro
parmigiano, sale, pepe e noce moscata a piacere

Preparazione
Unire la ricotta, l'uovo, tre o quattro cucchiai di parmigiano grattugiato, un po' di noce moscata e aggiustare di sale e pepe. Preparare a parte la pastella per le crespelle amalgamando le uova con la farina, il latte e il burro fuso. Poi preparare la besciamella: in una pentolina fare fondere il burro, aggiungere la farina e poco per volta il latte, sempre mescolando e facendo attenzione che non si formino grumi. Aggiungere sale, pepe e noce moscata a piacere e lasciar cuocere a fuoco lento finché il composto non abbia raggiunto una consistenza né troppo liquida né troppo densa. Imburrare una teglia piccola e con la pastella preparata prima fare delle frittatine sottili. Disporre l'impasto di spinaci e ricotta sulle crespelle e arrotolarle ottenendo qualcosa di simile a dei cannoli ripieni. Mettere i cannoli in una teglia da forno precedentemente imburrata, coprirli con la besciamella e macchiarli con poca salsa di pomodoro. Gratinare a forno medio per 15-20 minuti. (ricetta tratta da: http://www.turismo.intoscana.it)

"Giardini senza polline" di Francesco Zangari



La vegetazione apporta innegabili benefici ma può essere causa di allergie che sono tanto più fastidiose quanto maggiore è la quantità di pollini nell'atmosfera.
Inoltre quando le concentrazioni sono alte, persone sane predisposte geneticamente, possono sensibilizzarsi.
Occorre tener conto di ciò nel processo di rinverdimento delle città e cercare di ridurre il livello di polline nell'aria.
A creare maggiori problemi sono gli alberi a impollinazione anemofila, purtroppo molto diffusi sia in ambiente urbano che nei boschi. Pollini allergenici sono emessi infatti anche da molte specie autoctone (carpino, ontano, ecc.).
Questo libro, composto da due volumi, offre ai tecnici e a tutti coloro che amano il verde, utili informazioni per ridurre al minimo questo effetto collaterale e contiene le schede di oltre 200 piante dioiche che non emettono polline.
Francesco Zangari è nato a Borgia in provincia di Catanzaro e risiede a Bagno a Ripoli un comune della cinta metropolitana fiorentina. E´ laureato in Scienze Agrarie e specializzato in Tecniche di gestione degli spazi verdi.
Dal 1997 al 2001 ha collaborato, nell´ambito del Progetto POLIS presso la Direzione Ambiente del Comune di Firenze, alla redazione della pubblicazione "Il Piano Regolatore del Verde" proponendo tra l'altro l´impiego di specie ipoallergeniche nei nuovi impianti cittadini.
Iscritto all´ordine degli agronomi, insegna giardinaggio. Oltre che della progettazione di giardini "ipoallergenici", si occupa del controllo della stabilità delle alberature e della manutenzione di parchi e giardini.

http://www.giardinisenzapolline.com/index.php

Venerdì 1 marzo 2013 - I CAPOLAVORI DELLA FONDAZIONE MARCHI

Il Quartiere 2 tra arte, artigianato e spiritualità

Venerdì 1 marzo 2013
SCOPRI FIRENZE
I CAPOLAVORI DELLA FONDAZIONE MARCHI

(Appuntamento ore 15,30 all’ingresso della Fondazione, Piazza Savonarola 17)
Prenotazione obbligatoria telefonando allo 055.2302477
oppure via e-mail a: info@firenzefedearte.it
La partecipazione alle visite è gratuita. (Max 25 persone a visita)

Cinefestival - 21 febbraio - 28 marzo 2013

Stensen|Cinema presenta Cinefestival, una nuova rassegna con alcuni tra i più bei film usciti nell’ultima stagione. Cinque titoli da non perdere provenienti dai festival internazionali, tutti firmati da altrettanti autori del cinema contemporaneo: dal colorato mondo vintage di Wes Anderson alla Napoli decadente e sognante di Matteo Garrone, dal melodramma fisico e abbagliante di Jacques Audiard al nuovo thriller del redivivo William Friedkin, fino all’austero e impareggiabile cinema di Béla Tarr, che si mette sulle tracce della follia di Nietzsche.

All'interno della rassegna, due eventi speciali.
Il primo è dedicato a Joaquin Phoenix, vero erede di Marlon Brando e Robert De Niro, straordinario interprete dell’ultimo film di Paul Thomas Anderson, “The Master”, per cui è in corsa per il premio Oscar. Il secondo è invece tutto per Gipi, uno dei migliori disegnatori e fumettisti italiani, che dopo il sorprendente debutto alla regia con il film “L’ultimo terrestre”, ha deciso di riprendere in mano la cinepresa, per raccontarsi in una veste inedita, rivolgendo l'obiettivo verso se stesso.

PROGRAMMA

Giovedì 21 febbraio ore 21.00  
Evento speciale I’M STILL HERE
in lingua originale sottotitolato in italiano
di Casey Affleck, Tom Blomquist (USA, 2010, 108’)

Giovedì 28 Febbraio ore 21.00
MOONRISE KINGDOM
di Wes Anderson (USA, 2012, 94’)

Giovedì 7 Marzo ore 21.00
UN SAPORE DI RUGGINE E OSSA
di Jacques Audiard (Francia/Belgio, 2012, 120’)

Venerdì 8 Marzo ore 21.00
Evento speciale SMETTERE DI FUMARE, FUMANDO...
di Gipi (Italia, 2012, 68’) Alla presenza del regista

Giovedì 14 Marzo ore 21.00
REALITY
di Matteo Garrone (Italia, 2012, 115’)

Giovedì 21 Marzo ore 21.00
IL CAVALLO DI TORINO
di Béla Tarr (2011, Ungheria/Francia/Germania/Svizzera, 150’)

Giovedì 28 Marzo ore 21.00
KILLER JOE
di William Friedkin (USA, 2011, 103’)

Programma dettagliato e Info: http://nuovo.stensen.org/wp-content/uploads/2013/02/cinefestival-stensenWEB2.pdf

mercoledì 20 febbraio 2013

Modi di dire: “Ho preso una zizzola!”


Testo di Roberto Di Ferdinando

La zizzola è il sinonimo regionale di giuggiola (il frutto del giuggiolo), ma in Toscana, ed a Firenze in particolare, è una parola usata anche per significare nel senso figurato o scherzoso un fatto avverso o spiacevole, oppure per indicare un colpo accidentale, un colpo di freddo o di vento molto freddo.
RDF

dal 28 Febbraio al 28 Marzo - " Anni '30, quando Montale leggeva Simenon"

Mostra di rarità bibliografiche
In mostra le prime edizioni dei romanzi polizieschi del celebre autore francese, acquisite del Gabinetto Scientifico Letteraio G. P. Viessuex sotto la Direzione di Eugenio
Inaugurazione 28 Febbraio ore 12
ORARIO
lunedì- venerdì 9.00 – 18.30; sabato 9.00 – 13.00
Biblioteca del Palagio di Parte Guelfa
P.zza di Parte Guelfa – 50123 Firenze
tel. 055 2616030 – fax 055 2616031
e mail bibpg@comune.fi.it

Un parco pubblico dedicato a Mario Luzi nell'area del campeggio di piazzale Michelangelo

Delibera approvata dalla Giunta. Diventa realtà il sogno del poeta fiorentino
Un grande parco pubblico dedicato a Mario Luzi nascerà nell'area del campeggio di piazzale Michelangelo. E' stata approvata dalla giunta comunale la delibera di indirizzo che dà il via alle procedure per la realizzazione del parco. Il sindaco ha commentato con soddisfazione l'approvazione dell'atto, sottolineando come il sogno del poeta fiorentino Mario Luzi possa finalmente diventare realtà. Per fiorentini e turisti sarà un altro luogo importante e di pregio che si aggiunge alla bellezza che la città già offre. La giunta ha ribadito la 'valenza di interesse pubblico' dell'area oggi adibita a campeggio, ma ha previsto al tempo stesso il mantenimento dell'offerta turistico-ricettiva per questa tipologia di strutture con lo spostamento del campeggio in un altra zona della città. In via temporanea saranno rilasciate autorizzazioni per la realizzazione di aree di sosta attrezzata per camper e caravan nell'area di viale Dalla Chiesa in attesa della definizione dell'assetto urbanistico della zona. L'attuale funzione di campeggio per tende sarà comunque mantenuta fino al 31 ottobre 2013, anche in vista dei Mondiali di Ciclismo e della conclusione della stagione estiva.
(Testo tratto da: http://www.comune.fi.it/opencms/opencms/comune_firenze/ultime_notizie/e0280.html)

24 febbraio 2013 - Concerto del duo "Tacco & Pirro": "Tapping on the right stride (Ticchettando sulla giusta andatura)"

ore 11 - Sezione di antropologia, Sala del Caminetto, Via del Proconsolo, 12 - Firenze
Organizzazione: Università di Firenze, Orchestra dell’Università di Firenze, Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze
L'ingresso ai concerti è gratuito. Per chi fosse interessato a visitare la sezione del Museo che ospita gli appuntamenti in programma il costo del biglietto è di € 6. Alla fine del concerto è possibile anche una visita guidata, di 30 minuti circa, (compresa nel costo del biglietto) per la quale è obbligatoria la prenotazione, presso la biglietteria, la mattina stessa dell'evento. Particolari agevolazioni per i soci Coop.
Per saperne di più: http://www.unifi.it/upload/sub/notizie/agenda/programma_complessivo_Tempio_Muse.pdf
https://www.youtube.com/channel/UC50uXNVxEXJ6JU6bIvJZQ1A

martedì 19 febbraio 2013

23 febbraio 2013 ore 17.00 - Conferenza: FIRENZE e la TOSCANA

Ciclo di conferenze a cura di Anita Tosi:

La donna nobile
Boccaccio e Fiammetta
(prima parte)

Le donne protagoniste nella poesia e nella vita dei poeti: Dante, Petrarca e Boccaccio.
Come cambia attraverso i secoli il ruolo, l’importanza, la visione della figura femminile nella
letteratura del medioevo.
Firenze - Palazzo Vecchio
Salone de’Dugento
Ingresso libero fino ad esaurimento posti
23 febbraio 2013 ore 17.00

Cultura Commestibile - rivista di approfondimento culturale

Cultura Commestibile, rivista di approfondimento culturale, con un vasto menù di prelibatezze: arte, spettacolo, letteratura, cinema, politica.


CONTATTI
mail: redazione@culturacommestibile.com
tel. 0552001875
Borgo Santa Croce 8, 50125, Firenze

http://www.culturacommestibile.com/rivista
http://www.facebook.com/cultura.commestibile

Firenze 24 febbraio 2013 - IX INCONTRO NAZIONALE DI ARCHEOLOGIA VIVA

Firenze 24 febbraio 2013 • Palazzo dei Congressi • Auditorium
Sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica
Ingresso libero
PROGRAMMA
8.00 Apertura dell'Auditorium
8.20
Apertura dell'incontro
Piero Pruneti direttore Archeologia Viva
«Verso il futuro con la memoria del passato»
8.30
Dario Di Blasi direttore Rassegna Internazionale Cinema Archeologico - Museo Civico di Rovereto
Proiezione del film: Il patrimonio perduto di Timbuctù, di Gregor Lutz, Germania, 43'
9.30
Luca Attenni direttore Museo Civico di Lanuvio
Giuseppina Ghini direttore archeologo Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio
«Per grazia ricevuta... Grandi scoperte: la stipe votiva di Pantanacci»
In collaborazione con Gruppo Tutela Patrimonio Archeologico della Guardia di Finanza
10.00
Piero Bartoloni docente di Archeologia fenicio-punica all'Università di Sassari
«Nuragici e Fenici: la Sardegna vista dal cielo»
10.30
Pausa per incontri e documentazione
11.30
Andrea Carandini docente di Archeologia classica all'Università di Roma "La Sapienza"
«Com'eri bella Roma... Ecco l'Atlante dell'Urbe»
12.00
Luigi La Rocca soprintendente ai Beni archeologici della Puglia
Giuliano Volpe docente di Archeologia tardoantica e rettore dell'Università di Foggia
«Gli splendori di Ascoli Satriano: dai grifoni di un principe daunio alla villa di un aristocratico tardoantico di Faragola»
In collaborazione con Comune di Ascoli Satriano
12.30
Carlo Peretto docente di Antropologia all'Università di Ferrara
Roberto Sala docente di Preistoria - Universitat Rovira i Virgili di Tarragona
«Arrivano gli uomini: alle origini del popolamento europeo»
13.00
Pausa per pranzo, incontri e documentazione
14.30
Luciano Canfora docente di Filologia greca e latina all'Università di Bari
«Il mondo di Atene: una democrazia perfetta?»
15.00
Simona Rafanelli direttore Museo Civico Archeologico "Isidoro Falchi" di Vetulonia
«La Maremma toscana fra Etruria e Roma: dalle prime intuizioni alle ultime scoperte»
Presentazione de La Maremma dei musei. Viaggio emozionale nell'arte, la storia, la natura, le tradizioni del territorio grossetano, di Andrea Semplici (edizioni Effigi). Interviene l'Autore
In collaborazione con Rete Museale della Provincia di Grosseto

15.30
Valerio Massimo Manfredi archeologo e scrittore
«Ulisse secondo Manfredi: "Il mio nome è Nessuno"»
(intervento da confermare per sopraggiunti impegni del relatore)

16.00
Pausa per incontri e documentazione
16.30
Gemma Sena Chiesa docente di Archeologia classica all'Università degli Studi di Milano
«Costantino 313 d.C. L'Editto che cambiò l'Impero»
17.00
Daniele Morandi Bonacossi docente di Archeologia e Storia dell'arte del Vicino Oriente antico all'Università di Udine
«Kurdistan iracheno: ritorno nel cuore dell'impero assiro»
17.30
Giuseppe Orefici direttore Centro Italiano Studi e Ricerche Archeologiche Precolombiane
«C'era una volta l'Amazzonia. Trentacinque anni di ricerche nel bacino delle Amazzoni»
18.00
Alberto Angela archeologo e scrittore
«Amore e sesso nell’antica Roma»  
18.30
Conclusioni e chiusura della manifestazione

Interviene:
Cristina Scaletti assessore alla Cultura - Regione Toscana

Bookshop a cura di Giunti Editore
INGRESSO LIBERO
I posti a sedere (1200) non sono prenotabili
Informazioni: Tel. 055.5062303
archeologiaviva@giunti.it

lunedì 18 febbraio 2013

“Sant’appoggino l’era ieri!”

(fonte: I ‘Tirabaralla 2013)

Espressione rivolta a chi ha l’abitudine (molesta) di appoggiarsi e riposarsi (metaforicamente e non) su un'altra persona
RDF

DOMENICA 24 FEBBRAIO - Teatro della Pergola - Visita guidata storica

DOMENICA 24 FEBBRAIO
Teatro della Pergola
Ore 10.15; 11.15; 12.15

Visita guidata storica
Un viaggio unico al mondo nei misteri della scena all’interno di uno dei teatri più antichi del mondo: questo è il percorso museale della Pergola. Un itinerario che svela non solo la storia di un edificio ma dell’arte teatrale stessa. Partendo dagli ambienti dell’antica città ottocentesca (il Vicolo delle Carrozze, il Pozzo, la Stanza dei Nomi, la Salita dei Cavalli) attraversa il teatro attualmente utilizzato: il sontuoso Saloncino, il Foyer, la Sala e il Palcoscenico, fino al leggendario Primo Camerino della Duse; per terminare sotto la platea del Teatro ad ammirare i meravigliosi oggetti lì custoditi.

Ingresso 6 euro, ridotto 4 euro (OVER 60, UNDER 26, Abbonati, PERGOLACARD, Soci Coop)
Acquisto
Teatro della Pergola, via della Pergola 18, 055.0763333 biglietteria@teatrodellapergola.com
Orario: dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 18.30
Acquisto on line http://www.boxol.it/teatrodellapergola
Prenotazioni museo@teatrodellapergola.com , 055 2264312

22 febbraio 2013 - Presentazione del quinto volume della collana: "I Navigatori Toscani"

ore 16,30 - Aula Magna di Palazzo Fenzi, via San Gallo, 10 - Firenze
Organizzazione: Comitato Amerigo Vespucci a Casa Sua, Firenze Libri srl Reggello (Fi)

Per saperne di più: http://www.unifi.it/upload/sub/notizie/agenda/2009_1112/Navigatori_Toscani22feb2013.pdf

domenica 17 febbraio 2013

La politica economica delle grandi opere passò anche da Firenze


(fonte: Sette-Corriere della Sera)
Testo di Roberto Di Ferdinando

La teoria economica che vede i lavori pubblici (le grandi opere) come uno strumento efficiente per combattere la disoccupazione e dare rilancio ad un’economia fiacca, molto gradita all’economista John Maynard Keynes (da cui la teoria keynesiana), non è una scoperta recente. Nell’articolo di Giovanni Vigo sull’ultimo numero di Sette-Corriere della Sera, dal titolo “Fu Periclne l’inventore del diritto al lavoro”, l’autore ripercorre la storia del pensiero economico e dell’importanza dell’edilizia pubblica quale strumento anti-crisi, individuando l’origine di tale approccio già nell’antica Grecia. Ed anche a Firenze in passato fu scelta questa misura per fronteggiare disoccupazione e ristagni economici. Per contrastare le conseguenze della grave carestia che colpì il Granducato tra il 1629 ed il 1630 , le autorità di governo promossero politiche economiche che prevedevano dei lavori pubblici per combattere la disoccupazione. Così si leggeva in una cronaca del periodo, pubblicata nell’articolo di Vigo: “ [il Granduca]..ordina che si dia principio alla facciata di S. Maria del Fiore e si tiri a fine la fabbrica del palazzo de’Pitti, per sovvenimento di più artieri e del popolo minuto. E perché i lavoratori della terra sono le membra dello stato si provveda ancora questi, col farli cavar fossi e condotti per tirar copia d’acqua per utile et abbellimento della città”.
Il Granduca era Ferdinando II de’Medici (figlio di Cosimo II), che a 18, nel 1628 salì alla guida del Granducato. Subentrò alla madre ed alla nonna e cambiò anche politica economica. Infatti, il suo governo abbandonò gli sperperi che avevano caratterizzato la reggenza di sua madre e di sua nonna, così furono ridotte le spese di corte, fu posta l’attenzione ai bisogni del popolo e lo stesso Granduca in persona si attivò nei soccorsi per l’epidemia della peste che colpì Firenze nel 1630. Carestia e peste misero in ginocchio la città e parte del Granducato, Ferdinando II scelse quindi la via dei lavori pubblici e delle grandi opere per contrastare la disoccupazione e la crisi incontrando così il favore dei suoi sudditi.
RDF

sabato 16 febbraio 2013

18 febbraio - L’ARCHITETTURA A FIRENZE DAL DOPOGUERRA AD OGGI


L’ARCHITETTURA A FIRENZE DAL DOPOGUERRA AD OGGI
Ne parla Ulisse Tramonti il 18 febbraio e il 4 marzo al Lyceum Club Internazionale di Firenze. Tra i protagonisti Michelucci, Ricci, Detti, Savioli, Fagnoni, Gamberini. Ingresso libero
«Conosciamo di Firenze le testimonianze lasciateci dagli antichi e poi dall’Ottocento quando divenne capitale del Regno d’Italia, ma ci resta l’interrogativo: che cosa resterà del Novecento? che cosa lasciamo al futuro?».

Così Aurora Nomellini, presidente della sezione Arte del Lyceum Club Internazionale di Firenze, riassume l’interrogativo al centro delle due conferenze di Ulisse Tramonti, ordinario di Progettazione architettonica all’Università di Firenze, ospitate lunedì 18 febbraio e lunedì 4 marzo, alle 17, dalla sua sezione nella sede di Palazzo Giugni (via Alfani 48), con ingresso libero.

Sotto il titolo “L’architettura a Firenze dal Dopoguerra ad oggi” e con l'ausilio di immagini, il professor Tramonti traccerà in due tappe «un quadro complessivo dell’architettura che ha caratterizzato la città dalla ricostruzione postbellica fino ad oggi, senza tralasciare necessari riferimenti alla facoltà di architettura cittadina, che Marcello Piacentini qualificò con l’identità culturale di “Scuola Fiorentina”». «Giovanni Michelucci, Leonardo Ricci, Edoardo Detti, Leonardo Savioli, Raffaello Fagnoni, Italo Gamberini – continua Ulisse Tramonti – sono tra gli altri gli architetti più noti che di quella scuola furono insegnanti e protagonisti fino agli anni ’90. Attraverso le loro opere sarà dunque possibile delineare le tendenze architettoniche, molte volte contraddittorie, che nel tempo hanno contribuito a disegnare il volto della città contemporanea».

Il ciclo rientra nella rassegna “Gli anni Trenta al Lyceum di Firenze e i valori della contemporaneità” che ha avuto il sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e il patrocinio di Provincia, Comune e Quartiere 1.

(testo tratto da: http://met.provincia.fi.it/)

Il Tempietto del Santo Sepolcro nella Cappella Rucellai


Testo e Foto di Roberto Di Ferdinando

Da oggi è riaperto al pubblico, dopo alcuni anni di restauro, il Tempietto del Santo Sepolcro, nella Cappella Rucellai, unico luogo consacrato all’interno della ex chiesa di San Pancrazio, che oggi ospita il Museo Marino Marini e da cui si accede alla cappella.
Il tempietto è un monumento funebre, raccoglie infatti le spoglie di Giovanni di Paolo Rucellai, che diede il maggior lustro alla famiglia nobile fiorentina (si veda: http://curiositadifirenze.blogspot.it/2012/12/la-fortuna-nacque-dalla-pipi.html), ed è opera di Leon Battista Alberti, l’architetto di “fiducia” della famiglia Rucellai.
Il nome “del Santo Sepolcro” deriva dal fatto che il tempietto riproduce in scala il Santo Sepolcro di Gerusalemme. Nel 1457 Giovanni Rucellai incaricò l’amico Alberti di realizzare un tempio che in futuro ospitasse i sui resti (Giovanni Rucellai morì nel 1481) nella chiesa di San Pancrazio, vicina al suo palazzo di via della Vigna Nuova. Nel 1467 Alberti completa il monumento in tipico stile rinascimentale.
Scriverà il Vasari: “per i medesimi Rucellai fece Leon Batista in San Pancrazio una cappella che si regge sopra gl’architravi grandi posati sopra due colonne  e due pilastri, forando sotto il muro della chiesa, che è cosa difficile, ma sicura. Onde questa opera è delle migliori che facesse quest’architetto”. Il tempietto, di base rettangolare, nelle sue dimensioni e proporzioni rispetta il rapporto aureo, le pareti sono rivestite da tarsie di marmo bianco e verde che ricordano i rivestimenti del Battistero e di San Miniato al Monte e da formelle che riproducono eleganti motivi decorativi geometrici (a base quadrata o circolare), infatti secondo Alberti la geometria aiutava ad approfondire i misteri della fede. Alcune formelle decorative, una per lato, invece, simboleggiano gli stemmi araldici di Giovanni Rucellai (la vela spiegata al vento con le sartie sciolte), di Cosimo il Vecchio (il mazzocchio con tre piume), di Piero de' Medici (l'anello di diamante con due piume)e di Lorenzo il Magnifico (i tre anelli intrecciati). La famiglia Rucellai era difatti legata per il matrimonio dell figlio di Giovanni con i Medici).
Sulla trabeazione corre l’iscrizione di un versetto di Matteo, mentre il coronamento è rifinito con una merlatura gigliata, infine una lanterna a base circolare sovrasta la copertura. In origine la lanterna era posta più indietro, nell’ottocento, durante un restauro, fu spostata per renderla più visibile.
L’accesso al tempio avviene attraverso una piccola porta posta su un lato della facciata (il sepolcro all’interno infatti occupa metà della larghezza della camera) e sovrastata dalla lapide mortuaria in onore di Giovanni Rucellai. All’interno due affreschi (Cristo morto sorretto da due angeli e Resurrezione) di Giovanni da Piamonte, della scuola di Piero della Francesca, e la statua di “Cristo giacente”.
Nel 1808 i francesi, che avevano occupato Firenze, decisero di murare l’ingresso dalla chiesa alla Cappella, sconsacrare la chiesa e farne, per editto napoleonico, la sala d’estrazione dell’Imperiale Lotteria di Francia. Per usufruire della Cappella fu creato un accesso (ancora visibile la porta di ingresso) sull’adiacente via della Spada . Rimasta da allora sconsacrata la chiesa oggi ospita il Museo Marino Marini, mentre la cappella è di proprietà della Curia di Firenze e mantiene la sua destinazione di luogo sacro destinato al culto. Solo con i recenti restauri la comunicazione con la chiesa è stata ripristinata.
RDF


venerdì 15 febbraio 2013

L’Arrosto morto


Testo di Roberto Di Ferdinando

Il nome ispira poco, ma è ritenuto tra i più gustosi piatti della tradizione culinaria fiorentina. Il suo particolare nome deriva dal modo in cui è cucinato. Infatti la carne (principalmente il coscio di coniglio) non passa dal forno, ma è cotta in un tegame coperto, per almeno 45 minuti, e questo procedimento dà alla carne un colore bruno che ricorda, appunto, quello del lutto.

Ricetta:
Pulire accuratamente il coniglio, lavarlo bene e scolarlo, poi tagliarlo a pezzi; porli in una padella, mettere questa sul fuoco e lasciarvela qualche minuto, affinchè la carne perda l'eventuale odore di selvatico.

Porre poi in una teglia l'olio, uno spicchio di aglio intero e un rametto di rosmarino. Soffriggere dolcemente quindi accomodate nel recipiente il coniglio. Salare, pepare e cuocere in forno a calore moderato, aggiungendo, quasi a cottura ultimata un poco di brodo caldo. Accompagnarlo con verdure di stagione.

Si legga anche la ricetta numero 526 “ARROSTO MORTO”, tratta dal libro di Artusi “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” (http://www.buttalapasta.it/)

Modi di dire: “A iosa”


Testo di Roberto Di Ferdinando

“A iosa” è un’espressione (locuzione avverbiale) usata nella lingua parlata e letteraria per indicare qualcosa “in gran copia”, di “abbondante”. Trae origine dalla pronuncia toscana della parola “chiosa”, usata nell’antichità per definire i soldi finti (i fac-simile) utilizzati nei giochi per i bambini. I “chiosa” erano dei piccoli dischi di piombo o legno che facevano, per finta, da uso di monete nei giochi d’azzardo, insomma, gli antesignani delle moderne fiches. Con l’espressione “a chiosa” (“a iosa”) si indicava quindi una merce disponibile in grandissime quantità tanto da poter essere acquistata con le chiose (quindi di pochissimo o nessun valore monetario).
RDF

La Cappella Rucellai riapre al pubblico - visite gratuite

La Cappella Rucellai riapre al pubblico

Completato il restauro, sabato e domenica ingresso gratuito al Museo Marino Marini e al Sacello dei Rucellai
Riapre al pubblico la Cappella Rucellai, il tesoro trecentesco che vanta una delle opere di Leon Battista Alberti: il Tempietto del Santo Sepolcro. Il Tempietto di Leon Battista Alberti fu realizzato nel 1467 ed è una copia in scala di quello di Gerusalemme. Si tratta di un'opera illustre presso gli studiosi d'arte di tutto il mondo, ma non molto conosciuta a Firenze. La Cappella Rucellai, insieme al Tempietto, farà parte del percorso di visita del museo.

In occasione del restauro della Cappella e della sua riapertura al pubblico, sabato 16 e domenica 17, dalle ore 10.00 alle ore 19.00, sarà gratuito l’ingresso al Museo Marino Marini e al Sacello dei Rucellai. Può accedere alla Cappella un massimo di 25 persone ogni 30 minuti.

Ingresso: Museo Marini - Piazza San Pancrazio -  Firenze


(Foto tratta da: http://www.piazzadellenotizie.it)

Parole di Firenze - dal Vocabolario del fiorentino contemporaneo

Teresa Poggi Salani, Neri Binazzi, Matilde Paoli, Maria Cristina Torchia, il volume Parole di Firenze, dal Vocabolario del fiorentino contemporaneo edito dall’Accademia della Crusca (pag. 460 circa).

Il volume presenta una selezione di circa 900 voci ed espressioni raccolte dalla viva voce dei parlanti fiorentini dei quartieri di Santa Croce, San Frediano e Rifredi, le cui parole sono state registrate e puntualmente trascritte in ampi contesti. Attraverso le pagine del volume il lettore ritrova il fiorentino come lingua “intera”, quindi, come ogni lingua, legato al contatto con le cose di ogni giorno e a quello che a tutti accade nella vita quotidiana.
È dunque un fiorentino svincolato da stereotipi che lo collocano facilmente “sopra riga”, quasi fosse necessariamente solo il regno dell’espressività e della battuta, dimenticando - nientemeno - che ci sono anche i “nomi delle cose”.

giovedì 14 febbraio 2013

20 febbraio 2013 - Visita all'Osservatorio Ximeniano

Ultimo incontro nell'ambito degli "Incontri per Docenti" Università di Firenze ANISN (22 novembre 2012 - 18 gennaio 2013)

ore 15,30 - Piazza San Lorenzo, 6 - Firenze

Organizzazione: Dipartimento di Scienze della Terra e Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze, Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali Sezione di Firenze
La visita è a numero chiuso e a prenotazione. Iscrizioni via e-mail a anisnfirenze@mail.it

Per saperne di più: http://www.msn.unifi.it/mdswitch.html

Conferenze "Pellegrinaggio a Firenze"

Pellegrinaggio a Firenze - ciclo di conferenze.

Lunedì 18 febbraio ore 21: GERUSALEMME. IL MITO, LA STORIA, LA TRAGEDIA - a cura del prof. F. Cardini - tratterà di Gerusalemme, del mito che coinvolge e rappresenta questa città, della sua storia e della tragedia che in essa si è consumata e si consuma.

Gli incontri si svolgeranno a Firenze in via Corelli 33/c presso il centro dei Ricostruttori
tel: 055417536
3332748234

“Bardini vende tutto!”: incontri per grandi e piccini

Sabato 16 febbraio, primo appuntamento con gli incontri-gioco per far conoscere a grandi e piccini l’attività del grande antiquario Stefano Bardini e le opere “custodite” nel Museo a lui intitolato. Si tratta dell’iniziativa “Bardini vende tutto!”, allestita al Museo dall’associazione culturale Artediffusa, che proseguirà fino a maggio. I primi due appuntamenti in calendario sono per sabato 16 alle 11 e alle 14.30 e domenica 24 febbraio alle 11.

Il gioco sarà ambientato nel 1910, nel giorno del compleanno di Stefano Bardini che, in tale occasione, deciderà di vendere tutte le opere del suo atelier. Appresa la notizia, collezionisti di fama mondiale si affretteranno per acquistare il suo enorme patrimonio. Vestire i panni dei grandi collezionisti e antiquari del tempo sarà un’esperienza entusiasmante che permetterà, attraverso le logiche dell’acquisto, dell’asta e del baratto, di conoscere le opere del Museo e di comprenderne il valore e l’antichità, divertendosi. Una sfida collezionistica che si concluderà con la proclamazione dell’“Antiquario d’eccezione” del giorno e la visita alle opere del Museo, “acquistate” durante il gioco. Gli incontri, della durata di due ore ciascuno, si svolgeranno sotto la supervisione del personale dell’associazione e prevedono la sessione di gioco e la visita al Museo. La prenotazione è obbligatoria. Il prezzo speciale per i bambini è di 2 euro.

Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 349.1800311 oppure scrivere una e-mail all’indirizzo bardini.atuttiicosti@gmail.com

Per info consultare il sito www.museicivicifiorentini.it

Di seguito il calendario degli incontri nei mesi di marzo, aprile e maggio:
MARZO
Sabato 2 (ore 14.30), domenica 10 (ore 11) e domenica 24 (ore 11)
APRILE
Domenica 14 (ore 11) e sabato 20 (ore 14.30) e sabato 28 (ore 14.30)
MAGGIO
Domenica 5 (ore 11) e domenica 19 (ore 11)

17-18 -19 febbraio - Giornate di Studi su Lorenzo Bartolini

La Galleria dell'Accademia, in collaborazione con il Gabinetto G. P. Vieusseux, sta organizzando Giornate di Studio su Lorenzo Bartolini.
Il convegno nasce a seguito della mostra "Lorenzo Bartolini, scultore del bello naturale", tenuta presso la Galleria dell'Accademia nel 2011, per approfondire nuove problematiche e argomenti più complessi, ad esempio il rapporto con Genova e Parma, che la mostra non ha potuto sviluppare.

Questo il calendario delle giornate di studio:
presso la Galleria dell'Accademia, Tribuna del David - I seduta
- domenica 17 febbraio dalle ore 18.00 alle 20.00 - presentazione del date base delle opere di Lorenzo Bartolini
- lunedì 18 febbraio dalle 9.30 alle 18.30 circa
presso il Gabinetto G. P. Vieusseux, sala Ferri - II seduta
- martedì 19 febbraio 2013, dalle ore 9.00 alle 13.00


Info e programma: http://www.uffizi.firenze.it/eventi/evento.php?t=50c5e353f1c3bc1417000010

14 febbraio - VISIONI SPIRITUALI D’ITALIA”: DOPPIA CONFERENZA AL LYCEUM DI FIRENZE

VISIONI SPIRITUALI D’ITALIA”: DOPPIA CONFERENZA AL LYCEUM DI FIRENZE
Il 14 febbraio il 2° e 3° incontro del ciclo riuniti in unico evento in cui Alessandro Gori presenterà ‘Toscana Minore’ di Arturo Stanghellini e ‘Maremma’ di Delfino Cinelli. Prevista anche una performance in ottava rima di Fabrizio Ganugi. Ingresso libero.
 
Saranno affidate ad Alessandro Gori la seconda e terza tappa del ciclo di «conferenze su conferenze» “Visioni spirituali d’Italia”. Un ciclo dedicato alla rilettura dei testi dell’omonima serie di conferenze tenute negli anni Trenta al Lyceum Club Internazionale di Firenze da illustri intellettuali ed artisti dell’epoca, quando la presidente della sezione Letteratura del club era Jolanda De Blasi.
Giovedì 14 febbraio, alle 17,30, a Palazzo Giugni (via Alfani 48), sede del club femminile fiorentino, il professor Gori presenterà e commenterà i suggestivi affreschi di ‘Toscana minore’ di Arturo Stanghellini (Pistoia 1887 – 1948) e ‘Maremma’ di Delfino Cinelli (Signa 1889 – Siena 1942), due conferenze del 1931. In queste due conferenze, come in tutte le altre “Visioni spirituali d’Italia”, Stanghellini e Cinelli si cimentarono oralmente su un luogo italiano di riferimento o un aspetto cruciale del Belpaese in vista della successiva pubblicazione. La collana di “instant book” che ne scaturì, della casa editrice Nemi, ebbe grande successo negli anni ‘30.
Giovedì pomeriggio al Lyceum le presentazioni di Gori verranno accompagnate dalla lettura di passi significativi di tali testi e versi o brani di prosa degli autori toscani in essi citati. Un modo per calarsi nella dimensione culturale di allora. Alla manifestazione darà il suo contributo la performance vocale di Fabrizio Ganugi, un giovane studioso esperto in canti popolari della nostra regione e straordinario esecutore in "ottava rima".
Questo incontro fa parte della rassegna “Gli anni Trenta al Lyceum di Firenze e i valori della contemporaneità” che ha avuto il sostegno dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e il patrocinio di Provincia, Comune e Quartiere 1.
L’ingresso è libero.
 
Per informazioni, Mirka Sandiford, tel.: 055-3249190

mercoledì 13 febbraio 2013

dal 15 al 17 febbraio Social Trekking a Firenze


Per chi ama camminare arriva a Firenze da venerdì 15 a domenica 17 febbraio Social Trekking, l’evento organizzato da Walden insieme alla Società Italiana dei Viaggiatori. Una tre giorni a impatto zero, tra passeggiate, trekking urbano e in campagna, dove ci si sposta solo a piedi e con i mezzi pubblici.

Venerdi 15 si parte dalla stazione ferroviaria delle Piagge alle 15.50 da cui parte la passeggiata per scoprire il quartiere, accompagnati da don Alessandro Santoro. Alle 20 cena sociale su prenotazione preparata dai volontari del quartiere.

Sabato 16 il ritrovo è alle ore 8.45 alla stazione di Santa Maria Novella, da cui partono e passeggiate migranti in città. A pranzo si può assaggiare qualche piatto tipico fiorentino nei locali, situati tutti in centro, suggeriti dalla condotta di Firenze di Slow Food. Il pomeriggio passeggiate con itinerario a “sorpresa”, affidati alle guide fiorentine doc. Dalle 16 in poi presso la chiesa accanto all’ostello di Santa Monaca ci sarà un incontro sui vari aspetti del viaggio , con Alessandro Agostinelli, direttore del Festival del Viaggio, Claudio Ferrari, autore del libro “Economia e democrazia”, Gianfranco Bracci e Marco Parlanti, autori della guida “Etruscan Trail”, Alessandro Vergari, autore della guida “Social Trekking”.

Domenica 17 il festival si sposta a Scandicci per una passeggiata nella natura. Si parte alle 9 in Piazzale Kennedy a Scandicci per una camminata di 10 chilometri sulle colline: il percorso toccherà anche la chiesa di Mosciano, Lebbiano, il Parco d’Arte di Poggio Valicaia e proseguirà tra i boschi di Casignano alla grotta di San Zanobi, fino all’azienda agricola Poggio al Vento

Per informazioni e prenotazioni info@waldenviaggiapiedi.it

Calcio Storico, i veterani rievocano la partita dell’Assedio del 1530



L'appuntamento è domenica 17 febbraio quando, per iniziativa dell’Associazione 50 minuti, verrà rievocata dai veterani del Calcio Storico Fiorentino la storica Partita dell’Assedio del 17 febbraio 1530.

L’appuntamento è in piazza Santa Croce alle 10, quando i calcianti faranno ingresso nella Basilica accolti dal padre priore Antonio Di Marcantonio. A seguire in piazza Santa Croce è prevista una esibizione. Durante l’iniziativa saranno distribuiti pan di ramerino e raccolti fondi per l’Associazione Toscana Tumori.

Il 18 febbraio Firenze celebra l'Elettrice Palatina - Musei Comunali Gratuiti

Il 18 febbraio Firenze celebra l'Elettrice Palatina

Ingresso gratuito ai musei civici e visite guidate

Chi era l'Eletrrice Palatina:
http://curiositadifirenze.blogspot.com/2011/05/anna-maria-demedici-elettrice-palatina.html

Info: www.palazzovecchio-museoragazzi.it

martedì 12 febbraio 2013

Mercoledì 13 febbraio ore 18.00. - "Parliamo di musica" con Stefano Bollani

"Parliamo di musica" con Stefano Bollani

Stefano Bollani ci parla di musica. Parte dall'abc, la differenza tra note, accordi e armonie, per arrivare a disquisire del concetto di interpretazione. Ci racconta l'origine dell'opera classica e ciò che accomuna una jam session alla musica tribale africana. Ci spiega la differenza tra un libro e uno spartito, e dice la sua sul modo migliore di avvicinare un bambino alla musica. Abbiamo il piacere di ospitare Stefano Bollani che ci racconta il suo libro Parliamo di musica (Mondadori).
(testo tratto dall'evento su Facebook: http://www.facebook.com/#!/events/543528282334867/?notif_t=plan_user_invited)

Mercoledì 13 febbraio ore 18.00.
Libreria Feltrinelli
via de' Cerretani 30r- Firenze
tel.0552382652

La Salsa alla Fiorentina (la famosa salsa verde)

Come "Salsa alla Fiorentina" è poco conosciuta, ma appena diciamo “salsa verde” ecco, sappiamo subito a cosa ci riferiamo: la tradizionale salsa fiorentina dal colore verde che si usa in abbinamento ai bolliti, in particolare con il lampredotto (si veda: http://curiositadifirenze.blogspot.it/2012/09/il-lampredotto.html), o con i crostini. Per prepararla esistono varie ricette, ne riporto qui due:

ingredienti: capperi, cipollina, aglio salvia, basilico, prezzemolo, olio extravergine di oliva, limone, sale e pepe.

preparazione: tritare finemente 50 gr di capperi, una cipollina e uno spicchio di aglio, schiaccateli con la lama di un coltello e mescolate con un pizzico di prezzemolo, qualche foglia di salvia e basilico tritate. Aggiungere due cucchiai di olio e, poi, il succo di limone, il sale e il pepe. Amalgamareil tutto.

Variante con l’uovo e filetti di acciuga:
ingredienti per 4 persone: Foglie di prezzemolo 50 gr, Uovo sodo 1, Filetti di acciuga 2, Capperi sott'aceto 1 cucchiaio, Giardiniera sott'aceto 2 cucchiai, Pinoli 2 cucchiai, Aglio 1/2 spicchio, Olio di oliva, sale e pepe.
Preparazione:  assodate l'uovo e lasciatelo raffreddare, mettete nel cutter a lama tutti gli ingredienti lasciando fuori solo una parte di olio, il sale ed il pepe. Frullate bene in modo da omogeneizzare tutto, poi trasferite in contenitore ed incorporate il sale ed il pepe e l'olio quanto basta per legare la salsa e dargli una consistenza spalmabile. L'uovo si può sostituire con mollica di pane bianco o con una patata lessa fredda.
(ricetta tratta da: http://www.ilgiornaledelcibo.it)
RDF

17 febbraio 2013 - Il Dì di festa - Una giornata di eventi, iniziative, visite guidate, escursioni

Il Dì di festa
DOMENICA 17 febbraio 2013
Una giornata di eventi, iniziative, visite guidate, escursioni, attività ricreative, spettacoli, proiezioni, mostre e degustazioni enogastronomiche.
Alla scoperta delle bellezze turistiche e della ricchezza culturale della Toscana meno conosciuta.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio).

Le Vie Romee e la Fierucolina di Santo Spirito, tra storia e gastronomiaDomenica 17 Febbraio - 09:00
Sotto al Perseo - Piazza della Signoria - Firenze, FI 
Un’affascinante camminata partendo a piedi dal centro di Firenze gironzolando tra le colline intorno al Piazzale. Un facile percorso tra antiche strade, oliveti e boschi, ville, antiche pievi e splendide viste sulla città. Si partirà da Piazza della Signoria in direzione Porta di San Miniato inizio della Via Romea Vecchia Aretina, per percorrere le vecchie strade della città che ancora si intrecciano sulle sue colline, si visiterà la splendida chiesa di San Miniato al Monte e si proseguirà tra le colline del Piazzale Michelangelo fino alla Porta Romana, ingresso “senese” alla città. Percorreremo un tratto delle vecchie mura della città, le poche rimaste  dopo le grandi trasformazioni del 1864, fino a raggiungere Piazza Santo Spirito e "La Fierucolina".
Ore di Cammino 3
Pranzo al sacco, rientreremo nel primo pomeriggio.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Riscopriamo un grande classico: le Cappelle Medicee in San LorenzoDomenica 17 Febbraio - 10:00 - Piazza Madonna degli Aldobrandini 6 - Firenze, FI 
Le Cappelle Medicee, la cui storia è strettamente legata a quella della Chiesa di San Lorenzo a cui appartengono, sono il luogo di sepoltura dei membri della famiglia Medici.
Visita allo splendido Museo costituito dalla Sagrestia Nuova, disegnata e concepita nel suo arredo scultoreo da Michelangelo, dalla Cappella dei Principi, monumentale mausoleo in pietre dure, il cui sfarzo abbagliante è dato dai ricchissimi intarsi in commesso fiorentino, per la realizzazione dei quali fu creato l’Opificio delle Pietre Dure, dalla Cripta, dove sono sepolti i Granduchi Medici e i loro familiari, e dalla Cripta lorenese, che accoglie, oltre alle spoglie della famiglia dei Lorena, il monumento funebre a Cosimo il vecchio “Pater Patriae”.
Durata della visita 2 ore circa.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Alla scoperta dei Principi etruschi
Domenica 17 Febbraio - 11:00
Museo Archeologico Nazionale di Firenze - Piazza della Santissima Annunziata n.9b
Firenze, FI 
Un viaggio per conoscere, attraverso reperti di straordinaria importanza e bellezza, la vita e la morte dei “Signori di Maremma”, di quelle aristocrazie locali che emersero nella società etrusca nel periodo del suo massimo splendore, l'Orientalizzante, e che hanno lasciato testimonianze di particolare rilievo nell'area maremmana.
In collaborazione con
Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana
Durata della visita circa 2 ore.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Lo spettacolo della cultura. L’Accademia della Crusca e i segreti degli accademici svelati attraverso i mottiDomenica 17 Febbraio - 11:00 - Villa Medicea di Castello - Via di Castello 46 -Firenze, FI 
Una visita guidata vi condurrà nella prestigiosa sede dell’Accademia della Crusca. Qui, nella famosa e affascinante Sala delle Pale, attraverso gli stemmi personali degli Accademici e i loro motti o insegne, vi verranno narrate le storie e le curiosità di uomini tanto illustri. Il percorso si chiuderà nel meraviglioso giardino della Villa Medicea di Castello.
Durata 2 ore.
Minimo 20 partecipanti.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Viaggio al centro della PergolaDalle rappresentazioni cinquecentesche degli Uffizi al teatro moderno
Domenica 17 Febbraio - 11:00
Piazza della Signoria Lato Piazzale Uffizi  - Firenze, FI 
Un viaggio unico al mondo nei misteri della scena all’interno di uno dei teatri più antichi del mondo: la Pergola. Un itinerario che svela la storia dell’edificio e dell’arte teatrale stessa ma che inizierà stavolta dal piazzale degli Uffizi con un’introduzione che prenderà avvio dalla storia del teatro sin dal Cinquecento fino ad arrivare ai fastigi dell’Ottocento.
Durata 1 ora.
Minimo 20 partecipanti.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Palazzo Vecchio, una finestra sulla storia di FlorentiaDomenica 17 Febbraio - 14:30
Biglietteria di Palazzo Vecchio - Piazza della Signoria -Firenze, FI
Un’affascinante visita guidata per ripercorrere 1500 anni di storia in un solo luogo, la storia di Firenze raccontata attraverso le articolate stratificazioni di questo palazzo: si inizierà con la visita allo scavo archeologico del teatro romano e dei livelli medievali, per passare poi a illustrare la storia di Piazza della Signoria e degli ampliamenti del palazzo e alla visita dei quartieri monumentali.
La visita costituisce un eccezionale excursus sulla storia della città di Firenze: nell’area in cui sorge il Palazzo e nell’antistante Piazza della Signoria si concentrano infatti testimonianze che vanno dal periodo di fondazione della città romana, impiantata tra il 30 e il 15 a.C., fino agli interventi attuali.
In collaborazione con
Musei Civici Fiorentini
Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana.
Durata della visita  3 ore.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Un pomeriggio fra maschere, baffi e parrucche nella più antica bottega di Firenze: FilistrucchiDomenica 17 Febbraio - 15:00
dietro la Statua di Dante - Piazza Santa Croce -Firenze, FI 
Visita a Filistrucchi, la più antica bottega artigiana fiorentina,  il cui mestiere si tramanda di padre in figlio dal lontano 1720 e che per secoli ha vestito e truccato non solo artisti ma anche nobili, dame e cavalieri.
Un approccio insolito al mondo dello spettacolo, che svela i segreti del trucco scenico, della creazione di maschere e parrucche.
Alla fine della visita rimarremo ancora un po’ tutti insieme per gustare una golosa cioccolata calda con bignè in un caffè del centro.
Durata: 1ora e 30 circa.
Numero minimo di partecipanti 10, massimo 15.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Un’opera un’ora: la PrimaveraDomenica 17 Febbraio - 16:30
porta n°3 - Galleria degli Uffizi - Piazzale degli Uffizi -Firenze, FI 
Mito, Filosofia ed Arte a Firenze nel Quattrocento: il significato misterioso del celebre capolavoro di Sandro Botticelli conservato alla Galleria degli Uffizi.
Durata: 1 ora  circa.
Numero minimo di partecipanti 20, massimo 25.
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

Svelate. Il segno femminile nelle collezioni artistiche fiorentineConferenza di Mina Tamborrino e Nanda Pratellesi con proiezione di materiale iconografico
Domenica 17 Febbraio - 17:00
Libreria delle Donne -Via Fiesolana 2/b - Firenze, FI 
Una breve storia dell’arte “al femminile”: 23 artiste, oltre alla lungimirante Anna Maria Luisa  de' Medici (1667 – 1743), che hanno operato a Firenze e ci hanno lasciato in eredità, insieme alla loro produzione, un esempio di determinazione nel perseguire le proprie inclinazioni e il proprio talento (in periodi storici non facili), a volte anche a costo della propria incolumità.
Introduce Milly Mazzei.
In collaborazione con
Associazione Fiesolana 2b
Info e prenotazioni
055 5001495 info@ttctoscana.com.
Orario del servizio prenotazioni
dal lunedì al venerdì
ore 9-17 (attivo anche sabato 16 febbraio)
Inizio servizio prenotazioni venerdì 1 febbraio.

testo tratto da: http://www.ildidifesta.it/

Giovedì 14 febbraio 2013 - La città fragile: Firenze e le nuove povertà

Giovedì 14 febbraio 2013 - ore 20.00

La città fragile: Firenze e le nuove povertà
In un momento di forte crisi economica Firenze si scopre più fragile e più povera.

presso: L'Aurora Onlus via de'Macci 11 FirenzeL'Aurora Onlus via de'Macci 11 Firenze

Ne parleremo con:
Antonella Coniglio Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Firenze
Rosario De Zela dell'associazione "Contigo Perù"
Maria Pia Passigli Responsabile Editoriale di "Fuoribinario"
Niccolò Rinaldi, Parlamentare Europeo e Vicepresidente del Gruppo ALDE

modera Francesca Mercanti.

a seguire un piccolo aperitivo per finire la serata tutti insieme.

lunedì 11 febbraio 2013

"L'è come la SITA, ci montan tutti!"


Motto dispregiativo per indicare una persona di facili costumi (la SITA è l'azienda di trasporti pubblici).
RDF

14 febbraio - La danza per difendere le donne

Il 14 febbraio, alle 15, in piazza Repubblica, tutti sono invitati ad un evento flash mod in cui ci sarà la musica e quindi da ballare. Infatti, il 14 febbraio, oltre ad essere San Valentino, è anche il V-day, il giorno mondiale contro la violenza verso le donne, ed in questo giorno One billion rising, l'associazione fondata da Eve Eslner (l'autrice dei Monologhi della vagina), ha creato un evento mondiale cercando di portare in piazza a ballare almeno un miliardo di persone. Ma non sarà un ballo qualsiasi, infatti, questo miliardo di persone dovrà ballare secondo una coreografia, semplice, che si può imparare in pochi passi seguendo questo tutorial: http://theglobaltheatreproject.org/italiano/stop-the-violence/ .
RDF

Festa di San Valentino - 14 febbraio 2013 - Agevolazioni nei Musei

Festa di San Valentino - 14 febbraio 2013

In tutti i luoghi d’arte statali, si entra in due con un solo biglietto

info: http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_1907449756.html

venerdì 8 febbraio 2013

Domenica 10 febbraio La Fierucola - Scambio di Semi e Marze Locali Tradizionali

Domenica 10 febbraio La Fierucola - Scambio di Semi e Marze Locali Tradizionali

il programma della giornata:

Nuova edizione di "Ricordando Daniela - Poesie di Daniela Pagani"




"Daniela Pagani nacque a Firenze il 24 marzo 1965.
Fino da piccola manifestò una spiccata attitudine al canto, a 5 anni partecipò allo Zecchino d’Oro con la canzoncina “Che bella festa sarà”. A scuola era brava soprattutto in italiano e fino dalle elementari scriveva piccole frasi poetiche che col passare degli anni divennero vere e proprie poesie, che sono state raccolte in due piccoli libri: “Cavalli d’Argento” e  “Sensazioni Future”.
Per Daniela scrivere e cantare era tutta la sua giovane vita.
A circa 20 anni a seguito di un consiglio errato da parte di un medico su come intervenire su di un nervo che le dava fastidio (le fu consigliato di bruciarlo), iniziò quel calvario che doveva poi portarla alla morte.
E’ mai possibile che uno specialista dermatologo non si accorga che un nervo può essere un melanoma e che non doveva essere assolutamente bruciato, ma asportato chirurgicamente!
Non voglio giudicare tale medico, tutti possono sbagliare, ma quando l’errore costa una vita umana, resta inconcepibile e inammissibile! Nonostante la sofferenza per le metastasi  che prolificavano in tutto il corpo, la sofferenza per la chemioterapia e la cobaltoterapia, Daniela non si perdeva d’animo e riprese gli studi universitari con grande profitto.
Fino a quando Daniela non ci vide più , poi non ci sentì più e infine non riuscì neppure più a parlare e l’unico modo in cui comunicava con noi era attraverso una lavagnetta sulla quale scriveva tutto quello che voleva dirci.
Così ci comunicava le sue atroci sofferenze.
Il 2 giugno 1987 alle ore 13,45, Daniela lasciò la vita a soli 22 anni.
Io padre di Daniela ho voluto ristampare “Cavalli d’Argento
(la prima edizione essendo esaurita).
Perché così Daniela rimanga nei nostri cuori.
" Paolo Pagani (pagani.paolo42@libero.it)

Si legga anche: http://curiositadifirenze.blogspot.it/2012/05/daniela-pagani-poetessa-fiorentina.html

San Valentino sulla Torre di Arnolfo

In occasione della festa di San Valentino i Musei Civici Fiorentini con l’Associazione Museo dei Ragazzi propongono un evento speciale per tutte le coppie:  sarà possibile visitare in esclusiva il camminamento di ronda e la torre di Arnolfo a Palazzo Vecchio per godere di una meravigliosa vista sulla città e brindare con una coppa di champagne. Sulla sommità della Torre sarà infatti proposto un elegante brindisi con vista su Firenze.

Ingresso dalle h18.30 alle h20.00 (ultimo accesso h19.30). Posti limitati – prenotazione obbligatoria. Euro 13,00 a persona.

Contatti per adulti e famiglie
Tel. +39 055 2768224 – +39 055 2768558
dal lunedì al sabato, 9.30 -17.00
domenica 9.30-12.30
info.museoragazzi@comune.fi.it

"Gli incontri all'ora dell'aperitivo" - dal 12 febbraio

"Gli incontri all'ora dell'aperitivo"
Per tratteggiare i principali cambiamenti della cultura occidentale nel 900, con Venti Lucenti e personalità della cultura fiorentina.

Presso: Bibliotecanova Isolotto in via chiusi 4/3 zona Via Canova 

Informazioni:  055 710834 – bibliotecanovaisolotto@comune.fi.it

AgriKulturae - il mercato in biblioteca - Sabato 9 febbraio

AgriKulturae - il mercato in biblioteca - Sabato 9 febbraio 

Dalle 9,00 - Mercato contadino e laboratorio agricolo-culturale per un'altra economia possibile: sostenibile, sobria e solidale. Vendita di produzioni locali di qualità, animazioni, convivialità.
Dalle 9:00 alle 16:30 - Vendita di pane, pasta, olio, vino, verdure, conserve, miele, marmellate, formaggi della nostra terra e prodotti ecologici per la casa e per il corpo.
13:00 Pranzo condiviso: porta da casa piatto, posate, bicchiere e qualcosa da condividere a tavola
15:00 Campagna per l’agricoltura contadina: assemblea aperta per l’elaborazione di una proposta di legge regionale in difesa dell’agricoltura contadina.

Presso la Bibliotecanova Isolotto in via chiusi 4/3 zona Via Canova
info: www.bibliotecacanovaisolotto.comune.fi.t

giovedì 7 febbraio 2013

10 FEBBRAIO 2013 - Musei gratis per i residenti e provincia

Si potranno visitare Palazzo Vecchio, la Torre di Arnolfo, la Cappella Brancacci, il museo Bardini e la Fondazione Salvatore Romano

Giornata di apertura straordinaria e gratuita ai nati e/o residenti a Firenze e provincia del Museo di Palazzo Vecchio (apertura 9-24), della Torre di Arnolfo (ingressi ogni mezz’ora in orario 10-17 - obbligatoria la prenotazione), della Cappella Brancacci (ingressi ogni venti minuti in orario 13-17 - obbligatoria la prenotazione), del museo Bardini e della Fondazione Salvatore Romano.
La «Domenica del fiorentino» di febbraio propone alcuni appuntamenti speciali: l’incontro con Anna Maria Luisa de’ Medici, più nota come Elettrice Palatina, nell’occasione dell’anniversario della morte; l’attività «Squisita scoperta.
Il Granducato di Toscana e la via del cioccolato», in concomitanza con la Fiera artigianale del cioccolato in città.
«Maschere di Palazzo», grazie al quale sarà possibile realizzare e indossare una serie di maschere ispirate alla decorazione di Palazzo Vecchio.

Per partecipare alla giornata è necessario essere muniti della tessera «Un bacione a Firenze»: chi ha già partecipato alle precedenti «domeniche», ne è già in possesso, mentre chi ne è sprovvisto può ritirarla gratuitamente presso la sede degli Urp (Uffici relazioni con il pubblico) della città.
La prenotazione delle varie visite guidate e attività è obbligatoria e gratuita e si può effettuare telefonando da oggi fino a sabato dalle 9.30 alle 17 e domenica dalle 9.30 alle 12.30 ai numeri 055-2768224 o 055-2768558 oppure inviando una e-mail a: info.museoragazzi@comune.fi.it. Info e prenotazioni sul sito: http://www.palazzovecchio-museoragazzi.it/

Ciclo di incontri dal titolo "Alchimia come via allo spirito"

L'Alchimia e l'Ermetismo sono state le scienze più importanti tra il Cinquecento ed il Seicento, praticate da grandi personaggi come Paracelso, Fludd, Cardano, John Dee e molti altri, affascinando anche
principi come Francesco I dei Medici, Granduca di Firenze. Ancora oggi il Simbolismo arcano, i testi enigmatici, i misteriosi processi dei laboratori alchemici, con fornelli e fuochi, mantici e alambicchi, alla ricerca della trasmutazione dei metalli in oro e della creazione della Pietra Filosofale che guarisce da tutti i mali, esercitano un potente fascino e possono essere interpretati sia in senso scientifico che allegorico.

Da martedi 12 febbraio ciclo di incontri con il seguente programma:

Martedì 12 Febbraio alle ore 21: L'Arte regia della trasmutazione,
relatore Alessandro Mazzucchelli.

Martedì 19 Febbraio alle ore 21: L'Athanor, il fornello degli alchimisti ,
relatrice Barbara Placidi.

Martedì 26 Febbraio alle ore 21 I princìpi dell'Ermetismo,
presentazione del libro "L'Uomo e il Cosmo - indagini filosofiche tra Scienza ed
Ermetismo",
a cura dei due autori Daniele Corradetti e Gianluca De
Martino.

Al ciclo di conferenze farà seguito un corso di approfondimento
articolato in quattro incontri, sempre di Martedì alle ore 21, dal 5 al 26 Marzo.

Per ogni informazione non esitate a contattarci.
La Segreteria è aperta nei seguenti orari:
LUNEDI' ore 10 -13 e 16 -19
MERCOLEDI' ore 10 -13 e 16 -19
VENERDI' ore 10 -13 e 16 -19
SABATO ore 10 -13

Associazione Archeosofica, Sezione di Firenze Lungarno Guicciardini,
11/r
50125 Firenze
Tel. 055215940
info.firenze@boxletter.net

10 febbraio 2013 - Teatro della Pergola - In Sua Movenza è Fermo

Teatro della Pergola
DOMENICA 10 FEBBRAIO
Ore 11.15, 12.15
IN SUA MOVENZA è FERMO

Visita guidata con spettacolo

Un viaggio nel percorso museale, arricchito da vere e proprie presenze teatrali. Misteriose apparizioni che sbucano dai più riposti angoli degli spazi segreti per raccontare in prima persona le vicende della Pergola, tra impresari, cantanti bizzose, macchinisti e sartine.

Ingresso 15 euro, ridotto 12 euro (OVER 60, UNDER 26, Abbonati, PERGOLA CARD, Soci Coop).
PER INFORMAZIONI:
Ufficio Comunicazione, via della Pergola 18 – Firenze, tel. 055. 2264312 museo@teatrodellapergola.com

mercoledì 6 febbraio 2013

10 febbraio 2013 - Concerto dei "Train de Vie": "Morfologia e altre storie, in acustico"

ore 11 - Sezione di Zoologia "La Specola", Salone degli Scheletri, via Romana, 17 - Firenze
Organizzazione: Università di Firenze, Orchestra dell’Università di Firenze, Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze

L'ingresso ai concerti è gratuito. Per chi fosse interessato a visitare la sezione del Museo che ospita gli appuntamenti in programma il costo del biglietto è di € 6. Alla fine del concerto è possibile anche una visita guidata, di 30 minuti circa, (compresa nel costo del biglietto) per la quale è obbligatoria la prenotazione, presso la biglietteria, la mattina stessa dell'evento. Particolari agevolazioni per i soci Coop.

Per saperne di più: http://www.unifi.it/upload/sub/notizie/agenda/programma_complessivo_Tempio_Muse.pdf
https://www.youtube.com/channel/UC50uXNVxEXJ6JU6bIvJZQ1A

FIRENZE NEL '900: CULTURA, STORIA, SOCIETA' - Ciclo di Conferenze

A cura del Comitato Fiorentino per il Risorgimento
Sala Archi Villa Pozzolini ore 17,00
Viale Guidoni 188 - Firenze
(FEBBRAIO-MARZO 2013)

8 Febbraio 2013 ore 17,00
”Firenze Capitale della Cultura”: le riviste.
A cura di G. Lori

15 Febbraio 2013 ore 17,00
Lo sviluppo industriale agli inizi del XX secolo
A cura di F. Bertini

1 Marzo 2013 ore 17,00
La Grande Guerra
A cura di A. Scarlino

8 Marzo 2013 ore 17,00
Un'istituzione culturale femminile: Lyceum
A cura di M. Sandiford

15 Marzo 2013 ore 17,00
Gli anni del regime fascista
A cura di A. Campagnano

22 Marzo 2013 ore 17,00
L' architettura degli anni 30anni '30
A cura di S. Casprini

INGRESSO GRATUITO
INFO UFFICIO CULTURA Q.5 Tel.: 055/2767046

martedì 5 febbraio 2013

9 febbraio 2013 - Visite guidate al Torrino de ‘La Specola’

9 febbraio 2013 Visite guidate al Torrino de ‘La Specola’
Sezione di Zoologia “La Specola”, Via Romana, 17 - Firenze

Uno sguardo sul passato astronomico di Firenze in un viaggio tra scienza e arte, attraversando ambienti molto suggestivi e osservando preziosi strumenti alla scoperta di una delle discipline più antiche.

2 visite guidate: 10.30-11.30 e 11.30-12.30

info: 055 2346760

Campagna elettorale in Toscana

Paoli, il ristorante artistico

Testo di Roberto Di Ferdinando

In via de’Tavolini 12 rosso c’è l’antico ristorante Paoli. Fu fondato nel 1824 da Pietro Paoli come osteria e pizzicheria, con i tipici tavolini di marmo e le gambe di ferro. Ben presto il locale divenne meta di vari artisti nelle loro soste gastronomiche a Firenze, infatti, qui erano soliti mangiare Leoncavallo, Puccini, Marinetti. Le sale di questo tipico ristorante toscano hanno subito negli anni varie modifiche, molte delle quali artistiche. Infatti, Carlo Coppedé nel 1916 affrescò tre lunette ispirandosi alle novelle del Decamerone, mentre nel 1919 la suggestiva “Saletta delle Rose” fu dipinta e decorata con ceramiche dal grande Galileo Chini. Nel locale si possono ancora ammirare anche le ceramiche di Cantagalli e il busto del presidente americano Wilson, opera di Rivolta. Negli anni Cinquanta il locale si arricchì di nuove opere di Luciano Guarnieri e di Pietro Annigoni.
RDF

(foto tratta da: http://www.esercizistorici.it)

lunedì 4 febbraio 2013

Mercoledì 6 febbraio ore 18 al SUC delle Murate con Alessandro Benvenuti

Mercoledì 6 febbraio ore 18 al SUC delle Murate
con Alessandro Benvenuti

Mercoledì 6 febbraio alle ore 18, al SUC delle Murate (piazza delle Murate), appuntamento da non perdere con l’attore Alessandro Benvenuti, intervistato dalla giornalista Valentina Grazzini. INGRESSO LIBERO.
L’iniziativa fa parte della rassegna Anteprime vi racconto il mio assolo, organizzata dal Teatro di Cestello in collaborazione con l’Associazione Culturale La Nottola di Minerva.

Durante l’incontro Alessandro Benvenuti ripercorrerà le tappe salienti della sua storia di attore, di regista, e del suo spettacolo, che si terrà al Teatro del Cestello il 7 febbraio, dal titolo “Recital Irrequieto”. Un Benvenuti informale e vicino al pubblico come raramente è possibile vedere, e che continua la sua personale “canzone teatrale”, con brani che restituiscono dell’attore e regista toscano il suo volto meno conosciuto. Si tratta di una rosa di momenti comici tratti da alcuni dei suoi spettacoli alternati a canzoni di Fabrizio De Andrè, Francesco Guccini, Piero Ciampi, Rino Gaetano e dello stesso Benvenuti.

Ufficio Stampa
Associazione Culturale La Nottola di Minerva
cell. 3333538916/3382502237

PROGRAMMA
ANTEPRIME VI RACCONTO IL MIO ASSOLO: rassegna di monologhi e teatro di narrazione
Mercoledì 6 febbraio ore 18 SUC delle Murate
Alessandro Benvenuti con Valentina Grazzini

Martedì 19 febbraio ore 18 – SUC delle Murate
Elisabetta Salvatori con Andrea Bigalli

Martedì 9 aprile ore 18 – SUC delle Murate
Gianluigi Tosto con Sergio Givone

Martedì 5 febbraio 2013, ore 18.00 - Presentazione del romanzo: I BACI DI UNA NOTTE

Martedì 5 febbraio 2013, ore 18.00, Confindustria - Sala Conferenze Via Valfonda 9 - Firenze

Presentazione del romanzo
I BACI DI UNA NOTTE
di Antonella Boralevi
RIZZOLI

Saluti di Simone Bettini

Intervengono con l’autrice, Sergio Givone e Marco Giorgetti

Modera Paolo Ermini

Letture a cura del Centro di avviamento all’espressione del Teatro della Pergola

Brindisi con l’autrice